Fabio, Sport Masseur, Author at warmfit - Page 2 sur 22
Home  »  Community News  »  Fabio, Sport Masseur, Author at warmfit - Page 2 sur 22
Juil
27
Fabio, Sport Masseur
Fifth Biological Law: the Nature’s quintessence
Doctor R. G. Hamer EN Official Group
0

Fifth Biological Law: the Nature’s quintessence;  Fifth Biological Law: the quintessence of Nature’s intelligent design

 

Fifth Biological Law: the Nature's quintessence

 

Fifth Biological Law: the Nature’s quintessence

 

Intelligent design theory is considered “pseudoscientific” or even “junk science.” There is usually no place for it in a scientific discussion, and almost never in the raw, clinical coldness of a medical facility.

The phrase came from fundamentalist Christians who were working to circumvent the legal ruling that the theory of evolution could be taught as a scientific theory, while the creation story of the Book of Genesis could not be presented as a science teaching.

I’m a scientist, but I have always loved the phrase “intelligent design,” because it so eloquently conveys the incredibly elegant reality of the patterns of Nature, including those that govern disease and healing. This phrase is much closer to the reality of the way the world works than the boring, mechanical concepts of “random mutation” and “natural selection.”

Whether the God of Christianity or the non-God of mechanistic science was the creator of these beautifully-efficient patterns and governing laws does not change the truth: the system is intelligent. It’s beyond intelligent, in fact; it’s pure genius.

The Underlying Design, the Quintessence, or the Basic Meaning of Disease and Healing:

Every disease, discomfort, illness, or symptom is a significant and meaningful part of a special biological program of Nature. Each symptom of each disease makes total sense in the context of our ontogeny and our evolution.

Regardless of our religious beliefs, or lack thereof.

We are taught in school and by the society around us that everything in the whole universe tends toward disorder and that if we don’t work at it, everything will fall apart. This is our misinterpretation, and this misinterpretation leads to a lot of suffering.

Why would God or Nature produce a world that is always just barely keeping itself from utter collapse?

Nature takes care of itself, with perfect efficiency – and with profound intelligence. Nothing in Nature is ever meaningless or “malignant.” We are part of Nature, and therefore Nature takes care of us as it takes care of itself – with perfect efficiency and never a single molecule of meaningless waste.

Every conflict-shock that we experience that catches us off-guard triggers a special biological program of Nature that assists us in resolving the actual conflict situation.

Every disease – physiological or mental or emotional – can be seen as a meaningful, most efficient, completely appropriate, and temporary program of Nature. That’s the quintessential meaning of the forces unleashed upon us as part of this vastly intelligent design.

Every program of Nature pulls us toward wholeness – health – never in the direction of deterioration. It is only conflict-shock experiences, unresolved, that pull us away from health. Nature’s intelligent design immediately works to move us

http://www.warmfit.com/it_IT/groups/doctor-r-g-hamer-en-official-group-1250855151/forum/

Fifth Biological Law: the Nature’s quintessence Fifth Biological Law: the Nature’s quintessence Fifth Biological Law: the Nature’s quintessence Fifth Biological Law: the Nature’s quintessence Fifth Biological Law: the Nature’s quintessence Fifth Biological Law: the Nature’s quintessence Fifth Biological Law: the Nature’s quintessence Fifth Biological Law: the Nature’s quintessence Fifth Biological Law: the Nature’s quintessence Fifth Biological Law: the Nature’s quintessence Fifth Biological Law: the Nature’s quintessence Fifth Biological Law: the Nature’s quintessence Fifth Biological Law: the Nature’s quintessence Fifth Biological Law: the Nature’s quintessence 

Juil
27
Fabio, Sport Masseur
Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law
Doctor R. G. Hamer EN Official Group
0

Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law;  the role of germs in disease and healing

Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law

Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law

The little germs that surround and fill our bodies sure do have a bad rap these days. I’m scared of chemicals, so to me it seems as though there has been a wave of “germophobia” in the last couple decades that has everyone dousing themselves in all kinds of microbe-killing chemicals to ward off the threat posed by these invisible creatures.

It wasn’t always so; we haven’t been so terrified of cooties all along. But when our society did start being scared of microscopic organisms, we walloped them with every weapon we could get our hands on!

In the 1950’s spirit of “better living through chemistry,” housewives painted their kitchen shelves with DDT and lead to ward off the evil infectious spirits, and practically every little kid in North America had his tonsils removed because they were thought to harbour germs believed to be the cause of everything from sore throats to polio.

Rachel Carson was the first to really point out the rising suspicion that the chemicals being used to kill off germs were much more dangerous to our health – and the health of many other species – than the germs themselves. In 1962, she wrote a book called “Silent Spring” that set off the entire environmental movement. Those of you who, like me, are afraid of chemical toxins in the world around you, can thank Rachel Carson for triggering the environmental movement that made us all aware of the dangers of chemicals.

I wish she’d also dealt with the non-dangers of germs while she was at it. Despite the rise of “chemophobia,” a lot of people in our society are still more terrified of germs. It is the primary justification for our massive chemical sales industry – not to mention the very lucrative market for antibiotics and other germ-killing drugs!

Fear of cancer due to chemicals competes with fear of infection due to germs, in some kind of horrible balancing act that keeps many people in a state of near-constant hypochondriacal compulsiveness.

But now we know what really causes cancer and infection, so it’s time for society to stop being terrified, and start taking charge of our health.

So, what really is the role of germs – fungi, mycobacteria, bacteria, viruses – in disease? How do these microscopic critters fit into what we now know about the real causes and progression of the disease and healing process?

Germs are in our bodies all the time – yes, even cholera, tetanus and the other dreaded infectious microbes. But they only flare up and do anything under very specific circumstances.

Certain microbes, if present in our bodies at the time of the original DHS (conflict-shock experience), will participate, but only in the healing phase, of diseases.

This means that germs are neither the cause of the diseases – we know what the true cause of diseases is – nor are they participants in the conflict-active phase of any disease.

Opportunists

Microbes, if present, participate in the healing phase of diseases by opportunistically consuming excess tissues that the body no longer needs when it moves into the healing phase of a disease process.

Even more specifically, infection-related germs only participate in old-brain governed disease healing processes.

When the psyche, brain and body function of old-brain biological processes are activated by a conflict-shock experience, the relevant old-brain directs the body to create more and more tissue in the affected body area in order to increase the functional capability of that tissue.

Later, when the conflict experience is resolved, the psyche and brain “shut off” these excess tissues that were built during the conflict-active phase, because they are no longer necessary to the body. In fact, they’re now just clutter. As a result of being shut off, the extra tissue becomes dead tissue.

Germs – fungi, mycobacteria, and bacteria – will consume this extra, dead tissue. They will not consume live tissue that is still being innervated (electrically-controlled) by the brain.

The resulting microscopic population explosion that occurs as a result of the germ population in that part of the body suddenly having a new “food” source is called “infection.” However, the idea that the germs cause the infection is a deeply unscientific cultural myth that has been scaring our society into buying a lot of expensive (and sometimes dangerous) chemicals and medications for about six or seven decades now.

(Actually, the germ theory of disease has been around a bit longer than that, but it was only in the 40’s and 50’s that the general population rejected its flaws, embraced the theory, and got into the ecologically-dangerous practice of actually trying to eradicate germs from our bodies and our surroundings )

Microorganisms do not cause disease, they are simply participants in the removal of dead tissues. This is exactly analogous to the fact that insects do not cause garbage, but are often opportunistic participants in the breakdown of garbage.

In Nature, there is no waste. Energy that was brought into our bodies as extra tissue to try and deal with a situation that we didn’t have enough energy to deal with at the moment that it occurred does not linger in the body after it is no longer needed. Instead, the same thing happens to it as happens to the rest of our body after we are no longer using it: fungi, mycobacteria, and bacteria consume the materials that were once part of our body, and they convert that energy back into usable materials that can be used by the food web for the rest of the Community of Life.

If creation continues for our entire lives, so does death and recycling. Ashes to ashes.

Microbes in Our Ontogeny

The participation of germs in healing of our diseases has evolved right along with the formation of our four brains and our four body systems.

Because of this, the very oldest functions of our body involve one oldest type of animal microbes – the fungi. Fungi particularly become active in our very oldest body function, relating to getting food morsels into and out of our bodies. This means that fungi – such as candida yeasts – are the active microbes during the healing phase of conflict experiences that have involved our intestinal tract.

Later in history, more complicated digestive functions, such as the processing of air, water, and light, were also governed by the old-brain. These more sophisticated functions still involve microbes, but more sophisticated microbes called mycobacteria, which are usually called tuberculosis. Mycobacteria are single-celled creatures that have the properties of both fungus and bacteria.

Tuberculosis mycobacteria, if they were present in the body at the time of a DHS relating to a problem with processing air, water, or light, participate in the healing phase of conflicts that involved the lungs, the kidney collecting tubules, or the irises of the eyes.

The other old-brain function, our protective corium skin that envelops our body and several of our vital internal organ systems, builds tissue during the conflict-active phase of an experience of “attack” against our physical body. Bacteria, which are more sophisticated than mycobacteria or fungi, participate in the breakdown of these extra protective tissues when the conflict has been resolved.

Hey, What About Viruses?

The whole theory of pathogenic (disease-causing) viruses is seriously flawed. The idea of a bit of dead DNA that can’t even reproduce itself somehow coordinating en masse to invade a living, intelligently-designed cell millions or billions of times larger than itself, then taking over the cell’s entire reproductive apparatus in order to duplicate itself, and then killing the cell in order to meaninglessly go on to attack even more cells…

… well, “far-fetched” is a gentle way of putting the hypothesis.

In fact, a disease-causing virus has never, ever been isolated, characterized and described. Viruses have never even been collected from diseased tissues in order to blame them for causing the diseases. Pathogenic viruses are completely hypothetical.

Nevertheless, if disease-causing viruses exist, they are participants in the healing phase of new-brain governed diseases, which would mean that they participate by helping to re-build deteriorated tissues that are controlled by the new-brain. This means that, if they exist, they are somehow present while bone, blood, lymph, muscle, and skin tissues heal themselves.

Perhaps viruses, which are really little bits of inert DNA that aren’t complete enough to do any kind of lifelike activity, are used as raw material to physically repair tissues that have been lost in the conflict-active phase of a disease.

The Appropriate Use of Antibiotics and Germ-Killing Chemicals

Antibiotics do not need to be used to completely eliminate microbes from our bodies, because these microbes for the most part are actually helpers in our system, participating in the process of dissolving and clearing out tissues that we no longer need for our optimal functioning. Antibiotics can be helpful, however, if they are used sparingly in order to reduce severe healing phase symptoms that follow the resolution of a severe conflict-shock experience.

As for using germ-killing chemicals to sanitize our external environment, this practice has gone way overboard in our daily lives. Good old soap and water is the the best choice in 95% of all situations. We do need to keep our homes and bodies clean and tidy, but banishing all microscopic life from the world around us is not only impossible and unnecessary, the attempt to do so is ecologically very, very damaging. Therefore, it is a threat to our own overall health and well-being.

The only reason we need to keep our bodies and homes somewhat clean and tidy, is because an organized life is one in which we are much less likely to encounter conflict experiences (such as stepping on a rusty nail, not being able to conveniently create a good meal, or sleeping in a cold bed) that could lead to disease symptoms. In fact, an experience of filthiness or dirtiness in and of itself can constitute a conflict-shock experience.

But, for people like me that are scared of harsh chemicals, a noseful of bleach or the taste of strong hand-sanitizer chemicals on my lips constitutes a much worse offense to my psyche, brain, and body than does a bit of mud.

http://www.warmfit.com/it_IT/groups/doctor-r-g-hamer-en-official-group-1250855151/forum/

Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological Law Doctor R. G. Hamer – Fourth Biological La

Juil
27
Fabio, Sport Masseur
Doctor Hamer – The Third Biological Law
Doctor R. G. Hamer EN Official Group
0

Doctor Hamer – The Third Biological Law     the underlying ontogeny system of disease.

Ontogeny isn’t really a word tossed around in everyday conversation, but it’s actually a fascinating topic, and a key to several of life’s greatest mysteries, including the mystery of how and why disease and healing occur.

 

Doctor Hamer – The Third Biological Law

 

Doctor Hamer – The Third Biological Law

 

In fact, a basic understanding of the ontogenetic system of diseases reveals that the processes of disease and healing are actually very precise and completely consistent from one person – and one species – to the next.

 

The beauty of the knowledge of this, the third biological law (the system of ontogeny), is that even the most terrifying medical diagnosis and prognosis now can be put into a meaningful frame of reference – which takes most of the fear right out of it. For this reason alone, it’s absolutely worth learning about ontogeny and its role in the development of all diseases. So I’ll get started with a definition of ontogeny.

The word ontogeny comes from two parts: ontos, meaning “to be,” and genesis, meaning “creation.” So “ontogeny” means “to be created.” The word ontogeny is used to describe all the steps and stages that we go through in our physical creation, from the moment of conception until our creation ends…

…when we exhale our last breath.

When you think about it, it makes complete sense. We learn every day of our lives, we have experiences every day of our lives, and we act on those experiences and learnings every day of our lives… so why shouldn’t our physical forms also be participating in that ongoing process, just as they did when we were little embryos and newborn babies?

Ontogeny is the study and description of this process of our biological form growing and developing and being created every day of our lives. And the findings of ontogeny studied with a German New Medicine® perspective reveal an explanation for every disease symptom we ever experience!

The Ontogeny System of Diseases: Every disease, originating from a conflict-shock experience, is “managed” by a psyche-brain-body-function system that has evolved specifically to deal with that particular type of conflict-shock experience.

This is a biological law of nature, impossible to break, which applies without exception to every symptom that takes place in our bodies, whether physical, mental, or emotional.

Human Ontogeny Briefly Summarized

Immediately after we become a fertilized ovum – a few moments after conception – we get busy with our ontogeny. First, the fertilized egg divides into two almost identical cells. Whether the fertilized egg divides to the left or to the right determines our handedness for the rest of our lives.

Within days, the fertilized egg has divided and divided so many times that it has become a little ball of cells (called a morula or a blastula). This ball of cells, as it continues to grow, begins to divide itself into layers, four of them altogether (though in standard texts, the two middle layers are referred to as a single layer called “the mesoderm”).

All of this happens before Mom even knows that you’re on the way.

Ontogeny continues: these four layers develop greater and greater complexity. But for the rest of your life, they remain their own distinct layers with their own distinct functions, almost like your body is made up of four different bodies that all work together throughout your life, but are distinct entities.

By this, I mean that each of these four layers sticks only to its own functions for the rest of your life. The inner layer that eventually develops into your digestive tract, lungs, middle ear, and kidney collecting tubules… that part of your body never takes on the tasks of the outer layer that eventually develops into your outer skin, your coronary arteries, and your eyes.

Each of these four layers of our bodies and the functions that they perform are controlled by their own brain parts. In a way, in addition to your body being made up of four distinct bodies that all work together, you also have four different brains that all work together to run those four sets of body functions!

And it is very important to note that the brain(s) run every single function of the body(ies). Brains are not just for sitting around thinking up physics equations. Our brains run everything from breathing to blood chemistry to emotions. Everything in the body is directed by the brain – or, more specifically, by its own related brain.

Functions of the Four Brains and Their Related Body Systems

Most ontogeny studies pretty much leave off before you get to the part about the brain(s). Ontogeny has become a bit of a muddled subject over the past few decades because of a controversy over a theory that was proposed in 1866 that suggests that the process of human ontogeny repeats all the stages of evolution that “led” to modern humans. The argument is in part based on the controversy about whether humans arose and arise out of the same processes as other animals, or whether we are a special creature dropped onto the planet later, to rule it – a very heavy philosophical debate as you can imagine, and not one that will be solved on this web page.

Nevertheless, the controversy has raged so much that even the word “ontogeny” seems to have become tainted as a result. For this reason, if you speak to a medical doctor or even most holistic health practitioners about ontogeny, or about the role of the brain in running the different layers of the body, you’ll probably get not much more than a blank stare.

1. Brainstem-Led Functions: Basic Survival

The innermost layer of the tiny embryo grows and develops into the body parts devoted to our most basic survival. These parts of our organism are devoted to getting food, water, air, and other types of “morsels” such as light and sound into and out of our bodies. This part of the brain is called the “old brain,” and its functions are the most basic functions that have always been undertaken by animals since the very earliest animals ever existed.

Those now-extinct creatures are called the “ring-formed creatures,” and in very oldest forms they were just little worm-like tubes rolled into a circle. Bits of food would go in one end of the tube, all the way round the circle, then turn around and go back out the way they came in. The incoming and outgoing food went through the same portal!

Later, more sophisticated creatures could encourage food to go into their gullets, and out a different way. This was a more efficient use of the “morsels” that they obtained. A little nerve plexus guided the process. Later still, creatures used that little nerve plexus to help get food into the gullet by developing light and sound sensitivity. That little nerve plexus, called a “brain” in more sophisticated creatures, is also responsible for getting oxygen in and out of the body, and water, too.

In the modern world, all animals have this brain. It’s our brainstem and midbrain, sometimes referred to as the “reptilian brain.”

The “old brain,” or pons of the brainstem, directs all of our organs that are responsible for taking in, biting off, digesting, and eliminating the various physical substances our bodies need to function optimally, which include food, water, air, light, and sound. The associated organs include the intestines, the bottom part of the stomach, salivary and other glands, the swallowing muscles of the throat and esophagus, our lung alveoli, our liver, the innermost part of the kidneys, part of the bladder, the uterus, the middle ears, and the irises of our eyes.

If we have a DHS (conflict-shock experience) that relates to not being able to get something we need or to get rid of something we need to get rid of, the symptoms of that experience will manifest in a brainstem-governed body part. The symptoms will worsen until we resolve this conflict. During the conflict-active phase, more and more tissue will be added to that part of the body, to help it to perform its function better. The extra tissue will be eliminated by your body when the conflict is resolved.

2. Cerebellum-Led Functions: Physical Integrity and Protection of the Body

The very oldest creatures whose fossils have been found each had a membrane around their single-celled bodies. This membrane not only kept the cell contents from floating away in the ocean, it protected the little organism from unwanted substances entering the cell.

