dottor g. r. Hamer - official group Archives - Page 2 of 11 - warmfit
Home  »  Community News  »  dottor g. r. Hamer - official group Archives - Page 2 of 11 - warmfit
Jun
1
Fabio, Sport Masseur
Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio
dottor g. r. Hamer - official group
0

Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio; La Nuova Medicina Germanica è una medicina scientifica ed è valida per gli esseri umani, gli animali e le piante, perfino per gli organismi monocellulari, per l’intero cosmo. Essa ha scoperto che “malattie”, nel senso come si intendeva fino ad ora, non esistono, ma che i sintomi, che abbiamo chiamato “malattia”, sono una parte di un programma speciale biologico sensato bifasico.

 

Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio

La causa scatenante di ognuna di queste cosiddette malattie (non solo del cancro) è sempre un conflitto biologico, un evento altamente drammatico scioccante, una DHS. Esattamente con il momento della DHS inizia la fase di conflitto attivo (fase ca), cioè il sistema nervoso vegetativo cambia dal normale ritmo giorno/notte a simpaticotonia permanente o fase di stress permanente, il paziente pensa giorno e notte sempre solo al suo conflitto, non riesce più a dormire di notte, non ha più appetito, perde peso, l’organismo gira come un motore a pieno regime e i cambiamenti nell’organo cominciano il loro percorso. Questo choc inaspettato lascia tracce nel cervello che si possono vedere con l’aiuto della TAC, i cosiddetti focolai di Hamer (HH). Guardano questi focolai si riesce a comprendere con precisione di quale tipo di conflitto biologico si è trattato nel momento dello choc vissuto dal paziente, quale organo è colpito ed anche se si tratta di un aumento di cellule o di una diminuzione.

Tutti i conflitti, cioè tutti i programmi speciali biologici sensati, si evolvono in modo sincrono su 3 livelli: nella psiche, nel cervello e nell’organo.

Nel carcinoma delle ovaie dobbiamo differenziare tra il carcinoma dell’ovaio come tumore compatto, il cosiddetto teratoma ed una necrosi interstiziale dell’ovaio, una diminuzione di cellule (necrosi).

Dallo sviluppo embrionale conosciamo il tre differenti foglietti embrionali, che sono implicati in tutto lo sviluppo embrionale e dai quali si evolvono anche tutti gli organi: l’endoderma, il mesoderma e l’ectoderma. Ogni cellula e ogni organo del nostro intero organismo appartengono ad uno di questi foglietti embrionali.

Ad essi appartengono pure le varie parti del cervello (tronco cerebrale, cervelletto, sostanza bianca e corteccia cerebrale), un tipo ben preciso di contenuto di conflitto come anche una specifica localizzazione nel cervello, una particolare istologia e anche specifici microbi, inerenti al foglietto embrionale. Inoltre ogni cosiddetta malattia ha un senso biologico comprensibile seguendo la storia evolutiva.

– Il teratoma appartiene ancora, dal punto di vista evolutivo, al tronco cerebrale, anche se si trova nella parte superiore del mesencefalo, e con ciò copre una posizione d’eccezione, in quanto si tratta di un organo giovane governato dal tronco cerebrale. Il teratoma rappresenta qualcosa come la forma anacronistica di procreazione del tronco cerebrale. L’organismo cerca quasi di attingere ad un programma arcaico della procreazione.

Tutti gli organi governati dal tronco cerebrale creano in caso di conflitto tumori compatti del tipo adenoide. Il contenuto del conflitto nel caso del cancro alle ovaie è sempre un grave conflitto di perdita, per esempio di un figlio, una persona amata, ma anche di un animale.

Esempio: la madre di una paziente è morta improvvisamente in ospedale. La paziente ha amari rimorsi perché non era più andata a trovare sua madre in ospedale da un po’ di tempo.

Determinante per la DHS non è solo, cosa è successo (perdita della madre), ma l’evento deve essere stato conflittuale. Il normale lutto per la morte di un nostro caro senza DHS naturalmente non è una malattia, ma un processo normale. Nel caso si è verificata una DHS, il conflitto non è necessariamente un conflitto di perdita.

Il conflitto potrebbe essere per es. anche un conflitto di territorio o la situazione potrebbe essere stata vissuta non come un conflitto biologico. O se avviene la perdita in una lite, la donna può per es. sviluppare un cancro al seno invece del cancro alle ovaie. Il conflitto può anche essere sentito come un conflitto di separazione con una paralisi sensoria nella fase ca, e causare una carcinoma dei dotti lattiferi nel seno sinistro o destro, una carcinoma dei dotti lattiferi a secondo se riguarda bambino/madre o il partner. Solamente il sentito personale (contenuto del conflitto) definisce dove il conflitto biologico colpisce.

Nella fase di conflitto attivo il quasi embrione arcaico cresce come teratoma secondo lo schema del cervello antico (cioè in simpaticotonia). Ma questa forma arcaica di procreazione oggi non è più vitale e perciò viene demolita nella fase pcl (fase di guarigione) attraverso micobatteri.

Contemporaneamente con la crescita del teratoma nella fase ca si moltiplicano anche funghi e micobatteri (per es. Tbc, se già presente), ma solo tanti quanti saranno necessari più tardi per la demolizione del tumore.

Il senso biologico, che si trova nella fase ca, è la forma arcaica di procreazione dopo la morte del parente. Qualcosa di simile come le clonazioni dei tempi moderni.

Se alla paziente riesce la soluzione del conflitto biologico, comincia la seconda fase del “programma speciale”, la fase di guarigione. Il cancro si ferma, non cresce più, anche se l’arresto di crescita avviene un po’ in ritardo, poiché ogni tessuto embrionale possiede una “spinta di crescita embrionale”. Contemporaneamente si attivano i funghi ed i micobatteri, che si sono moltiplicati dalla DHS in poi secondo l’appartenenza al foglietto embrionale e in modo proporzionale al tumore, che demoliscono il tumore, diventato superfluo, attraverso caseificazione necrotizzante. Tutto quello che non è stato demolito fino alla fine della fase di guarigione resta presente e