More complex creatures, multicellular animals such as ourselves, have a more complex version of this protective skin. It envelops our entire body, and this skin also envelops certain vital organs, to give them extra protection. This “corium skin” of our body is directed by the cerebellum part of our brain.

This function of animal bodies has been present since the earliest life forms. The cerebellum is therefore also an “old brain,” and usually lumped in with the so-called “reptilian brain,” but it is sometimes called “the mammalian brain,” because of an (incorrect) theory that this is where emotions come from. (This theory is linked to a theory that only mammals experience emotions)

Cerebellum-led body parts include the deepest layer of skin covering our entire body, the sac that lines our chest cavity surrounding our heart and lungs (called “the pleura”), the sac that surrounds our heart (called “the pericardium”), and the sac that surrounds an unborn baby (the amniotic sac).

If we have a DHS that relates to our body not being able to protect itself properly, such as from a bad cut or a burn, the symptoms of that conflict will manifest in a cerebellum-governed body part. In the area closest to the “point of attack,” more and more tissue will be added to the skin in that area, whether it’s our deep body-covering skin or one of our inner skins like the pleura. The tissues will continue to thicken and get stronger until the conflict is resolved, at which time your body will eliminate the extra, unnecessary tissue.

3. Cerebral-Medulla-Led Functions: Physical Activities and Capabilities

Life existed for a long time on this planet without being able to physically move or do much beyond simply opening and closing its gullet or gills to get needed substances in and out of the body. Much of the life on the planet – all plant forms, for example – still can’t wander around and build things and consciously modify its own environment.

These activities are newer in the Community of Life’s repertoire of activities. The parts of the body that carry these functions out for us – our bones, muscles, ligaments, and the veins and lymphatics that supply them, as well as a few specialized “doing” organs such as the meaty part of the kidneys and our testicles and ovaries, are led by the “new brain” cerebrum.

The cerebrum is the great big part of our brain, much bigger in humans (and whales and many other mammals) than the old brains – pons of the brainstem and the cerebellum. There are two parts of the cerebrum: the cerebral medulla, or “white matter,” and the cerebral cortex, which is the big wrinkly “grey matter” layer that wraps around the cerebral medulla.

Our physical “doing” functions are carried out using our bones, muscles, ligaments, and so on, led by the cerebral medulla “white matter” part of our cerebrum. If we have a DHS that relates to any kind of inability to perform, any kind of “self-devaluation” issue such as “I can’t do this,” “I can’t handle this,” or “I am no longer able to do this,” the symptoms of that conflict will manifest in a cerebral-medulla-governed body part.

What will happen is that the tissues in the relevant part of the body will begin to deteriorate. The white matter of the brain will direct those tissues to deteriorate and erode away until the conflict is resolved. Once the conflict is resolved, your body will rebuild these tissues, usually to a state significantly bigger and stronger than before the DHS.

4. Cerebral-Cortex-Led Functions: Territorial Control and Relationships

Our grey matter, the great and wondrous cerebral cortex that is so large in human beings (and whales and dolphins, as well as most primates) has a very specific set of functions, just like our other three brains.

These cerebral cortex functions developed much, much later in evolutionary history than the functions of basic survival and physical protection, so this part of the brain definitely qualifies as “new brain.” In fact, the biggest part of our amazingly-large human brains is called the “neo-cortex” because it’s such a new thing in the history of life on Earth.

The function of the cortex is to sense and act on millions and millions of subtle signals from our immediate environment. This part of the brain is very large in all social mammals, especially the primates and the cetaceans (whales and dolphins).

The reason the cortex is so large among social animals is that social animals get their living by working together. To do this, they have to have relationships with each other. To do that, they have to keep track of a million details about one another, including who loves who, who hates who, who is the alpha and who is the peon and who is a stranger and who is a very special member of the group – and how the dynamics change over time, and how to deal with an attack from a different group.

Consider the implications. In a group of twenty, if a new member joins the group, this is not one new relationship for each of the twenty individuals to keep track of – it’s twenty new relationships to keep track of because the new individual has to form relationships with each of the twenty existing members of the group, and everyone has to keep track of all those new relationships and their own new places in the pecking order.

What a gigantic amount of information to keep track of – no wonder the cortex is so large in social animals!

But, as I said earlier, ontogeny never stops until creation stops. So, the functions of the new brain still follow all the biological laws.

The parts of the body that are led by the cerebral cortex all have to do with sensing the subtleties of our environment and the other individuals around us (in your case, mostly human individuals, but also loved pets or feared predators) – and then doing something to change the situation such as taking physical action, or resisting physical action. For this reason, the cerebral cortex works very closely with the cerebral medulla – many DHS experiences involve both brains at once.

The cerebral cortex related body parts are all of our sensory apparatus – the outer skin, the ability to smell, our eyes, our hearing, and all of our speech/language functions, as well as our motor cortex and our blood sugar regulation. The cerebral cortex also controls our body functions that relate to competition, through our coronary arteries and our bronchial apparatus; our need to “mark” our boundaries, through our urinating and defacating equipment; and our lovemaking, through our gentialia and the whole process of orgasm.

Virtually everything that we associate with individuality and personality – the ego takes place in the cerebral cortex…

If we have a DHS that relates to a problem in our functional environment, which usually means our relationships or something unsafe in our immediate environment, the symptoms of that conflict will manifest in a cerebral-cortex-governed body part or body function. The conflicts relate to experiences of being rejected, of being disrespected, or of missing another person or situation – or of wanting the opposite, such as wanting to be rid of someone, wanting to not experience a situation, or wanting to resist a situation.

In other words, every kind of egoic attachment or avoidance…

Like the cerebral-medulla-led body parts, cerebral-cortex-led body parts lose tissue during the conflict-active phase, or lose functionality. Tissues or functionality are increasingly deteriorated and eroded away until the conflict is resolved, at which time the cerebral cortex immediately gets to work on rebuilding the lost tissue or function.

Summary of the Third Biological Law – Ontogeny as the Underlying System of Disease

In our development from fertilized ovum to full maturity (at death), Nature creates and builds four interrelated body systems, each led by their own part of the brain. Each of these four body systems deals with a specific set of functions, according to our need.

Should there be any kind of situation in our life that we cannot immediately deal with, the body system that is supposed to deal with that kind of situation will respond by either building tissue or by deteriorating its functionality in order to respond to the “emergency” situation.

Each of these four body systems has a specific and completely predictable way of responding to conflict situations. Each of these four body systems has developed to work the way it works, because that is what is best for us.

Following resolution of the conflict situation, the appropriate brain area will immediately set to work reversing the effects of its activities during the conflict-active phase of the disease.

 

http://www.warmfit.com/it_IT/groups/doctor-r-g-hamer-en-official-group-1250855151/forum/

Doctor Hamer – The Third Biological Law Doctor Hamer – The Third Biological Law Doctor Hamer – The Third Biological Law Doctor Hamer – The Third Biological Law Doctor Hamer – The Third Biological Law Doctor Hamer – The Third Biological Law Doctor Hamer – The Third Biological Law Doctor Hamer – The Third Biological Law Doctor Hamer – The Third Biological Law Doctor Hamer – The Third Biological Law Doctor Hamer – The Third Biological Law Doctor Hamer – The Third Biological Law Doctor Hamer – The Third Biological Law Doctor Hamer – The Third Biological Law Doctor Hamer – The Third Biological Law Doctor Hamer – The Third Biological Law Doctor Hamer – The Third Biological Law Doctor Hamer – The Third Biological Law Doctor Hamer – The Third Biological Law Doctor Hamer – The Third Biological Law Doctor Hamer – The Third Biological Law Doctor Hamer – The Third Biological Law Doctor Hamer – The Third Biological Law Doctor Hamer – The Third Biological Law Doctor Hamer – The Third Biological Law Doctor Hamer – The Third Biological Law Doctor Hamer – The Third Biological Law 

Juil
27
Fabio, Sport Masseur
Doctor Hamer – The Second Biological Law
Doctor R. G. Hamer EN Official Group
0

Doctor Hamer – The Second Biological Law:  Two Phases of Holistic Healing

 

Doctor Hamer – The Second Biological Law

 

Doctor Hamer – The Second Biological Law

 

Holistic healing – that is, the entire disease and healing process from start to finish – involves a very specific pattern of events.

Since it’s a biological law of nature, this pattern of events always occurs in exactly the same sequence, though the timing may change, or the sequence of events can get hung up at one stage, or the sequence of events can be interrupted and start from the beginning again.

The pattern of events in holistic healing is simple. When (and only if) there is a resolution to a conflict-shock experience, every disease process, from measles to meningitis, occurs in two phases:

 

1. a conflict-active phase, in which your entire system works to find a resolution to a conflict-shock experience in your life

2. a healing phase, in which your entire system works to bring your life, your psyche, your brain, and your body all back into normal day-to-day balance. This healing phase is always punctuated with a healing crisis.

One of the most interesting things about the law of two phases in holistic healing is that, because this is a biological law of nature, you can actually see this pattern occurring in many aspects of the world, in the way that energy moves in and out of different systems. For example, the holistic healing law of two phases is also patterned in all tonal music pieces, in well-written literature, in pregnancy and childbirth, in all the stages of our lives, and in consciousness and learning!

Perhaps this means that holistic healing does not just happen to our bodies…

But, for now, let’s stick with the law of two phases in holistic healing of human and animal diseases.

Symptoms of the Conflict-Active Phase

The conflict-active phase of any disease experience begins at the moment of the DHS and continues until the conflict-shock situation is solved, either by luck or by conscious effort.

During this phase, a person pulls extra energy from different parts of her life into fixing whatever problem is bothering her. This manifests in several telling ways, even if she doesn’t consciously recognize that she is experiencing a biological conflict-shock!

All of the symptoms of the conflict-active phase are signs of a person being under stress:

– She may wake up very early in the morning: 4:00 a.m. or so. With a feeling that she just has to get busy with her day, she is unable to get back to sleep. Sleeping until noon is completely impossible.

– She may suffer from cold hands and feet, and feel chilled easily. In French, this feeling has the name “frileuse.” This is because she is devoting every spare bit of metabolic energy toward solving her conflict, and so she is not devoting as much of her metabolism toward keeping her body warm.

– She may suffer loss of appetite and weight loss. She is just not as interested in food, because she has a problem to solve.

– Her attention is pulled again and again toward the conflict situation. She finds herself less interested in her normal hobbies and day-to-day life than before.

– In the conflict-active phase, a person feels uneasy, does not feel a general sense of well-being. She is on full-alert, and tends to take things quite a bit more seriously than usual. Her concern is usually not for her own body and health, but instead her attention is on solving some external problem.

Symptoms of the Healing Phase

A holistic healing approach has to recognize that there is balance in everything: every yin must have its accompanying yang. To the extent that energy was lost out of someone’s life in dealing with a conflict-shock situation, that person will need to re-gain energy to repair her life, her psyche, her brain, and her body.

The healing phase of a disease begins at the moment that a person resolves her conflict, and continues until her system has been brought back to her normal day-to-day balance of activities.

During the healing phase, a person expends as little energy as possible on solving life’s problems. Instead, she puts all her energy into her self, and she uses this energy to repair.

All of the symptoms of the healing phase are signs of a person who is the opposite of being stressed out; she hardly takes anything seriously at all!

– In the healing phase following the resolution of a conflict situation, all sorts of physical symptoms arise: fevers, swellings, itching and aching, mucous, and… more mucous.

– She may sleep in quite late every morning, without a concern for anything. Nothing seems all that important that she can’t get a couple extra hours of sleep. She might have trouble falling asleep at night, since it’s hard to think about all her obligations tomorrow because they just don’t seem all that important.

– She may feel warm, flushed, or even fevered. This is because her metabolism has switched to inward processes of healing her tissues and rebuilding her body – that healing energy is converted to heat as part of the tissue-repair process.

– She may have a very robust appetite and experience weight gain as a result. She feels content with her life, and takes a healthy interest in the simple pleasures of good food and drink and relaxing activities.

– Her attention is diffused – she just can’t be bothered with the silly troubles of life, because nothing is really all that important. She finds her interest turning toward her more general interests, and takes great pleasure in thinking about her hobbies, relationships, life’s purpose, and other “higher” aspirations.

– In the healing phase, a person feels a general sense of well-being. She tends to take things in stride, and isn’t easily riled up. Her concern is not on external problems, but instead for her own body and health.

The most unpleasant physical symptoms of the disease process usually occur in the healing phase. But this is partly because in the conflict-active phase, we are so attuned to our external experience – and trying to solve it – that we aren’t paying attention to what’s happening to our bodies anyway.

Have you ever noticed that you come down with something only when you have the time, like on your vacation or on the weekend? This is because when you have a chance, your body enters the healing phase for various previously-unresolved life conflicts. It’s not that the disease begins when you start your vacation, it’s that the conflict is resolved and your healing phase begins.

Every healing phase is punctuated by a healing crisis. This can sometimes be an acute experience, and many of the different healing crises have been given diagnoses all their own. The Healing crisis is similar to the original conflict-shock (DHS) but in fast forward, like a flashback.

Complexity

It’s rarely as cut-and-dried as simply determining whether you are dealing with a conflict-active or healing phase of a disease process. At any given time, each of us probably has at least a half-dozen disease processes going on, all at varying degrees of intensity and in different phases of the process. On top of that, healing symptoms – especially the healing crisis or healing symptoms that get you a scary medical diagnosis – can constitute whole new conflict-shocks in and of themselves!

This is why a good understanding of the entire holistic healing approach is very important. With a solid foundation to start, we can begin to look at our or others’ health situations from a larger perspective. In general, does the person feel cold or warm? When you shake his hand, is it cold? Is the person jumpy, distracted, and humourless, or is the person relaxed, lazy, and seemingly content? What sorts of experiences has the person had in the last few weeks of his or her life: shocking experiences they’re trying to deal with, or events that were conclusive and provided “closure?”

Together, the biological laws provide the tools you need to understand and promote the holistic healing process.

 

Doctor Hamer – The Second Biological Law  Doctor Hamer – The Second Biological Law  Doctor Hamer – The Second Biological Law  Doctor Hamer – The Second Biological Law  Doctor Hamer – The Second Biological Law  Doctor Hamer – The Second Biological Law  Doctor Hamer – The Second Biological Law  Doctor Hamer – The Second Biological Law  Doctor Hamer – The Second Biological Law  Doctor Hamer – The Second Biological Law  Doctor Hamer – The Second Biological Law  Doctor Hamer – The Second Biological Law  Doctor Hamer – The Second Biological Law  Doctor Hamer – The Second Biological Law  Doctor Hamer – The Second Biological Law  Doctor Hamer – The Second Biological Law  Doctor Hamer – The Second Biological Law  Doctor Hamer – The Second Biological Law  Doctor Hamer – The Second Biological Law  Doctor Hamer – The Second Biological Law  Doctor Hamer – The Second Biological Law  Doctor Hamer – The Second Biological Law  Doctor Hamer – The Second Biological Law  Doctor Hamer – The Second Biological Law  

Juil
27
Fabio, Sport Masseur
Doctor Hamer – First Biological Law: the DHS
Doctor R. G. Hamer EN Official Group
0

Doctor Hamer – First Biological Law: the DHS;   The iron rule of all disease

If everyone learned only one thing about holistic medicine, the Iron Rule of the DHS would still make us all expert healers.

Doctor Hamer – First Biological Law: the DHS

 

The Iron Rule goes like this:

Every disease originates from a

* serious,

* highly acute,

* dramatic, and

* isolating

conflict-shock experience.

That’s it. That’s the truth about disease in a nutshell.

 

In German New Medicine® technical terms, the conflict-shock experience is called a DHS, standing for Dirk Hamer Syndrome. When Dr. Hamer’s son, Dirk Hamer, was fatally shot by a madman in 1978, Dr. Hamer suffered a DHS. This means that Dr. Hamer experienced this event as a serious, highly acute, dramatic, and isolating conflict-shock experience. His “Dirk Hamer Syndrome” experience led first to testicular cancer, and from there to his discovery of the five biological laws of nature that govern every disease process.

It’s important to note that a DHS is not a mere psychological conflict, not just an idea that pops into our heads and makes you fall ill as a result (although it will certainly cause an emotional response, which is also a biological law). The triggering experience must be a real experience in our lives, whether it’s a discovery of unpleasant news, or the realization of something terrible. But it must be an actual experience.

Furthermore, the experience must meet all of the criteria of a biological conflict-shock. When you experience a DHS, it must be a situation serious enough that it requires your immediate(subconscious) attention. The experience must beacute enough that you do not have enough conscious attention or resources to actually deal with the experience in the moment that it happens – it catches you off guard. The experience must be dramatic enough that it demands your energy resources, whether you’re willing or not. Lastly, the conflict-shock must be your conflict alone; nobody else can fix it for you in that moment of the experience.

These criteria are quite important. If you have a millisecond to prepare yourself for the experience, it will simply not meet the requirements of the Iron Rule, and therefore will not lead to disease!

This conflict-shock experience, takes place simultaneously in every part of a person’s system:

* the actual external life situation, which is the conflict-shock experience itself,

* the psyche – whichever part of the psyche is called to attention to deal with that particular life situation,

* the part of the brain that relates to that aspect of the psyche, and

* the body organ or body function that is directed by that part of the brain.

All of these related things – the life situation, psyche, brain, and body function – all remain on full alert and devote all available resources to “handling” the conflict-shock experience. This will continue as long as the conflict-shock remains unresolved, which could be any length of time from one second to an entire lifetime.

The progression of any disease through its various stages occurs exactly at the same time in our external life experience, in our psyche, in its related brain area, and in that brain area’s associated body function. This is because these four are all aspects of one single system.

The German New Medicine is a body of knowledge that has connected these four things together for the approximately 500 types of conflict-shock experiences that human beings experience. The key to resolving any conflict is to look at the actual life experience that a person had, and then find out what is happening in his psyche, in his brain, and in his body. These four markers will all point to exactly the same thing: the conflict-shock experience itself.

Finding out what that conflict-shock experience was is the key to resolving the conflict.

This is because determining what that conflict-shock was allows us to focus all our available energy on solving that one problem, rather than distributing our attention in a scattered way. In fact, often just realizing what the conflict-shock is is enough for our psyche – and therefore our brain – to immediately solve the conflict!

Solving the conflict is the only way to end the program that runs in our life, our psyche, our brain, and in our body and that manifests as disease. Finding the DHS, or conflict-shock, is the key to solving the conflict.

What about all those healthy people? Surely life experiences – and DHS’s – happen to everyone?

There are definitely some people who are much healthier than others. There are two reasons for this, and neither of them is an exception to the First Biological Law – it is, after all, an Iron Rule!

First, some people just deal with their conflicts immediately, as they happen. This constitutes “living in the present moment,” and the more skilled anyone gets at living in the present moment, the better they are at both anticipating what may happen next, and recognizing (and therefore dealing with) whatever happens as soon as it does happen. So, even highly-conscious and enlightened people experience DHS’s. They just get over their biological conflicts so quickly that diseases don’t have a chance to develop.

There is another kind of person who doesn’t get sick very often, but the reason is quite different from the first. This other kind of “healthy” person already has a large, active conflict or set of conflicts in his life that draws all his attention and he simply doesn’t experience new DHS’s because he doesn’t notice new situations that for another person might constitute a biological shock. An existing DHS already so dominates his life that he’s simply too busy to have as many experiences as others and therefore his opportunities to have new DHS’s are fewer.

Doctor Hamer - First Biological Law:  the DHS

This website is devoted to real life examples of the biological laws in operation, especially the first biological law, which is the Iron Rule of the DHS. By seeing the biological laws in action, they will soon become second nature to you and you can apply them in your own healing work.

http://www.warmfit.com/it_IT/groups/doctor-r-g-hamer-en-official-group-1250855151/forum/

Doctor Hamer – First Biological Law: the DHS Doctor Hamer – First Biological Law: the DHS Doctor Hamer – First Biological Law: the DHS Doctor Hamer – First Biological Law: the DHS Doctor Hamer – First Biological Law: the DHS Doctor Hamer – First Biological Law: the DHS Doctor Hamer – First Biological Law: the DHS Doctor Hamer – First Biological Law: the DHS Doctor Hamer – First Biological Law: the DHS Doctor Hamer – First Biological Law: the DHS Doctor Hamer – First Biological Law: the DHS Doctor Hamer – First Biological Law: the DHS Doctor Hamer – First Biological Law: the DHS Doctor Hamer – First Biological Law: the DHS Doctor Hamer – First Biological Law: the DHS Doctor Hamer – First Biological Law: the DHS Doctor Hamer – First Biological Law: the DHS Doctor Hamer – First Biological Law: the DHS Doctor Hamer – First Biological Law: the DHS Doctor Hamer – First Biological Law: the DHS Doctor Hamer – First Biological Law: the DHS Doctor Hamer – First Biological Law: the DHS Doctor Hamer – First Biological Law: the DHS Doctor Hamer – First Biological Law: the DHS 

Juil
27
Fabio, Sport Masseur
Anatomia: L’importanza dello Psoas e come allungarlo
Anatomia - Official Group
0

Anatomia: L’importanza dello Psoas e come allungarlo   ;  un muscolo che viene preso ahimè  poco in considerazione, o mai abbastanza !

 

Anatomia: L’importanza dello Psoas e come allungarlo

Eppure la maggior parte di noi lo allena e lo stressa, e lo accorcia, senza nemmeno accorgersene! È uno dei muscoli interni dell’anca. Si suddivide in tre sotto- Poas: Si trova nella regione lombo-iliaca e nella regione interiore della coscia. Lo chiamano “il muscolo dell’anima”.

Dell’anima perché è un centro di energia principale del corpo. Quanto più lo psoas è flessibile e forte, tanto più la nostra energia vitale potrà fluire attraverso le ossa, la muscolatura e le articolazioni. Lo psoas sarebbe dunque come un organo di canalizzazione di energia, un nucleo che ci connette alla terra, permettendoci di creare un supporto solido ed equilibrato dal centro del nostro bacino. In questo modo la colonna vertebrale si amplia e, attraverso essa, tutta la nostra vitalità può fluire. È l’unico muscolo che collega le gambe alla colonna vertebrale quindi dal suo buon andamento dipende la nostra postura corretta e non solo.

Lo psoas ci permette di essere dei bipedi, ci dà pertanto l’equilibrio per stare in verticale. Pare che nella preistoria, nella presunta Evoluzione dell’Uomo, la scimmia che camminava per lo più a 4 zampe, pian piano, comincia ad assumere la posizione verticale… grazie alla comparsa di questo muscolo

Psoas accorciato:  Infiammazione

 

A causa della funzione fondamentale dello ileopsoas è bene puntualizzare aspetti significativi riguardo la sua contrazione. Ora si immagini cosa succede quando lo psoas si contrae: a causa del suo unire il tronco al bacino, uno psoas accorciato comprimerà le vertebre lombari e i dischi intervertebrali lombari, e in casi estremi sarà motivo di vere e proprie ernie del disco. Di nuovo, non essendoci costato a livello lombare, non ci saranno neanche strutture tali da ammortizzare l’azione di sciacciamento di uno psoas contratto.

Mantenere lo psoas in tensione costante può portare a gravi conseguenze come:

– sciatica (da compressione ultime lombari e sacrali, IPER LORDOSI CRONICA)

– malfunzionamento degli organi localizzati dell’addome

– problemi alle spalle

– altre patologie.

È facilmente infiammabile, procurando al soggetto che ne risente difficoltà al ripristino della postura eretta. E con eccessiva iperlordosi.  Dopo un accosciamento prolungato o una prolungata posizione seduta morbida; contrazioni forti a seguito di attività sportive possono causare questa sindrome. Dolori nella zona lombare, desiderando si sedersi il prima possibile. Un po’ come le donne incinte.

In casi di emergenza, che spesso tendono a capitare alla mattina appena alzati, ci si muova a carponi e si adottino subito gli esercizi di stretching.

l’esercizio per me più attendile, nel senso di efficienza, data la mia esperienza di sprinter, è quello riportato nell’ultima fotografia di questo articolo.

Lo Psoas si suddivide in tre sotto regioni muscolari: Grande Psoas, Ileo Psoas, Piccolo Psoas (vedi foto)

Anatomia: L'importanza dello Psoas e come allungarlo

Grande e Piccolo Psoas, e Ileo Psoas

Il Grande Psoas

Il muscolo grande psoas, e c’è da prestare un attimo di attenzione, si divide in due parti:

una parte superficiale ed in una profonda.

Parte superficiale, INSERZIONI: La parte superficiale origina dalle facce laterali dei corpi dell’ultima vertebra toracica (T12) e delle prime quattro vertebre lombari;  L1 > L4  e dai dischi intervertebrali interposti.

Parte Profonda: origina dai processi trasversi della 1a-5a vertebra lombare.

Anatomia: L'importanza dello Psoas e come allungarlo

parte profonda visibile in L5

 

 

Il muscolo grande psoas è un muscolo spesso, fusiforme, e multiarticolare che permette la flessione della coscia sul bacino. Con la sua azione ruota esternamente la coscia, la adduce, e partecipa all’inclinazione laterale del busto.

Anatomia: L'importanza dello Psoas e come allungarlo

Ottimo esercizio per l’allungamento dello Psoas

http://www.warmfit.com/it_IT/groups/anatomia-official-group/forum/

Anatomia: L’importanza dello Psoas e come allungarlo Anatomia: L’importanza dello Psoas e come allungarlo Anatomia: L’importanza dello Psoas e come allungarlo Anatomia: L’importanza dello Psoas e come allungarlo Anatomia: L’importanza dello Psoas e come allungarlo Anatomia: L’importanza dello Psoas e come allungarlo 

Juil
25
Fabio, Sport Masseur
Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni
sport - official group
0

Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni        BANDO ALLA SPECIALIZZAZIONE PRECOCE
“Nelle prime fasce d’età l’allenamento deve ampliare il più possibile il bagaglio di esperienze motorie dei bambini. Non si può quindi concentrare il lavoro solo sulla disciplina praticata. Consigli e proposte pratiche per far crescere in modo corretto i calciatori in erba.”
Negli ultimi tempi ho cercato di riportare la palla al centro in merito alla specializzazione precoce; soprattutto considerando i programmi delle Scuole Calcio che si occupano di bambini di 5, 6 e 7 anni e sono quindi impegnate in un importante compito educativo. In tale contesto, il calcio deve essere un pretesto per lavorare correttamente nell’indirizzo dell’avviamento allo sport.
Noi addetti ai lavori abbiamo detto tante volte che riteniamo che molti problemi dello sport italiano (per una volta siamo presuntuosi e pensiamo in grande) e quindi anche del calcio, dipendano dall’impostazione troppo settoriale e specializzata che caratterizza l’attività giovanile in ogni disciplina.

 

Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni

 

Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni

Stremati alla meta
Troppo poca attività ludica di base, troppo poca attività motoria generale e, soprattutto, molta chiusura nei confronti delle altre discipline. Di conseguenza, nelle scuole calcio si fa solo calcio, nelle società di nuoto ci si allena solo nuotando anche a 7-8 anni, si fanno gare di moto-cross a 7 anni, del tennis non parliamone nemmeno e poi a 16-18 anni, quando dovrebbero nascere i futuri campioni, quasi nessuno fa più attività agonistica.
Stanchiamo i bambini con le logiche dello sport dei grandi e poi.. . abbiamo gli amatori quando gli altri paesi fanno le selezioni fra tanti atleti per vedere quali sono i migliori. Una ventina di anni fa il CONI, che allora aveva idee e risorse economiche, lanciò le stagioni dei C.A.S. (centri di avviamento allo sport) e gettò diversi sassi in uno stagno immobile come quello della cultura sportiva, riuscendo a lasciare qualche segno.
Sono di quegli anni tante pubblicazioni sui lavori multilaterali, sono del Centro Studi della Federazione Atletica degli anni Ottanta le raccolte e gli articoli tradotti sull’attività giovanile e la multilateralità degli indirizzi per i vari sport, ma ormai tutto questo e dimenticato e si e ritornati ai propri orticelli.
Il gioco libero
Una scusante comunque c’è. Fino a 25 o 30 anni fa le società sportive iniziavano a insegnare i vari sport a 10-12 anni e prima erano gli oratori, le strade e i cortili a “formare” il bagaglio motorio dei giovani.
La scuola iniziava l’educazione fisica alle Medie ed era quella l’età in cui prendeva il via l’attività agonistica, seppur in forma blanda. In pratica, l’organizzazione della vita di ogni giorno lasciava bambini e ragazzi molto più liberi. Per strada c’erano meno macchine e soprattutto meno pericoli e questo permetteva di lasciar crescere i ragazzi in libertà, affrontando tutte le esperienze motorie possibili, tutti gli sport accessibili. L’impegno era alto, ma con una partecipazione fattiva che dipendeva dall’approccio di ognuno, sempre libero e mai imposto.

Quante ore di attività fisica si facevano?
Tante. Dal primo pomeriggio, dopo la scuola, a quando c’era luce. In estate, anche di mattina e pomeriggio. Quanta attività fisica, quanti sport…e senza l’assillo di campionati e specializzazioni.
Si giocava a calcio, a basket con canestri inventati, a tutti i giochi possibili con la palla, si scalavano alberi, si giocava lungo i fiumi, dove si andava di nascosto, e si affrontavano situazioni di equilibrio che
adesso noi definiremmo “pericoli impossibili”. Tutto era normale e nessuno pensava nemmeno lontanamente che quelle attività potessero far male.
I videogiochi non esistevano e anche in televisione i programmi, che caso mai si seguivano in inverno, non iniziavano prima delle 17,30.
Attenzione…lungi da noi pensare che prima era meglio. Erano tempi diversi e ora qualche cosa di quel modo di vivere e rimasto solamente nei paesi.. . più piccoli. Non possiamo quindi pensare che il mondo faccia retromarcia, ma possiamo invece darci da fare affinché tutte le conoscenze in più di cui disponiamo possano contribuire a organizzare, per i nostri figli e i nostri nipoti, un avviamento allo sport che, se non nella forma, almeno nei contenuti mantenga la vitalità che aveva ai tempi degli oratori.
Naturalmente, nessuno di noi si nasconde l’idea che quello che dobbiamo proporre in questi programmi non rappresenta che una virtualizzazione di quanto facevamo liberamente un tempo. Dobbiamo però convincerci che questo rappresenta una delle strade, forse l’unica, per far si che i nostri ragazzi si avvicinino allo sport, e quindi anche al calcio, in modo corretto, con richieste motorie adeguate al loro livello di sviluppo.
Quali attività multilaterali
Quali proposte per strutturare un’attività fisica multilaterale? Come si devono comportare le Scuole Calcio con bambini di 6-7anni e poco più? Quali sono le attività che ogni disciplina deve prevedere per i ragazzi che si avvicinano ai vari sport?
Sicuramente conviene sottolineare che cosa e certamente scorretto. È sbagliato offrire proposte di lavoro che mirano a una specializzazione precoce o utilizzano sedute di allenamento “rubate” allo sport degli adulti e adattate all’età in questione. I bambini e poi i ragazzi, devono sicuramente… giocare molto, svolgendo tutte le attività proposte in forma ludica. Per questo devono imparare a fare le aste (coordinazione, pre-acrobatica…) nell’età giusta per poi affrontare proposte motorie sempre più docili nella corretta progressione.
Per imparare a fare discorsi complessi occorre prima conoscere tanti termini, studiare bene i verbi e la composizione delle frasi. Solo in tal modo, alla fine, saremo in grado di esprimerci compiutamente.
Nel linguaggio motorio la prassi e esattamente la stessa. Capovolte, balzi complessi, tecniche di corsa, ostacoli, uso della corda e tanti altri argomenti che riteniamo fondamentali per questi momenti di sviluppo e che non sono finalizzati all’insegnamento del calcio ma.. . dello sport. Sono questi gli argomenti che presenterò in questo stage, che avranno come unico scopo quello di offrire agli Istruttori, soprattutto delle Scuole Calcio, ma anche a tutti coloro che lavorano coi giovani, dei mezzi per sviluppare le capacità coordinative generali.

Il calcio come mezzo e non come fine
Il calcio deve essere inteso come un mezzo capace di attirare l’attenzione dei ragazzi per poi lavorare col fine di introdurre anche una serie di proposte per far si che l’equilibrio, il senso acrobatico e più in la il coraggio e la capacità, ad esempio, di cadere senza procurarsi danni, possano contribuire a fare dei nostri ragazzi “atleti” un po’ più completi e in seguito più attrezzati per sfondare nel mondo del calcio. Riteniamo che le metodologie utilizzate da molte società sportive, non solo nel calcio, siano poco adatte a “tirar fuori” dai giovani le loro capacità a 360” e siano invece più indirizzate ad “ammaestrarli” su pochi esercizi, specifici per la loro disciplina. Il risultato: mini-calciatori precoci e destinati a stancarsi presto di una attività che vuole a tutti i costi far selezione in anticipo ed essere specializzata.
Riscopriamo la corda e le capovolte
A questo proposito, alcune indicazioni mi sono emerse durante un raduno che ho effettuato con alcuni bambini di 10-12 anni per eseguire esercizi di verifica sul corretto utilizzo della corda e fra questi non ne trovavo uno capace. Per fortuna uno dei bambini, un colombiano di nome Paul, a un certo punto mi disse: “c’e in tribuna il mio amico, Omar, che con la corda è un fenomeno”. Detto fatto, ecco Omar, 12 anni dall’Equador, a presentarci gli esercizi con la corda, a dimostrazione, di come nelle Scuole Calcio, si siano abbandonati tanti attrezzi semplici, di grande importanza e poco costo, che una volta erano gli unici utilizzati oltre al pallone.
Ma cosa ha di tanto importante la corda?
Un attrezzo cosi banale ti può far lavorare contemporaneamente sulla coordinazione, sul senso del ritmo e anche sulla tecnica di corsa.
E le capovolte cosa possono avere di tanto importante da essere sottolineate quasi con enfasi?
Proponiamole in avanti, all’indietro, dopo balzi… in tutti i modi. E ancora: capovolte con tuffo passando in un cerchio o saltando un ostacolo. Tali esercizi possono essere utilissimi per imparare a controllare il proprio corpo in volo cosi come per stimolare un maggior senso di coraggio. Dalla tecnica di base per le capovolte che può essere proposta già a 5-6 anni, fino all’organizzazione di circuiti di balzi e capovolte varie con grande impegno coordinativo e di equilibrio negli anni successivi.
E insieme alle capovolte e alla corda ecco gli ostacoli che possono servire per creare situazioni di coordinazione, di ritmo, tecniche a tema spazio-temporale, ma utili anche, insieme agli altri attrezzi, per inventare situazioni complesse e di grande divertimento.
I luoghi comuni del calcio
Prima di tutto questo, però, parleremo dell’uso dei piedi, non col pallone ma per aumentare l’elasticità dei movimenti e curare gli esercizi di tecnica di corsa per sfatare tanti luoghi comuni, tipici del mondo del calcio. Passo corto, passo rapidissimo…certo, ma usando correttamente i piedi.
E poi, perché nel calcio lo skip basso e rapidissimo si effettua sempre abbassando la testa e guardandosi i piedi? E la corsa calciata dietro tenendo le mani appoggiate sui glutei, mentre poi quando si corre normalmente le braccia debbono lavorare correttamente per l’equilibrio?
Oggi il tema degli infortuni giovanili, fa emergere un quadro un po’ grigio, che mette in evidenza come
molte patologie ricorrenti nei giovani che giocano a calcio potrebbero essere prevenute attraverso un’attività sportiva diversificata che, soprattutto nelle prime fasce d’età, non dovrebbe far affiorare gli squilibri dovuti alla specializzazione esasperata.
La prevenzione migliore, quindi, potrebbe consistere nel ricreare l’attività del “cortile” e questa è la finalità che ho perseguito, sperando di essere utile a quanti (e sono tantissimi) operano nella delicata e importantissima fase dell’avviamento allo sport.
Generazioni a confronto
E vero che la mia generazione (ho 49 anni) e quelle vicine, non iniziavano un’attività organizzata in una società sportiva prima degli 11-12 anni. Ma all’oratorio si praticavano tutte le discipline sportive e nei paesi, quasi ogni domenica, si organizzavano delle “olimpiadi” cui tutti volevano partecipare.
Guai, però a dire cosa sia meglio o peggio! La vita e cambiata e i bambini di oggi, soprattutto quelli che vivono nelle grandi città, hanno più problemi a giocare in libertà, diventano indipendenti più tardi e hanno una crescita che somiglia a quella di un pollo in un.. . allevamento controllato. Come non può incidere tutto questo sulla loro crescita? Come possiamo fare a creare stimoli che siano costruttivi per i ragazzi delle scuole calcio e che sappiano ricreare le situazioni di una volta?
È tutto un gioco
Abbiamo già detto che non si deve ricorrere a insegnamenti troppo specializzati del calcio (e di qualsiasi altro sport), rispettando quelle “fasi sensibili” nelle quali le capacità coordinative devono essere sollecitate al massimo in senso multilaterale.
Sicuramente giocando a calcio a 6-7 anni ciò si verifica, ma non globalmente.
Esercitando la tecnica calcistica a 8-9 anni, il senso del ritmo e il controllo del corpo in movimento trarranno benefici, ma si può fare molto di più. I bambini frequentano le Scuole Calcio per giocare a pallone, ma se in modo gioioso si propongono capovolte in tuffo, ostacoli, controlli del pallone in circuito e altro, la loro partecipazione sarà intensa e il patrimonio motorio progredirà notevolmente.
Ogni età è una “fase sensibile” per qualche famiglia di movimenti. Guai a non ricordarlo. Se le capacità non si sono sviluppate prima, pensate quanto sia difficile imparare movimenti semplici a 20-25 anni. E diciamo 20-25, non 50-60!

Esercizi con la corda e con i cerchi
All’inizio di questa relazione ho fatto riferimento a un tempo passato al quale, lo sottolineo, non ci riferiamo con eccessiva nostalgia. Ogni momento ha le sue problematiche, ma quanto avviene oggi ha pure risvolti positivi. Dal passato, però, prendiamo spunto per proporre esercitazioni facili e assolutamente alla portata di tutti. Senza dimenticare che, rispetto a ieri, sono migliorate le attrezzature a disposizione delle società.
Ostacoli in gomma che si possono usare senza problemi a tutte le età, porte mobili, molto comode per effettuare esercitazioni di ogni tipo, coni e cinesini facilissimi da usare che semplificano la vita degli allenatori e altri oggetti anni fa sconosciuti. Però si sono dimenticati attrezzi che prima utilizzavamo tutti. Mi riferisco soprattutto alla corda: di costo irrisorio, proposta con diverse modalità, e utile a tutte le età. Quando ho iniziato a lavorare nel calcio (era la fine degli anni Settanta), le corde erano l’unico attrezzo (o quasi), che gli allenatori si portavano sul campo oltre a casacche e palloni.
Servivano, soprattutto nelle prime squadre, per effettuare esercizi di rimbalzo dei piedi, di rapidità, per essere appoggiate a terra e creare linee sulle quali si facevano slalom a piedi pari quasi uniti.
Non c’e nessun ex-calciatore, che abbia poco più di 50 anni, che non sappia saltare la corda con buona tecnica e buon ritmo esecutivo. Nei periodi pre-campionato si facevano anche 3′ a tutta birra sul posto saltando in velocità la corda a un piede, a due, incrociando le mani e cosi via.
Sicuramente, questi esercizi avevano grande importanza per la reattività dei piedi e per la resistenza a stimoli intensi. Probabilmente, con la corda, una volta si svolgeva tutto il programma dei lavori di forza. Ora siamo migliorati, con i calciatori che dal punto di vista fisico affrontano preparazioni più articolate e complesse.
Ma la corda è ancora attuale? Certamente si. E può essere di grande aiuto nelle fasi sensibili dell’acquisizione delle capacita ritmico-coordinative, imponendo ai bambini la coordinazione contemporanea di gambe e braccia come pochi fondamentali del calcio ci offrono.
A 7-8 anni si può proporre la semplice corsa con la corda, utile ad aumentare l’ampiezza dei passi, dapprima poco più che in souplesse con un movimento delle braccia non molto impegnativo.
Aumentando la velocità della corsa, infatti, deve crescere la velocità del movimento contemporaneo delle due braccia che devono far girare la corda. Quindi, più s’incrementa la velocità, più aumentano le difficoltà.
Pian piano possiamo portare i bambini a correre quasi alla massima velocità e in queste fasi dell’esercizio i passi di corsa diventano veri e propri balzi. Misceleremo cosi un esercizio di grande importanza coordinativa con un’azione che contemporaneamente sviluppa forza.
Chiaramente, non ci fermeremo alla corsa con le cordicelle, ma se crediamo nell’esercitazione potremo proporne delle altre.
Un esercizio importante per l’azione del tratto piede-caviglia e sicuramente la serie di saltelli con la corda a piedi pari, quasi uniti con le ginocchia che ammortizzano pochissimo. A questo esercizio possiamo far seguire quello analogo, effettuato con un solo piede per volta e possiamo complicarlo con ritmiche diverse di svolgimento (un destro e un sinistro, due destri e due sinistri).
L’esercizio più spettacolare, ma di elevata difficoltà soprattutto per i ragazzi, prevede che le braccia si incrocino davanti al petto incrociando la corda prima di farla passare sotto i piedi. Questo e un esercizio insidioso, ma ragazzi di 10-11 anni che hanno iniziato a usare le cordicelle a 7-8, sapranno destreggiarsi benissimo.
E, nel loro bagaglio di conoscenze motorie, avranno qualche freccia in più nella faretra.
Un altro esercizio stile anni sessanta e settanta, quelli del mitico telefilm “Happy Days”, è l’hula-hop, da effettuare con il cerchio. Non sto scherzando, ma penso ai giocatori professionisti che hanno una scarsissima capacità di movimento del bacino.
Un bacino con poca capacità di movimento in antero e retroversione, può favorire la comparsa di valori pubalgici. La risposta sarà: posture di stretching ed esercizi per la mobilizzazione della zona della cintura pelvica. La cintura pelvica e la base del tronco ed è l’anello di congiunzione con la parte inferiore del corpo. Già abbiamo detto che gli ortopedici riscontrano, in ragazzi giovanissimi, patologie di tipo pubalgico, quasi sempre associate a deficit di movimento articolare a volte causato da iperspecializzazione precoce. Potrà sembrare una boutade ma non lo è!
Dall’hula-hop al movimento ritmico, ripetuto e coordinato del bacino si potrà partire per dar vita a una serie di proposte, in tema di prevenzione, che possono essere effettuate con strumenti semplici, economici e divertenti.
La corda e l’hula-hop vintage preventivo! Parliamo di attività giovanile ed è importante farlo con.. .divertimento utile, intelligente e mirato.

COME INSEGNARE LA CORSA
“Si deve partire dalle scuole calcio per impostare questo schema motorio, con gli opportuni adattamenti per il calcio. Se l’apprendimento di base è corretto sarà infatti più semplice introdurre il pallone e sviluppare ulteriori capacità su un movimento funzionale ed ergonomico. Al contrario, partire da una corsa scoordinata con la palla per ristabilire un gesto e una dinamica idonei, risulterà molto più complesso.”
Si parla di calcio e tante volte si sottolinea quanto siano importanti…i fondamentali tecnici, ossia i movimenti da effettuare con il pallone che rappresentano “le aste” di questo sport e comprendono le fasi di controllo individuale dell’attrezzo che normalmente si insegnano fin dai primissimi tempi delle scuole calcio.
Conduzione, palleggio, controllo con le varie parti del piede, stop e arresti vari e poi via con passaggi, tiri in porta…una volta questi “fondamentali” erano visti come tappe indispensabili senza le quali non si sarebbe mai potuto giocare. Trenta anni fà non si definiva il calcio uno sport “di situazione” e questi gesti, sicuramente di destrezza, ma diversa da quella espressa nei diversi momenti della partita, erano considerati importanti anche se effettuati in forma statica e non legati alle “situazioni” del gioco.
Da allora, però, molte cose sono cambiate. La tecnica è sempre alla base di questo sport, ma si lascia più spazio alle libere interpretazioni di questi gesti e ogni fascia di età ha delle esercitazioni adattate che perseguono l’obiettivo di stimolare la scelta del ragazzo verso una lettura razionale delle diverse situazioni e un utilizzo appropriato dei vari gesti tecnici.
Oltre ai fondamentali con il pallone, che tante volte sono stati argomenti di trattazione, ne esiste un altro che va considerato con pari attenzione e costituisce un momento basilare nella crescita del giovane calciatore: la corsa.
Una corsa che non è quella canonica dell’atletica leggera, ma che ha delle caratteristiche ben precise che fin dai primi anni delle scuole calcio (ci riferiamo ai 6-8 anni) vanno affrontate sul piano della didattica, affinché i giocatori inizino sin da piccoli a imparare e quindi riescano a consolidare delle sinergie di movimento indispensabili per agevolare anche il loro rapporto con il pallone.
Nel calcio non ci sono la partenza da fermo e quella in linea retta, ma tante tipologie di corsa che vanno dalla souplesse, a quella in allungo, allo sprint con e senza palla, a quella all’indietro, alle traslocazioni laterali…e poi oltre a correre o meglio accelerare al massimo occorre saper frenare, cambiare repentinamente direzione.
Tutta una serie di cambi di rapporti fra frequenza, ampiezza del passo ed equilibri particolari che richiedono continui adattamenti muscolari e capacità di interpretazione delle varie coordinazioni da impostare momento dopo momento.
Come impostare questi insegnamenti, attraverso quali esercizi e a quali età?
Credo che occorra iniziare dai punti fondamentali della corsa: l’uso dei piedi e la coordinazione delle braccia. Naturalmente, nei primi anni delle scuole calcio sarà sufficiente partire da un’analisi complessiva, stimolando l’attenzione del lavoro elastico del piede e cercando anche di effettuare corse su percorsi vari, complicati da attrezzi. Si opterà, quindi, per un insegnamento globale ma senza dimenticare di mostrare analiticamente gesti come il movimento delle braccia. Se facciamo eseguire un esercizio di corsa a secco e da fermi, riusciamo ad osservare ed analizzare bene il movimento, in sincronia, degli arti superiori, senza far andare assolutamente in torsione il busto. Tale attenzione è ancora più importante quando si parla di corsa con il pallone, guai se le braccia si muovono poco e il busto va in torsione. Sicuramente anche i gesti con l’attrezzo ne risentirebbero negativamente.
Nel calcio, rispetto all’atletica leggera, le braccia devono stare un po’ più staccate dal tronco, in una posizione allargata che permetta di sostenere i contrasti e difendere il pallone. Soprattutto in questo caso, il movimento sincrono, senza creare torsioni del busto, è fondamentale. Naturalmente un buon controllo delle braccia si può stimolare con andature non massimali e tempi d’esecuzione dei vari movimenti abbastanza lunghi.

Impariamo a sentire i nostri piedi
Parlando dell’elasticità dei piedi si può iniziare a stimolare questa sensazione con dei rimbalzi non massimali a ginocchia quasi bloccate e con le mani appoggiate ai fianchi.
Questo esercizio andrà proposto a 6-8 anni senza richiesta di prestazione, ma solo a scopo didattico; mentre a 9-11 anni potrà servire, se ben eseguito, per l’irrobustimento degli arti inferiori.
Dopo aver accennato analiticamente a questi due aspetti (braccia e piedi) ecco un altro bell’esercizio per abbinarli, il famoso “passo spinta” eseguito con una bella coordinazione tra braccia e gambe. Anche questo esercizio, inizialmente, va introdotto a fini didattici, ma in seguito si potranno stimolare notevolmente gli arti inferiori con il ginocchio che sale alto e la gamba di appoggio che và in estensione, chiamando il piede alla forte spinta finale; le braccia serviranno per aiutare la coordinazione.
Sempre fondamentali sono due andature come lo skip a ginocchia alte e parallele al piano di terra e la corsa calciata dietro. Nel primo, all’inizio si deve curare bene la combinazione tra il lavoro degli arti inferiori e quello delle braccia che devono favorire l’equilibrio totale dell’esercizio. Si deve poi porre attenzione al fatto che l’azione dello skip non sia seduta, curando l’estensione della gamba in appoggio a terra con la successiva spinta del piede, ben elastica e potente. In questo esercizio, e importante curare anche l’inclinazione del busto, leggermente appoggiato in avanti, come richiedono i canoni della corsa. Proprio l’inclinazione del busto in avanti, infatti, deve essere più o meno accentuata in funzione della velocità della corsa stessa. Se il calciatore si appresta ad accelerare al massimo il busto deve essere più sbilanciato in avanti per aiutare lo sprint, mentre in una corsa in souplesse le spalle devono essere più avanti del bacino solo di pochi centimetri.
Nella corsa in allungo sulla fascia, infine, l’inclinazione del busto deve essere intermedia tra le due azioni descritte precedentemente.
Lo skip possiamo e dobbiamo proporlo anche in forma più rapida con le ginocchia che compiono un’escursione di pochi centimetri, ma con i piedi che lavorano sempre in modo elastico e corretto.
Questo skip “basso e rapido” è difficile da eseguire correttamente per i ragazzi e possiamo introdurlo solo quando sono in grado di controllare il movimento descritto in precedenza.
Gli skip sono contemporaneamente esercizi di tecnica di corsa, di coordinazione, di rapidità e anche di irrobustimento, quando li si propone con serie di 20-30 tocchi totali eseguiti con intensità.

La corsa calciata dietro
Si deve poi insegnare con attenzione anche la corsa calciata dietro in leggero avanzamento.
Il tallone deve arrivare a sfiorare i glutei con una potente azione dei flessori della gamba, il busto deve essere leggermente appoggiato in avanti e il ginocchio non deve avanzare per precisare l’azione dei flessori. In questo esercizio, il movimento delle braccia diventa facilmente corto e frenetico.
Soprattutto all’inizio della fase didattica, invece, si deve ottenere una buona fase di stacco (quasi un balzello) per delineare correttamente sia l’azione del piede sia la flessione della gamba sulla coscia.
Si deve poi controllare che il ginocchio della gamba che esegue la flessione non avanzi, trasformando l’esercizio quasi in una corsa sul posto. Anche in questo caso, verso i 9-10-11 anni, la corsa calciata può esser proposta in maniera intensa. Si può addirittura usarla, quando l’esecuzione e molto buona, come test di rapidità, cronometrando 10 o 20 colpi per verificare le differenti qualità di rapidità nel gruppo dei ragazzi.
Lavoriamo in sequenza
Saltelli per i piedi a gambe quasi tese, movimenti delle braccia prima da fermo e poi in movimento, skip vari e corsa calciata dietro.. . ecco una sequenza di esercizi per stimolare la tecnica di corsa e dare ai ragazzini delle sensazioni diverse, grazie a sinergie sempre più complesse. Ma non accontentiamoci e proponiamo altre difficoltà come la corsa in curva da affrontare in buona velocità e con grande inclinazione del busto, prima in una direzione e poi nell’altra. I piedi sono chiamati a lavorare sia sull’esterno sia sulla parte interna, svolgendo anche un ottimo lavoro propriocettivo.
Un altro esercizio importante, ma complesso, e la corsa incrociata molto “bailada” che, in voga anni fa, ora e finita nel dimenticatoio al pari di altri esercizi. Correndo lateralmente, verso sinistra, si deve portare la gamba destra prima davanti e poi il più possibile dietro all’arto sinistro con ampi movimenti delle braccia da coordinare con gli arti inferiori. Non è semplice, all’inizio, ma questo ci consente di lavorare sulla lateralità con difficoltà che poi si ripropongono continuamente in uno sport complesso come il calcio.
Non solo erba
Infine, ci terrei a sottolineare che questi esercizi si possono e si devono eseguire anche su superfici diverse, più compatte ed elastiche (pista d’atletica, palestra, superfici in cemento) rispetto al campo di calcio; in tal modo, si lavora con maggior reattività e si evitano gli adattamenti negativi che possono derivare dal fatto di restare sempre sull’erba. Per quanto riguarda eventuali dolori che possono presentarsi nei giorni successivi, si tratta solo di situazioni transitorie….spariranno con l’adattamento a lavorare su queste nuove superfici e, anzi, le articolazioni e i muscoli, abituandosi a cambiare modalità d’impatto, ne risentiranno positivamente anche in termini di prevenzione per gli infortuni.
A questo proposito non dobbiamo nemmeno aver paura di allenare su queste superfici i giovani e i giovanissimi. Lavorare su superfici sintetiche, più dure, aiuterà i bambini ad adattarsi a un pallone che salta di più e più velocemente; salteranno quindi esprimendo azioni più potenti in alto, perché il terreno di gioco permette maggior rapidità.
Parimenti, servirà più forza per frenare su una superficie che permette maggiori attriti come il sintetico.
Maggiori adattamenti, migliori conoscenze propriocettive, più abilità e, alla fine, maggior prevenzione.
Utilizzando superfici diverse dal solito campo, però, occorre prestare maggiore attenzione con i giocatori maturi, nei quali non e facile indurre i necessari adattamenti. Proprio per questo abituare i giovani ad adattarsi, oltre a essere molto facile, comporta per loro notevoli vantaggi che rappresenteranno un’utile dote per tutta la loro carriera.
UNA CORSA DA INTERPRETARE
Oltre ad apprendere una corretta tecnica, il giovane calciatore deve saper adattare la propria azione alle situazioni di gioco e alla presenza dell’attrezzo. Tramite una serie di esercizi mirati è possibile dotarlo del bagaglio motorio in cui cercare, di volta in volta, le soluzioni più idonee.
Continuo a parlare del tema della corsa nel calcio e cerco di dare qualche affettuosa bottarella ai tanti luoghi comuni sull’argomento. Certamente, il nostro riferimento non sono i 100 metri dell’atletica dove si parte da fermi, l’accelerazione inizia allo sparo dello starter, la corsia indica la direzione e, soprattutto, non ci sono i contrasti e.. . sull’arrivo non c’è nessun motivo per frenare violentemente.
La corsa nel calcio, invece, e fatta di accelerazioni. Spesso gli sprint durano pochissimi metri e il calciatore non raggiunge mai la massima velocità. Molti storceranno il naso, ma è proprio cosi, perché uno scatto non supera mai i 30-40 metri. Quasi sempre bisogna vincere la resistenza e lo squilibrio che deriva dalle azioni compiute dall’avversario per renderci dura la vita, difficilmente si corre in linea retta e spesso, oltre ai cambi di direzione, si e soggetti a frenate e poi bisogna anche occuparsi del pallone.
Com’è dura la vita del calciatore che deve affrontare e interpretare tanti diversi parametri durante la corsa! Nella prima parte ho affrontato il problema dal punto di vista didattico e degli esercizi di base, ora provo a interpretare la corsa come se fosse una situazione tattica.
Perché?
La corsa non e fatta di spinte più o meno intense secondo la velocità? Certo, tutto questo e vero ma riduttivo. Sempre nella prima parte del capitolo dedicato alla corsa, ho parlato del movimento delle braccia che nel calciatore deve essere un po’ più, largo, rispetto a quello adottato nell’atletica, per proteggere il pallone. La posizione del busto è un altro aspetto da sottolineare con i ragazzi perché nel calcio deve cambiare continuamente:
1. se il giovane calciatore è in una fase di sprint il busto deve essere ben avanti per aiutare l’accelerazione;
2. in fase di possesso di palla la posizione deve essere eretta per guardare i compagni;
3. durante gli allunghi sulla fascia, pronti per dettare un passaggio, si assume una posizione intermedia con il busto un po’ in avanti, ma pronto ad affrontare e quindi condurre il pallone.
Un solo movimento, quello del busto, e tante variabili.
Non solo braccia
Finora ho parlato di braccia e busto, ma come utilizziamo gli arti inferiori? La corsa di velocità, perché è soprattutto di velocità e ancor più di accelerazione che dobbiamo parlare, è un rapporto continuo fra ampiezza e frequenza del passo. Nel caso specifico del calcio i rapporti aumentano ancor più, perché oltre a variabili come ampiezza e frequenza entrano in gioco anche tutti i cambi di velocità, dovuti a frenate più o meno intense, e di direzione in cui i movimenti senza palla devono adattarsi anche al contatto con il pallone o al tentativo di impossessarsene.
Interpretare quindi la corsa come una situazione e assolutamente giustificato nel calcio. Su tale aspetto, pero, si deve lavorare fin dai 7-8-9-10 anni, attraverso proposte che mirano a dotare i ragazzini di una capacità di lettura automatica dei vari equilibri e delle differenti modalità di corsa, necessari per essere efficaci nei diversi momenti delle esercitazioni o della partita.
Scattare in avanti-laterale, partendo da un cerchio che forma un triangolo con due birilli, in pratica, si simula la situazione d’intercettamento del pallone, per poi quindi tornare nella posizione di partenza, è un utile esercizio di abilità e rapidità per un bimbo di 7-8 anni e può essere proposto in forma più complessa a 10-11 anni, inserendo un segnale successivo che interrompe gli spostamenti laterali per scattare verso un pallone posizionato a sorpresa. Eseguire l’esercizio correttamente vorrà dire aver buona visione periferica per adattarsi rapidamente alla posizione del pallone.
Il classico errore, durante l’esecuzione dell’esercizio precedente, sarà quello di tornare al cerchio volgendo le spalle al birillo, senza continuare a guardare avanti dove, potenzialmente, potrebbe sempre entrare in gioco il pallone. In questo caso, si sbaglia la lettura della situazione e non certo la tecnica di corsa. Una corretta lettura delle posizioni delle differenti corse laterali, in avanti e all’indietro la possiamo sempre costruire grazie a un quadrato. Ponendo 4 birilli a 5 metri uno dall’altro le diverse tipologie di corsa veloce vengono interpretate nelle differenti età in modo ben diverso.
Quando l’esercitazione cresce con i bimbi
Nei più piccoli (6-7-8 anni) la corsa laterale e quella che si applica nella difesa del basket con i due piedi sulla stessa linea (una sorta di corsa saltellata laterale) e con la corsa all’indietro effettuata un po’ in torsione per vedere dietro. A 9-10 e 11 anni la corsa laterale può e deve essere quella propria del calcio, cioè più incrociata con la gamba destra che passa davanti a quella sinistra, andando a sinistra e viceversa; la corsa all’indietro, invece, sarà più libera e senza guardare dietro poiché c’è maggior sicurezza e capacità di controllo del proprio corpo. Inoltre, sempre guardando in avanti verso un pallone appositamente posizionato, il giovane dovrà essere pronto a scattare a un segnale sonoro o dopo un movimento della sfera. In pratica, nello stesso esercizio si inseriscono diverse variabili e letture della situazione, rendendolo più complesso in base alla fascia d’età allenata.
Il medesimo esercizio può servire anche per allenare esclusivamente coordinazione e destrezza, dai 6 agli 8 anni, mentre può essere indirizzato alle qualità metaboliche e neuromuscolari se eseguito, tra i 10 e i 12 anni, a intensità superiore.
Altre esperienze
Altre proposte possono essere indirizzate sia alle finalità tecniche della corsa sia alla lettura situazionale del gesto. Ci riferiamo a esercizi dove i vari rapporti fra ampiezza e frequenza vengono mescolati, affinché anche l’abitudine di tagliare il passo o di allungarlo diventi naturale.
Questo, dopo tante ripetizioni che certamente ci aiuteranno anche dal punto di vista dell’irrobustimento degli arti inferiori.
L’esercizio più semplice consiste nel porre 5 birilli in linea retta a 12 metri l’uno dall’altro. In tal modo, individueremo 4 spazi uguali all’interno dei quali i ragazzini si dovranno esprimere prima con una corsa rapidissima ad alta frequenza e ampiezza ridottissima, poi frequenza un po’ più bassa e ampiezza superiore, quindi con grande ampiezza e bella spinta dei piedi, per finire con veri e propri balzi alternati che rappresentano l’esaltazione dell’ampiezza in un esercizio importante per il potenziamento delle gambe.
L’esercizio si può complicare dando un numero alle varie andature che, combinate liberamente dai comandi dell’istruttore, serviranno per completare una sorta di puzzle di rapporti fra frequenza e ampiezza che abituerà il bimbo ad adattarsi continuamente, automatizzando la risposta motoria ai diversi input, forniti in allenamento, che ritroverà nelle diverse situazioni che affronterà in partita.
Si potranno poi alternare balzi o grandi ampiezze con situazioni da modificare introducendo l’uso del pallone. In tal modo, si solleciterà il giovane atleta con gesti che implicano un’importante componente tecnico coordinativa.
Gesti da modificare continuamente, in modo che non ci sia mai adattamento a uno stesso lavoro che alla fine verrebbe ripetuto automaticamente. Questo, infatti, ridurrebbe l’intervento del controllo nervoso che invece è stimolato dalla lettura di una nuova situazione.
Per questo e importante che i programmi degli istruttori prevedano tante proposte, con precise finalità. All’inizio si punterà ad ottenere un perfetto apprendimento dell’esercizio che, in seguito, sarà riproposto in modo sporadico, eventualmente arricchito da nuove e più complesse situazioni da interpretare.
Prendiamo ad esempio uno dei più semplici esercizi di coordinazione braccia gambe, da proporre anche a bimbi di 6-7 anni, nella forma più semplice. Parliamo della corsa a saltelli laterali, con le braccia che, contemporaneamente, vanno in massima estensione verso l’alto, partendo dal contatto delle mani con le gambe. Si tratta, sicuramente, di un esercizio molto datato, ma sempre validissimo, soprattutto se sapremo presentarlo e correggerlo. All’inizio implicherà solamente la coordinazione braccia-gambe, ma a 8-10 anni, curando bene la spinta dei piedi, diventerà anche un esercizio di elasticità muscolare. Cambiando poi la gamba di spinta, con un potente balzo che sposterà di 180° il tronco, e aggiungendo complicazioni ritmiche (cambio fronte ogni 4 passi e poi ogni 2) lo stesso esercizio acquisirà dinamismi importanti e servirà per migliorare, in modo combinato: il controllo del corpo in volo, l’azione piede-caviglia (importante per la resistenza alla forza veloce), la coordinazione.
Attenzione pero, che se invece ci accontenteremo di continuare a proporre questo lavoro sempre con le stesse modalità, molte delle sue peculiarità verranno meno e non richiederà alcuna attenzione al giovane calciatore, perdendo infine qualunque importanza.
Lo stesso discorso vale per la ginnastica. Non parliamo, ovviamente, del classico 1-2-3, di militaresca memoria, ma l’esecuzione di slanci, torsioni e circonduzioni da effettuare con grande escursione di movimento.
Tali esercizi, costituiscono tuttora un importante presidio per la prevenzione degli infortuni. Ogni proposta, però, va prima insegnata e poi richiamata con grande attenzione, magari inserendola in circuiti.
Il fine di tutto questo, consiste nel sviluppare le capacità di coordinazione, destrezza, coraggio, controllo del corpo in volo, cadere e sviluppare sinergie complesse di movimenti.
Questi, infatti, sono alcuni degli obiettivi primari dell’attività sportiva in genere e del calcio in particolare. Doti che, purtroppo, appaiono in modo sempre meno evidente nei nostri ragazzi.
CALCIO E COORDINAZIONE IN FASE DI VOLO
Il mio percorso continua sempre all’interno della fascia di età della scuola calcio, portando per mano i bimbi ad approcciare movimenti più complessi, dando spazio a rotolamenti, salti e capovolte. Gesti spesso dimenticati dai piccoli che oggi crescono iperprotetti tra le mura domestiche.
Dobbiamo ricreare la cultura del cortile! Questa deve diventare la parola d’ordine per gli addetti ai lavori, riguardo l’allenamento dei giovani calciatori. Tante le considerazioni che mi hanno spinto a occuparmi, in questi termini, dell’addestramento e, fra questi, i tanti, troppi infortuni che capitano ai bambini in uno sport come il calcio che prevede scontri, cadute e altri gesti complessi da affrontare con attenzione.
C’è negli addetti ai lavori (e gli incontri organizzati insieme all’Isokinetic di Bologna, gli specialisti della riabilitazione, sui problemi legati allo sport giovanile, lo hanno confermato) la certezza che tutta una serie di patologie che oggi caratterizzano l’attività infantile, alcuni decenni addietro non esistevano.
Questo mi ha portato a trarre una serie di considerazioni.
La prima riguarda la “preparazione” con la quale un bimbo di 6-7 anni arriva a frequentare per la prima volta una scuola calcio. Gli stimoli motori che in questi anni caratterizzano la fascia d’età che intercorre tra i 2 e i 5-6 anni sono sicuramente diversi, per qualità e quantità, rispetto a quelli che caratterizzavano lo stesso periodo di vita venti o più anni addietro.
Sicuramente, già dalle scuole materne qualche ora d’insegnamento di attività motoria è stata affrontata diversamente e con più attenzione rispetto a quanto capitava alle nostre generazioni, ma è talmente cambiato il sistema di vita e tutta una serie di grandi stimoli naturali non fanno più parte della vita dei nostri figli.
Ci riferiamo, in particolare, agli stimoli motori che ci offrivano il cortile, il fatto di vivere all’aria aperta e in spazi che già di per se costituivano una palestra naturale nella quale, in modo autonomo e attraverso tante esperienze dirette, si cresceva, apprendendo tanti giochi e le prime regole e tecniche degli sport.
Si cresceva saltando, correndo, spingendoci, facendo tanti esercizi di coordinazione e di equilibrio con attrezzi inventati li per li, e s’imparava a cadere, ad andare in bici in modo precario e tanto altro ancora.
Infondiamo coraggio
Venendo a mancare tutto questo, nel giro di qualche decina di anni si è passati a un’esistenza più protetta, stretti fra le mura di casa, virtualizzando poco a poco tutte le vecchie esperienze fino a diventare molto meno “attrezzati” dal punto di vista fisico e psicologico nei confronti di movimenti che implicano coordinazione e un po’ di coraggio.
Ci riferiamo, in particolar modo, alle nozioni più elementari di pre-acrobatica o, meglio ancora, ai movimenti più essenziali per arrivare a controllare il corpo in posizioni innaturali e in fase di volo.
Certamente una capovolta 30 anni fa non sarebbe stato un argomento di studio….ma cambiano i tempi e forse nemmeno noi solo 20 anni fa avremmo pensato alla società attuale in cui tutto diventa virtuale.
Prima di spiegare o descrivere una capovolta, iniziamo a proporre (parliamo di bimbi di 5-6 anni) rotolamenti a terra nel corso dei quali i bambini devono assomigliare, nella loro forma, a cilindri o a tronchi d’albero.
È molto importante che inizino a sentire le posizioni. Per questo quando si propone l’esercizio possiamo farli rotolare (una, due o tre volte) anche su leggere discese o piani inclinati costruiti in palestra con materassini.
A tal proposito: vi ricordate qual’era il primo esercizio che ci veniva in mente quando si arrivava nei pressi dell’argine di un fiume? I rotolamenti… e nessuno li insegnava.
Proviamo la capovolta
Passiamo alla capovolta che và insegnata e appresa bene perché può costituire il primo di tutta una serie di esercizi per comporre circuiti di coordinazione e controllo del corpo in movimento.
Ma andiamo per gradi. Il bambino si mette di fronte al materassino (o su una superficie morbida) in accosciata e in appoggio sulle mani poste a circa 30 centimetri davanti al corpo. La fronte va sulle ginocchia, le mani sono in appoggio a pollici paralleli e, progressivamente, il bacino si alza creando uno sbilanciamento che porta il corpo a cadere in avanti, dopo che il capo ha effettuato un appoggio occipitale morbido. Siamo gia un po’ più avanti se il bambino, cadendo, raccoglie le ginocchia al petto pronto a tornare in piedi e, caso mai, a riprendere anche la corsa o lo sprint (questo e già un piccolo circuito).
Le prime volte e facile che il piccolo arrivi a terra a gambe tese e quindi, in un secondo tempo, si dovrà migliorare quest’aspetto. Noi possiamo, soprattutto agli inizi, aiutarlo a vincere le paure, facendo
assistenza specialmente nella fase di contatto del capo a terra con una mano che aiuta sia questo delicato appoggio sia lo sbilanciamento in avanti.
Dopo la capovolta in avanti e il momento di effettuare quella all’indietro. Schiena rivolta al materassino. Da posizione eretta, mani aperte sopra le spalle, si va in accosciata e quando il sedere arriva quasi a terra s’imprime una forte spinta delle gambe all’indietro. Le prime volte ci accontenteremo di arrivare sulle ginocchia, ma dopo poche ripetizioni cercheremo di far arrivare i nostri bambini in piedi.. . pronti a riprendere la corsa.
Spazio ai circuiti
Fatte le capovolte in avanti e all’indietro, eccoci pronti a organizzare circuiti con o senza palla per rendere tutto più complicato e per continuare a offrire stimoli utili per incrementare la conoscenza del nostro corpo in posizioni disagevoli.
La capovolta in avanti possiamo proporla subito dopo con lo scavalcamento in tuffo di un ostacolo di poche decine di centimetri, sempre cercando di richiamare alla ripresa della corsa i nostri bambini nel più breve tempo possibile. Proviamo a complicare ulteriormente, ed eccoci a proporre il salto in un cerchio, da noi tenuto a un’altezza maggiore rispetto all’ostacolo precedente. Siamo già a buon livello, anche per bambini di 9 o 10 anni.
Ritornando alla capovolta all’indietro, facciamo eseguire una breve rincorsa con un superamento frontale di un ostacolo, con il corpo che ruota in volo di 180° gradi , compiendo un mezzo giro per poi arrivare schiena al materassino e passare alla capovolta all’indietro. Sicuramente con capovolte, ostacoli bassi e cerchi possiamo organizzare tanti circuiti per arricchire notevolmente le capacità motorie dei nostri ragazzi. Si può partire saltando un ostacolo per poi girarsi in volo di 90° effettuando un quarto di giro, pronti a tuffarsi in avanti con una bella capovolta e, infine, scattare per controllare un pallone o completare un gioco a staffette.
Rotoliamo un pò
Imparare a rotolare con il corpo, in avanti e all’indietro, con belle capovolte, saltando poi un ostacolo basso e passando alla capovolta prima quasi da fermi e poi con una leggera rincorsa in tuffo.
Introduciamo, in tal modo, piccole acrobazie per imparare a cadere. Quindi, capovolta all’indietro, da fermi e con leggera rincorsa. In seguito: rincorsa, salto dell’ostacolo in volo con mezzo giro e capovolta all’indietro per poi sprintare in avanti e.. . siamo quasi pronti per il circo.
Se poi vogliamo “esagerare”, per costruire ragazzi ancora più abili nel controllare il proprio corpo in volo, ecco delle successioni di capovolte in avanti e all’indietro, magari con controlli facili del pallone nel momento in cui si torna in piedi, pronti a riprendere la corsa.

E ora saltiamo
Altre esercitazioni da ricordare, sempre per ricreare l’atmosfera del cortile e della vita di una volta che tanto manca ai ragazzi di oggi, sono tutti i salti verso il basso. Ci si può arrivare partendo da stacchi verso l’alto, curando bene non tanto la massima elevazione quanto l’ammortizzamento delle gambe nel momento dell’atterraggio. Imparare ad assorbire l’impatto e fondamentale perché i bambini diventino meno fragili nelle cadute.
Oltre a essere un grande esercizio di coordinazione, saltare verso il basso assorbendo al momento dell’impatto e anche un grande lavoro di forza eccentrica e costituisce gia un movimento sofisticato di preparazione atletica specifica, tanto naturale quanto utile.
Utilizzando, naturalmente, i tappetini o superfici morbide si può poi incrementare l’altezza di caduta, fino ad arrivare anche a un metro per ragazzi di 9 o 10 anni, puntando sempre al massimo assorbimento nel ritorno a terra, attraverso un bel movimento di squat negativo o eccentrico.
Con grande attenzione e con altezze più basse si possono effettuare esercizi di questo genere (salti verso un plinto o un gradone, sosta sullo stesso e ricaduta in basso ben ammortizzata), anche in successione, esaltando contemporaneamente qualità come la forza, concentrica ed eccentrica, la coordinazione e il coraggio che oggi deve essere allenato ancor più delle altre qualità.
Scuola calcio, quindi, come trampolino verso una pratica calcistica più evoluta, ma anche momento di crescita importante per tante qualità fisiche e psicologiche propedeutiche per tutti gli sport.
Tanti stimoli motori, dunque, per questi delicati momenti di crescita, tenendo presente che i nostri bambini hanno sicuramente tanto bisogno di giocare e divertirsi, ma allo stesso tempo devono essere messi in condizione di crescere un po’ più forti, sembrando meno dei polli da allevamento in batteria.
TEMPI E RITMI
Sono due elementi fondamentali per l’apprendimento del gioco del calcio. Un apprendimento che deve essere arricchito col maggiore numero di situazioni possibili, “rubate” anche agli altri sport, evitando quelle ripetitive, soprattutto quando non sono più utili, e inserendo difficoltà che arricchiranno il bagaglio motorio dei nostri ragazzi, rendendoli così più duttili e pronti nel recepire i gesti tecnici e la loro corretta interpretazione.
Il calcio e spesso definito come sport di situazione ed e quindi legato a tempi e ritmi. A ogni movimento, infatti, corrisponde un ritmo che ognuno di noi interpreta a suo modo. C’è chi e più rapido e frenetico e chi e più “morbido” e marcato cosi come ci sono atleti più veloci e altri più resistenti. Parlando in termini calcistici, ci saranno difensori e attaccanti più portati ad accelerare e centrocampisti dalla corsa più regolare, cosi come i loro ritmi di gioco. Certo, qualcuno dirà che non c’è niente di nuovo perché anche la vecchia ginnastica militare aveva ritmi e tempi; pero i ritmi e i tempi erano chiusi e obbligati e i fatidici 1, 2, 3 e 4 erano ben scanditi per tutti e non lasciavano certo spazio all’interpretazione personale.
Nella nostra idea di apprendimento delle situazioni sportive, e in questo caso parliamo di calcio, l’acquisizione dei tempi e dei ritmi di esecuzione dovrà essere libera e legata ai diversi livelli di capacità individuale.

Corse diverse
La corsa in linea retta dell’atletica ha tempi regolari e ritmi legati alle varie velocità. Quella del calcio, caratterizzata da molti cambi di velocità e di direzione, ha gli stessi più articolati e si presta maggiormente, come abbiamo visto nei precedenti articoli, a essere insegnata come situazione che cambia a seconda dei momenti e và…interpretata. Interpretata soprattutto per trovare un buon equilibrio tra il lavoro delle gambe e la posizione del tronco, tra l’inclinazione del busto e le differenti velocità di traslocazione e, infine, fra l’equilibrio del corpo e la posizione della palla. Certo, non c’è una sola esecuzione corretta, ma parecchie, soprattutto in presenza del talento.
E chi ha talento, normalmente, ha anche tempi e ritmi di esecuzione di lusso e sa adattare con facilità le varie tecniche di esecuzione alle proprie caratteristiche fisiche.
Una proposta importante
Allora chi nasce bravo e fortunato? Certamente e anche così, ma una valida proposta di esercitazioni che possano stimolare queste esecuzioni ritmiche sarà importante per esaltare le capacità dei migliori e per recuperare molti dei problemi che affliggono gli altri ragazzi, che magari sono solo un po’ in ritardo nello sviluppo motorio.
Per ottenere un’esecuzione ritmica ottimale tra gli ostacoli, infatti, è importante avere buoni equilibri muscolari, in rapporto all’età, e se questi esercizi implicano ulteriori difficoltà, oltre al salto della barriera ci si può girare in volo e ripartire, la riuscita è frutto di una importante mix di capacità ritmica ed elasticità muscolare, che è utilissimo sviluppare nei giovani.
La forza, quindi, come utile elemento per incrementare capacità ritmiche in esercizi senza palla a indirizzo più generale e formativo.

Usiamo la palla
Passando a esercizi che prevedono l’utilizzo del pallone per stimolare i tempi di esecuzione del gioco e la ritmica esecutiva, dovremo evitare di proporre troppe difficoltà insieme e per questo utilizzeremo, all’inizio, esercitazioni a coppie senza usare i piedi.
Dal più semplice con uno dei ragazzi impegnato ad afferrare il pallone, lanciato da un compagno con le mani e nel punto più alto della parabola durante un salto di un ostacolo. Poi, passeremo a esercizi più complessi dove l’attenzione dovrà essere puntata prima sulla corretta esecuzione e poi sulla ricerca di tempi e ritmiche più rapide. Un lavoro importante anche per il ragazzo che lancia, poiché c’è da affrontare il salto del compagno che implica la necessità di dare la palla coi giusti tempi, mentre questi e esattamente sull’ostacolo. In pratica si replica la situazione, tipica della partita, in cui si deve attendere il momento più corretto (tempo) per mettere la palla con un cross, mentre il compagno arriva in corsa e può saltare.
Situazione molto più difficile, che però ne implica una simile.
I movimenti del calcio
Passando ai movimenti specifici del calcio ecco che lo stesso esercizio proposto prima con le mani, sia nel lancio sia nella presa, potrà essere riproposto con il colpo di testa del ragazzo che salta l’ostacolo. In questo esercizio, a volte, se il pallone e un filo in ritardo il compagno che deve colpire di testa e costretto ad andare a cercarlo come si raccomanda di fare nelle esecuzioni corrette. A schema libero, lo stesso esercizio si potrà riproporre con il medesimo compagno che passa la palla e con lo stesso ragazzo che salta l’ostacolo, ma il gesto tecnico potrà essere effettuato con uno stop di coscia, un controllo di petto e.. . spazio alla fantasia.
Quando questa famiglia di esercizi sarà stata assorbita bene e quasi tutti saranno in grado di effettuare correttamente sia il lancio sia il controllo della palla in vari modi…potremo complicare ulteriormente le situazioni.
Basterà che il lancio della palla sia effettuato con un rimbalzo prima del tocco del compagno ed ecco che tutta la gamma degli esercizi effettuati implicherà nuove difficoltà e i ragazzi dovranno elaborare nuovi tempi e ritmi d’esecuzione.

Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni 

 

Adattare il gesto
Se il pallone lanciato dal compagno è un po’ in anticipo e il ragazzo che deve colpire, adatterà di conseguenza, il proprio gesto tecnico. Queste sono le situazioni aperte, da interpretare, in cui i giovani sono stimolati da richieste motorie che cambiano continuamente.
Situazione in cui la palla non arriva regolarmente (in modo sempre uguale) come quando e attaccata a una forca, e quindi si crea quella che nel gergo didattico e definita situazione chiusa.
Non arriviamo, comunque, a essere integralisti e a dire che solamente le situazioni aperte dovranno essere utilizzate nell’insegnamento, come si legge da tante parti.
Ci sono situazioni chiuse, e anche in questo caso l’esempio della forca è calzante, che vanno benissimo per mettere a punto il gesto tecnico che poi….dovrà essere allenato per riuscire ad affrontare condizioni più complesse e difficili da interpretare.
Allo stesso modo, è sconsigliabile continuare a proporre esercizi schematici, a situazione chiusa, per tempi lunghi e in età dove le capacità motorie sono maggiormente sviluppate.

Utili considerazioni
Per concludere questo paragrafo sui tempi e ritmi di esecuzione dei movimenti, restano una serie di considerazioni da fare. Molto spesso ho parlato della negatività della specializzazione precoce e altrettanto spesso ho proposto di utilizzare anche altri sport e le loro tecniche per stimolare, in modo importante, l’acquisizione di nuove conoscenze motorie. Nel periodo invernale, infatti, siccome i campi sono brutti i più fortunati, che hanno la possibilità di andare qualche volta in palestra, giocando a pallavolo, a basket o a pallamano soddisfano buona parte delle raccomandazioni che ho proposto in questa relazione.
Devono, infatti interpretare: i tempi di elevazione, il rapporto con il pallone in volo, il contatto con l’avversario…insieme alla gioia che può dare il gioco. Un gioco che però deve essere preparato e ben conosciuto dai ragazzi per rivelarsi realmente utile.
Ma alla scuola calcio si può giocare anche a basket o a pallavolo?
Non solo si può, ma fino a 13-14 anni si dovrebbe, quasi obbligatoriamente, soprattutto nei periodi in cui i campi sono talmente brutti da impedire qualsiasi esecuzione dignitosa. Vedere bambini di 11-12 anni calpestare il fango e cercare di colpire un pallone in grande difficoltà e certo una di quelle situazioni in cui di tempi e ritmi si può parlare ben poco.
Imparare altri sport ed esercitarsi con essi in momenti particolari dell’anno e invece salutare, utile e importantissimo.
Apprendere tanti movimenti, abbiamo detto più volte, è un po’ come conoscere tante parole con cui potremo elaborare discorsi più complessi.
Saper mettere insieme tutte queste parole, attraverso le tecniche di altri sport, e un po’ come migliorare la grammatica; alla fine i discorsi saranno non solo più complessi, ma anche più profondi e ricchi di contenuti.
Si deve essere quindi aperti alle situazioni da proporre e i nostri ragazzi, anche grazie a tanta varietà, conosceranno il divertimento che deriva dall’apprendere e solamente i grandi maestri sanno infondere ciò.

http://www.warmfit.com/it_IT/groups/la-scuola-calcio-a-misura-di-bambino-sistema-i-s-f/forum/

 

Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni Preparazione atletica nelle età 6-8 e 9-12 anni 

Juil
20
Fabio, Sport Masseur
Cultura Fisica retro: 8×8 di Gironda
Cultura Fisica ITA - Official Group
0

Cultura Fisica retro: 8×8 di Gironda; Questo è Vince Gironda (1917 – 1997), un mito del bodybuilding. Oggi potrebbe essere definito come il miglior Personal Trainer dei suoi tempi, uno che ha rivoluzionato l’ambiente, allenato campioni di bodybuilding e star del cinema, introdotto idee innovative per i tempi.

 

Cultura Fisica retro: 8×8 di Gironda

Cultura Fisica retro: 8×8 di Gironda

 

L’ 8×8 è un metodo di allenamento creato negli anni 60 dal noto preparatore americano Vince Gironda per l’allenamento della massa nel body building. E’ un allenamento ad alto volume dove la densità è la priorità per questo tipo di lavoro. Cosa significa densità di allenamento ? sono il massimo numero di serie e ripetizioni che si riescono ad effettuare in una determinata unità di tempo. Per fare ciò sarà necessario utilizzare pause di recupero brevissime ed altresì usare alcuni accorgimenti per terminare il lavoro fornito dall’istruttore.

 

Come tutti i sistemi va inserito nel giusto periodo dell’anno, la parola d’obbligo è periodizzare la vostra preparazione fisica muscolare,  ma sicuramente questo metodo è ottimo dopo aver effettuato cicli di forza invernali o prima di appuntamenti importanti per tirare il fisico ad una definizione super. L’ideale è una suddivisione della settimana in 4 giorni dove alternare i gruppi muscolari in modo da allenarli tutti almeno una volta la settimana .

 

L’allenamento 8×8 dura al massimo 60 minuti, il recupero tra le serie è di 15-30 secondi, Vince sosteneva che la cosa più importante di tutto il sistema era la rapidità con cui si terminava l’allenamento, dopo che vi abituerete a questo metodo basteranno solamente 5-10 respiri profondi tra serie e serie. Di norma vengono forniti 4 esercizi per i gruppi muscolari grandi e 3 esercizi per i gruppi muscolari piccoli. Ovviamente i carichi utilizzati non saranno massimali, il tempo di recupero così breve non lo permetterebbe, l’ideale è utilizzare il 60% del massimale dell’esercizio target e terminare le serie previste.

 

Per i muscoli addominali e polpacci che hanno una fibra muscolare particolare molto resistente si consiglia di lavorare sulle 20 ripetizioni . L’ 8×8 è un classico allenamento di qualitàper dare forma ai vostri muscoli , non va usato per molto tempo anche perché è molto stressante , vi accorgerete che entrerete in palestra e per un’ora salterete da una macchina all’altra a pompare serie su serie senza sosta . E quindi capite bene che se abusate di tale metodologia il sovrallenamento sarà vicino.

 

SCHEDA ALLENAMENTO 8X8 : 8 SERIE DA 8 RIPETIZIONI CON 15″-30″ DI RECUPERO ( 60% MASSIMALE)

 

GIORNO 1 – PETTORALI E BICIPITI

 

  1. PANCA INCLINATA
  2. CROCI AI CAVI
  3. CHEST PRESS
  4. PECTORAL MACHINE
  5. CURL BILANCIERE
  6. PANCA SCOTT EZ
  7. CURL PRESA INVERSA CAVO BASSO

 

GIORNO 2 – GAMBE E POLPACCI

 

  1. PRESSA 45°
  2. AFFONDI
  3. LEG EXTENSION
  4. LEG CURL
  5. CALF IN PIEDI 8X20
  6. CALF SEDUTO 8X20

 

GIORNO 3 . DORSALI E TRICIPITI

 

  1. LAT MACHINE AVANTI
  2. PULLEY
  3. TIRATE AL MENTO
  4. HIPEREXTENSION
  5. PARALLELE (anche assistite)
  6. FRENCH PRESS DIETRO COLLO
  7. PUSH DOWN al cavo

 

GIORNO 4 SPALLE E ADDOMINALI

 

  1. SHOULDER PRESS
  2. ALZATE LATERALI
  3. ALZATE A 90°
  4. ABDOMINAL MACHINE 8X20
  5. CRUNCH INVERSO 8X20
  6. OBLIQUI 8X20

Per un allenamento simile si consigliano gli integratori alimentari Creatina e AMINO ACIDI RAMIFICATI , Buon Allenamento.

http://www.warmfit.com/en_GB/groups/cultura-fisica-ita-official-group-886053070/forum/

Cultura Fisica retro: 8×8 di Gironda  Cultura Fisica retro: 8×8 di Gironda  Cultura Fisica retro: 8×8 di Gironda  Cultura Fisica retro: 8×8 di Gironda  Cultura Fisica retro: 8×8 di Gironda  Cultura Fisica retro: 8×8 di Gironda  Cultura Fisica retro: 8×8 di Gironda  Cultura Fisica retro: 8×8 di Gironda  Cultura Fisica retro: 8×8 di Gironda  Cultura Fisica retro: 8×8 di Gironda  Cultura Fisica retro: 8×8 di Gironda  Cultura Fisica retro: 8×8 di Gironda  Cultura Fisica retro: 8×8 di Gironda  Cultura Fisica retro: 8×8 di Gironda  Cultura Fisica retro: 8×8 di Gironda  

 

Juil
20
Fabio, Sport Masseur
Le diete iperproteiche non fanno male
Alimentazione - Official Group
0

Le diete iperproteiche non fanno male; Un mio amico su Facebook mi ha passato un link di uno studio sull’effetto delle diete iperproteiche sui reni, che mostra come vi sia un sovralavoro di filtraggio da parte di questi. Lo studio è una review del 2015, pertanto è di adesso. Perciò possiamo dire che le diete iperproteiche tendenzialmente facciano male.

Le diete iperproteiche non fanno male

Le diete iperproteiche non fanno male

 

Provate a pubblicarle roba del genere su Internet e viene fuori un casino, flames a non finire fra i paleofissati ed il resto del mondo. Non è vero che le proteine fanno male, è che si fanno gli studi sugli obesi, sui malati, c’è uno studio che dice il contrario, non sono le proteine che fanno venire il cancro all’intestino ma il modo di cottura (ma non stavamo parlando dei reni?), bla bla bla.

Ora, voglio dirvi la mia.

Le diete iperproteiche non fanno male. Assolutamente. Ciò che accade è che non si tiene conto di elementi impalpabili, che sembrano delle fesserie, ma che spiegano perché queste diete non facciano male e anche perché poi gli studi non riescono mai a trarre delle conclusioni.

Parto da un estratto di un altro articolo, che ho scritto sempre io e che riporto perché mi serve per poi dire perché non ci sono pericoli.

Le diete iperproteiche non fanno male

Razzolando su Internet si trova tutto, ecco un estratto della carta di rischio del tumore ai polmoni. Ve la faccio breve, si legge così:

· Mettete, ad esempio, il dito indice destro sulla colonna 55-59, cioè l’età del fumatore.

· Mettete il dito indice sinistro sulla riga 30 anni

· Trovate l’incrocio, verde in questo caso cioè basso livello di rischio.

Ciò che l’incrocio dice è: “uno che ha 55-59 anni e che ha iniziato a fumare a 20 anni (perché i salti sono di 10 anni) ma ha smesso a 30 anni, ha una bassa probabilità di ammalarsi di tumore”. Cioè non conta l’età anagrafica, ma gli anni di fumo: chiaro che per avere molti anni di fumo dovete essere sempre più grandi a parità di anno di inizio.

Ok, adesso guardate l’ultima riga, quella “fumatori”, quelli che non hanno mai smesso di fumare. Vedete come il rischio aumenti negli anni?

Ma come si legge? Ecco: “uno che inizia a fumare a 20 anni e non smette mai fino a 40-44 anni ha un basso rischio ma questo cresce nel tempo”. In altre parole uno che inizia a fumare a 20 anni avrà conseguenze oltre i 40 anni.

Questo è un risultato sorprendente: chi studia i tumori polmonari causati dalle sigarette si sorprende, cioè, che non tutti i fumatori della merda che è nelle sigarette sviluppino un tumore? L’organismo umano è cioè così resistente che per alzare bandiera bianca ci mette 20 anni.

Bene. Per morire di tumore ai polmoni a causa delle sigarette ci vogliono in media circa 20 anni. 20 anni di esposizione ad agenti palesemente tossici. Pensate a quanti sono 20 anni. 20 anni mia figlia non era nemmeno un pensiero recondito, i cellulari pesavano quasi un chilo, internet veloce era a 56k forse, youtube e facebook al di là delle più fantascientifiche ipotesi. 20 anni sono un tempo immenso.

Ora, per essere chiari, voi che vi ingozzate di proteine, che “la palestra è la mia vita”, voi che oggi avete 25 anni, anche 30, quanto pensate di andare avanti? Ma certo! Per sempre!

Invece non è così, per la massa di persone (e voi non sapete se siete la massa dei mediocri oppure no). Magari farete così per 1 anno, 2, 3, per tantissimo, per 5, 10 anni. Ma poi saranno pochissimi quelli che insisteranno. Perché… perché è così.

Perché la fissa assurda, la fittonata cosmica, dura tantissimo è vero ma… ma magari questo tantissimo è 5 anni. Chi si trova nella fase-fissa ora dirà che lui per sempre bla bla bla, oppure che si allena da tantissimo e sarà sempre così, si allena magari da ben 5, ma di più, da 10, ma addirittura da 15 anni! Wow…

Il problema è che io, io sì sono un fissato. Io mi alleno da 30 anni, da un tempo immenso. E di gente che la palestra era la loro vita ne ho vista a centinaia. E tutti hanno smesso. Non voglio assolutamente passare da eroe, sono io, sì, un fissato. Io ci ho impostato una vita, io ho avuto crisi familiari per le mie stronzate, io ho fatto cose assurde ai limiti della patologia. E l’ho fatto per decenni eh… e ho visto gli altri.

Ora vi ingozzate di proteine, a 3, 4, 5 grammi pro chilo al giorno, ma fra 5 o anche 10 anni… l’abbozzerete. Ok, magari non tutti. Magari ci saranno fra di voi altri fissati come me, ma statisticamente l’abbozzerete. E se ci vogliono 20 anni per morire di tumore ai polmoni fumando sigarette… ma che cazzo vi farà mai 5 ma anche 10 anni di proteine ingurgitate compulsivamente? Ve lo dico io: NULLA ah ah ah un cazzo di nulla. Alla fine, mica ve le fumate le whey, le idrolizzate, quelle a basso rilascio (boh… non so che ho scritto), e non vi fumate le bistecche.

Ma ancora: fra di voi c’è sicuramente l’equivalente di colui che parla di allenamento e non si allena, quello che dice che fa la dieta ma vai a vedere non la fa ma pensa di farla. Vorrei vedere quelli che dicono che si fanno la fiorentina con l’avocado quante volte se la mangiano… ma che poi quelli fissati con le proteine non fanno altro (in compagnia dei vegani eh…) che proporre gustose ricettine assurde dove compaiono robe assurde, appunto l’avocado, la papaya, salse assurde e così via, cose della sere “semplicissime ricettine” eccerto eccerto.

Li vorrei vedere, sì, davvero…

Perciò, il problema delle diete iperproteiche è un falso problema: statisticamente sono solo fittonate passeggere, anche durassero anni. Ripeto, poi c’è sicuramente quello che si preparerà a vita i contenitori pieni di tonno ricco di omegatre per tutta la settimana, io l’ho fatto eh… ho retto 3 anni (tre anni, non tre mesi) e poi mi sono rotto i coglioni, perché c’è un limite ad essere cretino anche per un fissato. Chi lo fa a vita di mangiare da un contenitore… ecco io credo che il problema non sia il filtraggio glomerulare renale eh…

Perciò, mangiatevi tuuuuuuutte le proteine che volete. Perché la palestra è la vostra vita, perché voi siete quelli intelligenti, mica come la massa degli stupidi che mangia i carboidrati che fanno venire il cancro… per poi ne riparliamo fra 10 anni, che tanto io ci sarò sempre qui a fare il coglione su internet, identico a me stesso (se non mi sono ucciso allenandomi, chiaro) mentre voi sarete nella schiera dei “eh si… sai… il lavoro, mi sono sposato, i figli, e poi non mi andava più”.

Ricordatevelo: sarà la vostra salvezza.

Ah… prima di lasciarvi. Io sono ancora qua perché ho un solo pregio: so che sono un fissato, uno spostato, un disadattato. So che sono tutte cazzate, e cerco di non prendermi troppo seriamente, so che quando mi prende la fittonata è… appunto, una fittonata, come prendere ferie per allenarsi. Non penso di essere nel giusto o di aver ragione. Per questo io sono ancora qua, nel bene e nel male.

DCSS PowerMechanics For Power Lifters parla, per oltre 750 pagine, della biomeccanica dei principali esercizi della palestra: il libro è a colori e ci sono almeno 2 disegni a pagina, oltre 2000 in tutto il libro, rispetto ai 20, 30 di altri libri. Non solo, DCSS è l’unico libro in cui la pubblicità, come è questo articolo, non ha mai frasi del tipo “se vuoi sapere il resto, compra il libro”. Addirittura, la pubblicità è fatta con materiale inedito…
DCSS è stato definito da Boris Sheiko, il più grande allenatore di Powerlifting di tutti i tempi, come “il miglior libro di biomeccanica del Powerliting che abbia mai avuto”. Il libro è difficile, perché gli argomenti sono difficili, ma in questo modo può essere riletto più e più volte. Per questo, è un libro unico.
DCSS è alla 4° ristampa, è stato presentato all’università di Scienze Motorie di Milano e all’università di Scienze Motorie di Verona.

 

http://www.warmfit.com/en_GB/groups/alimentazione-diet/forum/

 

Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male Le diete iperproteiche non fanno male 

Juil
19
Fabio, Sport Masseur
The Most Impressive Powerlifters
Powerlifting - Official Group
0

The Most Impressive Powerlifters; Key Points 1) The most common method people use to compare relative strength is strength/bodyweight ratios.  However, this standard is horribly flawed. 2) The formulas used to compare relative strength in powerlifting (most notably the Wilks formula) have their own issues.  The two biggest problems with the Wilks formula are that it’s not regularly updated, and it’s notably biased against middleweight lifters. 3) Allometric scaling is an alternative to strength/bodyweight ratios and formulas like Wilks.  It has strong theoretical support, and it works very well in practice. 4) I also developed another formula to compare relative strength that fixes some of the main problems with the Wilks formula.

The Most Impressive Powerlifters

The Most Impressive Powerlifters This article will give you a few ways to attempt to objectively answer an inherently subjective question, propose a new way by which we can accurately judge strength, and introduce you to an older method that works very well, but that few people know about.

Absolute strength vs. relative strength

The first thing to make clear: the difference between absolute and relative strength.  Absolute strength simply refers to how much you can lift regardless of bodyweight.  If someone benches 400lbs at 150lbs, and someone else benches 405lbs at 300lbs, the latter person has more absolute strength. However, the person who benches 400lbs at 150 has more relative strength; they have more strength relative to their bodyweight. These are pretty basic concepts, but they’re worth mentioning at the start just to make sure we’re all on the same page. Absolute strength is incredibly straightforward – it’s simply a matter of lifting the most weight, period.  Relative strength is a little slipperier, however.  How to best gauge relative strength isn’t as straightforward a problem as most people think.

Bodyweight multipliers – an awful standard

The most common way people assess relative strength is via a bodyweight multiplier.  For example, being able to squat 2x your bodyweight. Some common standards for “strong” I’ve seen thrown around include a 2x bodyweight squat, a 1.5x bodyweight bench press, and a 2.5x bodyweight deadlift, with “elite” multipliers being something more like a 2.5x bodyweight squat, 2x bodyweight bench press, and a 3x bodyweight deadlift. However, there are two major problems with calculations like those:

  1. They favor lighter lifters.  For example, a 3x bodyweight deadlift at 150lbs is 450lbs.  That’s a damn solid deadlift, but nothing too out of the ordinary.  However, at 300lbs, that same standard would require a 900lb deadlift – a lift that fewer than 100 people have ever achieved.
  2. They deny biological reality.

That second statement is quite a bold one, but it’s well-supported both theoretically and experimentally.  We’ll get to that in a second.  First, check out the all-time world records in powerlifting, as a function of bodyweight:

Weight Class Squat (with wraps) Squat/ bodyweight Bench Bench/ bodyweight Deadlift DL/ bodyweight Total (with wraps) Total/ bodyweight
123 639 5.2 455 3.7 634 5.15 1339 10.89
132 565 4.28 462 3.5 628 4.76 1471 11.14
148 611 4.13 498 3.36 697 4.71 1581 10.68
165 710 4.3 529 3.21 717 4.35 1714 10.39
181 744 4.11 556 3.07 791 4.37 1840 10.17
198 810 4.09 565 2.85 870 4.39 2028 10.24
220 915 4.16 586 2.66 901 4.1 2110 9.59
242 881 3.64 661 2.73 893 3.69 2210 9.13
275 992 3.61 675 2.45 906 3.29 2380 8.65
308 1030 3.34 701 2.28 939 3.05 2425 7.87

Note: All records in this article were current as of August 2015 As you can see, in almost every case, the strength as a multiple of bodyweight drops off from weight class to weight class.  You’re not going to see a super heavyweight (or even a middleweight) pull a 5x bodyweight deadlift like Lamar Gant, and you’re not going to see any middleweight or heavyweight benchers lift 3.5x their bodyweight any time soon.  Since these are all world records, they’re presumably all extremely impressive, even though the bodyweight multipliers drop off almost linearly between weight classes.  Clearly, bodyweight multipliers aren’t a very good standard for comparing relative strength across a wide range of body weights.  If they were, you’d expect pretty similar strength/weight ratios across the board when looking at the world records. So let’s rewind a bit.  What was all of that “biological reality” business?  Glad you asked.  This leads us to…

Allometric Scaling

Allometric scaling refers to the changes that take place within a species or between species as sizes change. There are all sorts of neat applications for allometric scaling.  The coolest would probably be the relationship between metabolic rate and body size.  When you plot metabolic rate and body size of different animals, as small as a mouse or as large as a whale, against each other on logarithmic scales, you get an almost perfectly linear relationship, with a slope of 3/4.  This is known as Kleiber’s Law.

The Most Impressive Powerlifters
Image Credit

Since Kleiber’s original discovery in 1947, this same basic relationship relationship between mass and metabolic rate has been found to apply to things even smaller than a mouse as well, including bacteria, mitochondria, and even individual respiratory complexes.  It’s been refined a bit to separate single-celled organisms, cold-blooded animals, and warm-blooded animals (all of them display this same basic relationship, but the slopes of the resultant trend lines deviate slightly from 3/4), but even 70 years later, this fundamental allometric relationship has proven to be very well-supported and durable.

The Most Impressive Powerlifters
Image credit

Here’s an easy example to put this relationship in perspective: A mouse that weighs 30g has a basal metabolic rate of about 5kcal.  That may not sound like much, but it works out to about 1kcal per 6g of weight.  A human weighing 80kg (80,000g), on the other hand, would have a basal metabolic rate of about 1800kcal per day, meaning they’d need to eat 1kcal per 44-45g of weight.  In other words, the metabolism of a mouse is 7-8x faster than ours, per unit of weight. Strength scales with size in a similar manner.  For example, you can compare an ant to Hafþór Björnsson, one of the top three superheavyweight strongmen in the world. Ants routinely carry more than 20x their bodyweight for long distances, and modeling research shows that an ant could theoretically hold about 5000x its own weight (after which point its neck – the weakest part of its body – would snap). Björnsson, on the other hand, wowed people in early 2015 by carrying a 640kg (~1400lb) log, roughly 3.5x his bodyweight, for five steps.  I’m not exactly sure how much weight it would take to crush a human, but I assume it would be a shade less than 400,000kg (882,000lbs) – about 5000x the weight of an average-sized person.  I’m not sure why crushing humans has never been studied.  I guess it makes ethics boards uneasy. https://www.youtube.com/watch?time_continue=65&v=JpUrXJNcS_8 scaling is particularly applicable for relative strength because of two simple relationships that change at predictable rates based on the size differences between people. The first is muscle contractile force, which is directly related (almost a perfect 1:1 relationship) with muscle cross-sectional area.  Cross-sectional area is a second order (mathematics definition – something being raised to the second power) characteristic; you measure it in cm2. The second is body mass, which is related to the volume of someone’s body.  If two people have similar densities (and most people do), then the person with more volume will weigh more, in a manner directly proportional to the volume difference.  Volume is a third order (something being raised to the third power) characteristic – measured in cm3 or m3.


One quick soapbox regarding density.  I see pictures like this one crop up all over the place, usually with the message of “muscle is more dense than fat, so you can weigh the same and be way smaller if you lose fat and gain muscle.”

The Most Impressive Powerlifters

That’s absolutely bogus.  The density of muscle is about 1.06kg/L, and the density of fat is about .9kg/L.  In other words, muscle IS more dense than fat, but only about 15% more dense.  This is a more accurate representation:

The Most Impressive Powerlifters

It’s a large enough difference that you can assess someone’s body fat percentage with somewhat reasonable accuracy using underwater weighing or a bod pod (which work by calculating body density), but it’s not as big of a difference as some people think, unless there are big differences in body fat.  That’s a major issue I’ll address in a second. Yes, most people still look sexier at the same weight with more muscle and less fat, but it’s not because there’s the huge difference in tissue densities like some people think.


Going back to allometric scaling, you should expect body mass to increase faster than strength.  If all of your proportions increased two-fold, you should expect to be 4 times as strong (22), while weighing 8x as much (23) assuming your body composition was the same.  If you were to plot size and strength on logarithmic scales (like the metabolism graphs above), the resultant line would have a slope around 2/3, rather than 3/4. Using this relationship, you can use the equation SxM-2/3 to give you an allometric scaling score to compare two feats of strength.  For example, let’s say you wanted to compare a 300lb squat at 150lbs, and a 405lb squat at 220lbs. The former would give you an allometric scaling score of 10.6266, and the latter would give you an allometric scaling score of 11.1132.  So, even though the 300lb squat at 150lbs is 2x bodyweight and the 405lb squat at 220 is only 1.84x bodyweight, the 405lbs squat is a more impressive lift, given the biological reality of allometric scaling. If you want to compare two lifts (or compare your strength to a friend’s) using allometric scaling, you can use the form below.  It’ll do the calculations for you!

If this sounds like a bunch of theoretical mumbo jumbo, keep in mind that it’sgenerally agreed upon as the ideal way to scale strength performance in the research community, and it’s been validated in a host of populations including high-level football players. If that doesn’t do it for you, compare this chart to the previous one looking at the all-time records in powerlifting based on their bodyweight multipliers:

Weight Class Squat (with wraps) Squat Allometric Bench Bench Allometric Deadlift Deadlift Allometric Total (with wraps) Total Allometric
123 639 25.84 455 18.4 634 25.63 1339 54.14
132 565 21.79 462 17.82 628 24.22 1471 56.74
148 611 21.84 498 17.8 697 24.91 1581 56.51
165 710 23.6 529 17.58 717 23.83 1714 56.98
181 744 23.25 556 17.38 791 24.72 1840 57.5
198 810 23.84 565 16.63 870 25.61 2028 59.7
220 915 25.11 586 16.08 901 24.72 2110 57.9
242 881 22.69 661 17.02 893 23 2210 56.91
275 992 23.46 675 15.96 906 21.42 2380 56.28
308 1030 22.58 701 15.37 939 20.59 2425 53.17

Hey, that looks a lot better!  As you can see, comparing the records via allometric scaling puts all the weight classes on a much more level playing field.  There are two exceptionally high numbers in the squat (Stanaszek’s ridiculous 638 at 123 – here’s617 at 114), and Sam Byrd’s 915 at 220.  The rest are hanging around in a little cluster from 21.7 to 23.9. For bench, there appears to be a bias for lightweights, but you have to keep in mind that the world records in the lightest four weight classes are held by paralympic athletes.  While they can’t get leg drive, they can have a lot more upper body muscle mass than non-Paralympians of the same weight, giving them a definite advantage (similar to Stanaszek’s advantage in the squat due to dwarfism, or Gant’s advantage in the deadlift due to scoliosis).  For example, here’s Lei Liu crushing a 498 bench at 148, which beat the previous world record by 58lbs.  Other than the paralympians, the records cluster around 16-17.4.  The bench record of 701 at 308 is the only one notably below the rest. For the deadlift, I expected Lamar Gant’s 634 at 123 to be a definite outlier like Stanaszek’s squat, but Belyaev’s 870 at 198 is nipping at its heels.  However, Konstantinov’s massive deadlifts at 275 and 308 lag behind the rest, and it seems like allometric scaling may put larger lifters at a slight disadvantage. For the total, there are no clear signs of a bias for or against any particular group.  The only two records lagging behind the rest are the 123 and 308 records, with most of them bunched around 56-58, and only Ernie Lilliebridge Jr’s 2028 at 198standing out above the pack. The same basic patterns hold when looking at the IPF raw world records as well (in kg this time):

Weight class Squat Squat Allometric Bench Bench Allometric Deadlift Deadlift Allometric Total Total Allometric
59 226 14.91 170 11.22 270.5 17.85 661 43.61
66 240.5 14.73 182.5 11.17 278 17.02 653.5 40.01
74 260 14.75 210.5 11.94 310.5 17.62 712.5 40.42
83 280.5 14.74 205 10.77 316 16.61 783.5 41.18
93 303 14.76 232.5 11.33 372.5 18.15 847.5 41.29
105 330 14.83 221.5 9.95 343 15.41 867.5 38.98
120 375 15.41 235 9.66 371.5 15.27 945 38.84

Again, there’s no clear bias.  The squats are extremely level across the board, with only Mohamed Bouafia’s 375 at 120 standing out from the pack. The bench press seems to favor lighter lifters, but I suspect that’s just because there hasn’t been a great bencher at 105 or 120 to set an imposing mark since the IPF restructured its weight classes.  If Dennis Cieri can bench 232.5 at 93, I’m sure a 105 or 120 will bench more than 221.5 or 235, respectively.  In fact, Cieri has also benched 237.5 at 93, though it wasn’t at a meet that was eligible for setting IPF world records. The deadlift seems to favor lighter lifters a bit as well, just as it did for the all-time records.  However, Krzysztof Wierzbicki’s 372.5 at 93 makes me think that, much like for the bench, the heavyweights will catch up eventually. Finally, the totals don’t show any clear bias.  They’re all bunched between 38.9 and 41.3, with the exception of Sergey Fedosienko’s absurd 661 at 59. Allometric scaling has strong theoretical support, and seems to work well when comparing powerlifting performances across the board.  Although, it may be biased against heavier lifters somewhat in the deadlift. However, it does have one major drawback.

What to do with superheavyweights?

Allometric scaling works so well because of that relationship between force production (muscle cross-sectional area) and weight (body volume).  As long as those two factors maintain a close relationship and increase at predictable rates allometric scaling should accurately compare strength performances. However, there’s one major factor that skews that relationship: body fat.  Most top lightweight and middleweight lifters have similar levels of body fat – most hovering around 10-15%.  Even some heavyweights (125 and 140kg lifters on drugs, and 105 and 120kg lifters without them) can manage to stay relatively lean.  However, you don’t come across many shredded superheavyweights, and that’s reflected in their allometric scaling scores. For example, Ray Williams’ amazing 425.5kg squat at 171.65kgs (938 at 378) leaves him with an allometric scaling score of 13.78.  The average for the other seven weight classes was 14.88; his squat would score about 6.5% lower than any of the other world records.  Benedict Magnusson’s 1015lb deadlift at 381lbs (460kgs at 173kg) fares about the same; it leaves him with an allometric scaling score of 19.31, well below the average of 23.87 in the other 10 weight classes. None of the untested all-time world records are remotely close to the field.  Only Ilyes Boughalem’s 270.5kg bench at 143.72kg (596 at 317) is competitive with the other IPF world records; its score of 9.86 beats out the 120kg record.  You’ll also notice that he’s the smallest superheavyweight world-record holder in either the IPF or in untested competition. The egalitarian urge is to do something to put the superheavyweights on a level playing field with everyone else.  In fact, that’s what other attempts to compare relative strength have done.  However, I think that urge is misguided.

How do we make it fair across the board?

That’s the question people have attempted to answer with the formulas used in powerlifting and weightlifting competitions. Powerlifting has used several formulas through the years.  The first was the Schwarz/Malone formula, developed in the 70s by Lyle Schwarz and Pat Malone, based off data from the top lifters in the fledgling sport of powerlifting. In the mid ’90s, people felt like it was time for an update, so the Wilks formula was developed by Robert Wilks based off updated data from the top competitors of the day. In the mid 2000s, people felt like the older Schwarz/Malone formulas gave the lightweights an advantage, while the Wilks formula gave heavyweights an advantage, and thus the Glossbrenner formula came about, with which Herb Glossbrenner essentially split the difference between the Schwarz/Malone and Wilks formulas. There have been a few other formulas through the years, but they’ve largely been replaced by the Wilks formula and the Glossbrenner formula.  Wilks is still the most popular formula, used in the IPF and its affiliates, so it’s what I’ll be using as a benchmark for the rest of this article.

The problems with Wilks

The Wilks formula is based on a 5th order polynomial reflecting the best fit relationship between body mass (or weight class category, by kg) and “informed estimations” of what world class lifters should be capable of lifting (personal communication, R. Wilks, 1997) derived from various IPF national and international men’s and women’s 1987 to 1994 competition data. From Validation of the Wilks Powerlifting Formula

1. Bias against middleweights A major problem with Wilks scores arises from how the formula was derived.  It was based on competitors from a bunch of different meets, and from multiple high-level lifters in each weight class. At first, this may sound like a strength of the Wilks formula, but it has one major shortcoming:  Most people are average-sized. There are about twice as many middleweight powerlifters as there are lightweights or heavyweights.  Based on sheer probability, the top 10 middleweights (not necessarily “middleweights” meaning the middle three weight classes, but rather the weight range that lean, muscular, mostly shorter-than-average people generally fall into – roughly 65-90kg) represent more total talent than the top 10 lightweights or heavyweights. If we assume there are 5 people with “Top 5” talent in the lightweight and heavyweight classes, 5 more people with “Top 10” talent, and 10 more with “Top 20” talent in those classes, then with twice the number of lifters, there would be 10 middleweight lifters with the same talent as the “Top 5”-caliber lightweights or heavyweights, 10 more with “Top 10” talent, and 20 more with “Top 20” talent – twice as many lifters at each performance tier. So, when a formula is developed based on the results from multiple top lifters in each weight class, the middleweights get screwed because there are simply more talented middleweights than lightweights or heavyweights.  If the formula is based on, say, the best 10 lifters from each weight class, the formula would be based on 10 middleweights with “Top 5” talent, and 10 lifters with a 50/50 split between “Top 5” and “Top 10” talent for the heavyweights and lightweights. This is born out by comparing Wilks Score to Allometric Scaling Scores (which DO give an accurate comparison of relative strength, both in theory and practice). The Most Impressive Powerlifters Here, I kept Allometric Scaling Score constant, and examined how changes in weight would impact Wilks Score.  As you can see, there’s a definite dip in the middle of the graph. So, what’s the low point in the graph?  To the nearest 100th of a kilo, it’s 77.21kg (170.22lbs).  Men who weigh about 65-92.5kg (143-204lbs) get the short end of the stick with Wilks scores.  For women, the lowest point is at 71.87kg, or 158.45lbs. It seems that Wilks’ reputation for favoring heavier lifters is warranted.  If a lifter can maintain a fairly good body composition and lift at a very high level at 110kg (242lbs), they have a 6.7% advantage in Wilks score over a 70-75kg lifter with the same allometric scaling score.  By 125kg (275lbs), the gap widens to 12.5%.  Lightweights (lifters at or below 60kg) have a similar advantage, though it’s not quite as extreme. Quite simply, there are more good lifters between 65 and 92.5kg, so when the Wilks formula was fitted to the data set, in order to make the scoring “fair” (theoretically giving each weight class an equal chance of producing the best lifter by Wilks Score), people in that weight range got the shaft.  They need MORE relative strength than lifters lighter than 60kg, or heavier than 100kg, in order to achieve the same Wilks Score. 2. It’s not based on data that’s exclusive to raw or equipped lifting. The IPF started allowing lifting gear in 1992.  Since the Wilks formula is based on data from 1987-1994, it is based partially on data from lifters competing raw, and partially on data from lifters competing with early squat suits and bench shirts.  Thus, a sizable portion of the data set used to calculate the Wilks formula is based on lifts performed with equipment that’s not allowed in raw lifting today.  Furthermore (since Wilks is also used for the IPF single ply division), an even larger portion is based on lifts performed without the equipment that’s allowed in equippedlifting today, and the gear they DID have in 1992 doesn’t hold a candle to modern squat suits, bench shirts, and knee wraps. 3. Overfitting This is more of a theoretical gripe, but it’s still worth mentioning.  Overfitting is a term used to describe a model that is prone to picking up the noise in a data set along with the actual relationship between the variables.  There are only two variables in play here: strength and weight.  Unless the relationship between those two variables changes in a chaotic manner, you shouldn’t need a fifth order polynomial (like Wilks) to describe the relationship between them.  You can always add more and more exponents to make an equation fit a data set better and better, but the whole point of an equation like Wilks is to model the underlying relationship, not to fit the data set at all costs. It doesn’t commit the cardinal sin of overfitting (having too complex of a model with too few data points to base it off of – pictured below), but it does seem to commit the second, lesser sin of assuming the data is the relationship instead of simply giving clues about the relationship.

The Most Impressive Powerlifters

Edwin Hubble’s work illustrates this issue beautifully.  Here’s his elegant equation that describes how fast objects are moving away from us (and thus, indirectly, the rate of universal expansion): 887ea2b93e5cecd8fc33a12ec88b887d And here’s the data set he used to arrive at that equation:

The Most Impressive Powerlifters

I heard a quote that summed this image up well (though, unfortunately, I can’t remember who from):  “The genius of Hubble was that he saw this data and knew to draw a straight line through it.” He could have drawn a looping curve though it to fit the data better, but that would imply that the rate of universal expansion was chaotic and unpredictable – faster in some places, and slower in others. I think that’s the issue you see when looking at the Wilks formula: It accurately describes the data it’s based on, but in its complexity, it probably misses the true relationship between increases in strength and increases in weight. If the purpose of the formula was to give each weight class an equal shot at producing the “best lifter” by formula, then the approach used to make the Wilks formula is a good way to go about it.  However, if the purpose of the formula is truly to identify the best lifter and give lifters an accurate scale to compare relative strength across bodyweights, the sheer complicated-ness of it is a pretty good indication that it misses the mark.  Quite frankly, in most meets, a middleweight lifter SHOULD win the best lifter award, because odds are that a middleweight will be the best lifter, just because there are more middleweights. 4. Static (not updated regularly) Since the Wilks formula was introduced in 1994, it hasn’t been updated.  That would be fine if lifters from 1987-1992 represented the absolute limits of performance in the sport of powerlifting, and if we could know that there would never be any shifts in dominant weight classes.  However, neither of those are good assumptions. In contrast, the Sinclair formula in weightlifting is updated every four years based on the top performances over the previous four-year time span.  If you are going to scale performances based on competition data instead of using a basic physical relationship (like allometric scaling), especially in a sport that’s growing as quickly as powerlifting, the formula should be based on an up-to-date data set. 5. Based off totals This isn’t necessarily a weakness of Wilks when it comes to bestowing a best lifter award at a powerlifting meet, but people are interested in comparing relative strength in individual lifts as well.  The Wilks formula is based on totals, and it’s also been validated for the comparison of bench presses.  However, it would be useful to have a formulas specifically made to compare individual lifts as well.

So, what should we do about it? 

Funny you should ask.  I’ve come up with two potential solutions. The first is based on allometric scaling, and the second is based on competition data. 1. Allometric Scaling Score (ASS) The score based on allometric scaling (Allometric Scaling Score, or ASS.  The acronym is reason enough to use it) is simple.  It’s SxM-2/3 multiplied by a coefficient so that the best score of all-time in a particular federation or manner of competition is equal to 100. So, for example, for a raw squat performed in the IPF, that coefficient is 6.487682129.  When you multiply that by the top raw allometric scaling score in raw IPF competition, the resultant score is 100.  For any raw allometric scaling score less than approximately 15.41, you’d end up with a score of less than 100. Personally, I’m partial to this approach.  Allometric scaling is a perfect intersection of theory (based on a really basic biological relationship, it’s supposed to work) and practice (as I’ve already covered, it actually does work). 2. A simpler formula based on competition data The score based on competition data (that I’m unabashedly calling the Nuckols Index) also takes a simple approach to comparing strength performances. Remember how strength/bodyweight ratio for the world records decreased almost linearly as weight increased?  Well, I looked to see how linear that decrease was.  The answer? Pretty damn linear. Here are two representative examples: Here are the strength/bodyweight ratios for the untested bench press world records: The Most Impressive Powerlifters And here are the strength/bodyweight ratios for the IPF total world records: The Most Impressive Powerlifters The r2s were really high (mostly 0.9+) across the board, with very few exceptions.  One such exception is the all-time squat records.  Stanaszek is such an outlier that he drags the r2 down to about .72.  If you exclude him from the data set (which would be a perfectly legitimate thing to do with someone who’s such an outlier), the r2 for that data set goes up to around 0.85 as well.  A few of the womens’ records also don’t give quite as pretty of a relationship, but I’m confident that will be remedied soon enough as the sport attracts more female competitors. From these graphs, it was pretty easy to develop a formula that could compare performances up to the top capped weight class (308lbs for untested WRs, and 120kg for IPF world records). The formula takes the form of 100*w/(a*bw2+b*bw).  That may look a little messy, but it’s downright elegant compared to Wilks, which takes the form of 100*w/(a+b*bw+c*bw2+d*bw3+e*bw4+f*bw5) w = weight lifted for a particular lift bw = bodyweight a and b are coefficients specific to the lift. There are four main advantages of this approach over Wilks.

  1. It’s a much simpler equation (second order polynomial versus fifth order polynomial), so there’s probably a better chance that it reflects an actual underlying relationship, rather than picking up noise in the data set.  Also, since there are fewer coefficients, it’s just a simpler equation to work with.
  2. It can be updated pretty easily to ensure it doesn’t go stale the same way Wilks has.
  3. Since it’s based only off world records, the effect of having a higher concentration of talent in certain weight classes doesn’t affect the results to nearly the same degree.  It only takes one high performer at some point in time to “hold it down” for their weight class until another super high performer moves the world record up further.  There’s the inherent disadvantage of fewer data points, but the tradeoff is that it helps remedy the issue of differing talent depths at each class screwing up the equation.  There’s no clear bias toward any weight class or group of weight classes using this method.  For the untested records, the top 3 scores (across squat, bench, deadlift, and total) are held by two 123s, one 132, two 198s, two 220s, one 242, two 275s, and two 308s.  For the IPF world records, it’s three 59s, one 66, two 74s, three 93s, and two 120s.
  4. It can be used to assess relative strength in the total, but also in each of the individual lifts.

Here’s how this method fares for the IPF records:

Weight class Squat Squat Nuckols Index Bench Bench Nuckols Index Deadlift Deadlift Nuckols Index Total Total Nuckols Index
59 226 98.23 170 92.59 270.5 94.35 661 100
66 240.5 95.48 182.5 92.37 278 89.55 653.5 90.80
74 260 94.52 210.5 100 310.5 93.40 712.5 91.77
83 280.5 93.75 205 91.26 316 88.84 783.5 94.19
93 303 93.67 232.5 99.04 372.5 100 847.5 95.87
105 330 94.54 221.5 90.41 343 87.22 867.5 92.68
120 375 100 235 94.49 371.5 92.13 945 96.81

And the untested world records:

Weight Class Squat (with wraps) Squat Nuckols Index Bench Bench Nuckols Index Deadlift Deadlift Nuckols Index Total (with wraps) Total Nuckols Index
123 639 100 455 100 634 97.56 1339 93.87
132 565 81.51 462 96.26 628 91.49 1471 97.58
148 611 80.49 498 95.77 697 94.17 1581 95.85
165 710 87.10 529 94.73 717 90.26 1714 95.79
181 744 85.21 556 94.17 791 94.80 1840 96.28
198 810 87.59 565 91.00 870 100 2028 100
220 915 93.27 586 89.74 901 98.97 2110 97.23
242 881 83.91 661 98.00 893 94.85 2210 96.35
275 992 89.31 675 96.84 906 94.04 2380 97.35
308 1030 88.53 701 99.92 939 98.19 2425 94.68

However, this method has a major flaw.  Since it’s based on a strength/bodyweight ratio, the bigger a lifter gets, the smaller their strength/bodyweight ratio is expected to be (since it’s expected to decrease linearly).  It’s obvious that this isn’t a major concern up to 308lbs for untested lifts, or up to 120kg for IPF lifts.  However, if you tested it for, say, a 300kg lifter, they’d achieve GOAT status (a score exceeding 100, setting the new standard) with a squat around 600lbs in an untested meet (lower than the current 308 world record), and about 260kg in an IPF raw meet since their strength/bodyweight ratio would be expected to be less than 1. So, past the top of the weight-capped classes, you can compensate by having allometric scaling take over, with the allometric scaling score intersecting the lift at 308 or 120 that would provide a Nuckols Index score of 100 (how to do that is described in the attached spreadsheet at the end of the article). Let me reiterate that my preference is for allometric scaling. The Nuckols Index is, I think, a better option than Wilks if you insist on having a standard that makes recourse to competition results.  However, it incorporates allometric scaling anyways for larger lifters, and allometric scaling also has the advantage of strong theoretical support. Using both of these methods, however, there’s still one group left high and dry:  superheavyweights. However, I think that’s for the best. Why? Because ultimately, the best lifter award ought to be awarded to the person with the most relative strength because, after all, powerlifting is a sport of relative strength – how much you lift relative to how much you weigh.  You should realize by now that relative strength isn’t as straightforward as taking a simple ratio of how much you lift divided by how much you weigh.  However, the basic principle at the heart of relative strength is that if you’re comparing two people who are equally skilled with similar body fat percentages (within 5-10% or so), they should have similar relative strength.  And, quite frankly, superheavyweights generally have quite a bit more body fat than the top competitors in the weight-capped categories.  As we saw, only the lightest superheavyweight with an all-time record (Ilyes Boughalem) still had an allometric scaling score that was competitive with the record holders in weight-capped categories. So I say, let the superheavyweights dominate absolute strength, but if a SHW wants to compete in terms of relative strength, they should be expected to have a similar body fat percentage as the top competitors in the other weight classes, instead of being advantaged by a formula like Wilks.

To recap:

  1. There’s way more to relative strength than taking a simple ratio of how much you lift divided by how much you weigh.
  2. Because of the factors that regulate how much you weigh and how much you lift, allometric scaling provides an ideal means to compare relative strength.  It has strong theoretical support and real-world validation.
  3. Because of how the Wilks formula was developed, it’s biased against normal-sized lifters, and gives a clear advantage to very light and very heavy lifters.  Furthermore, if a formula similar to Wilks is to be used, it should at least be updated regularly.
  4. If you want to use an allometric scaling score to compare relative strength to determine the most impressive powerlifter, that’s great.  If you want to use my formula that’s population-specific, lift-specific, and based on continuously updated world records, that’s great.  However, both a simple strength/bodyweight ratio and the Wilks formula are deeply flawed, and we need something better to take their place.
  5. Superheavyweights will be screwed by any reasonable formula used to compare relative strength.  However, that’s actually a good thing by my estimation: Increased body fat levels inherently decrease relative strength, and SHWs shouldn’t get a “free pass.” If they want to compete in terms of relative strength, they should be expected to maintain body fat levels similar to the lifters in the weight-capped classes.  Otherwise, they can just own the category of absolute strength (which is what the SHW class is for in the first place), and leave relative strength for the rest of us.  I realize that this is a value judgement and may strike some people as unfair, but, to me, it seems more unfair to give the SHWs a boost as large as Wilks does.  If a 150kg lifter has the same allometric scaling score as a 72.5kg lifter, their Wilks score will be 23% higher.  By the time a lifter is 180kg, the advantage jumps to 35%.

If you’re interested in seeing how you score with each of these methods and how you stack up against the best in world, check out this spreadsheet (you need to download it to be able to edit it) with more information.  It also contains the data for female lifters and single-ply lifters. So, to wrap it all up, the answer to the question posed in the title of this article really depends on how you assess relative strength.  Unfortunately, there’s no simple answer.  By any measure of relative strength, Stanaszek’s squat, Gant’s deadlift, and Othman’s bench are the three greatest displays of relative strength in those lifts.  But who’s the greatest all-around powerlifter?  It’s hard to say for sure because the answer will depend on the tools you use to go about answering it.  However, this article has given you a few more tools you can use to compare relative strength in an attempt to answer that question for yourself. http://www.warmfit.com/it_IT/groups/powerlifting-official-group/forum/   The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters The Most Impressive Powerlifters 

Aller à la barre d’outils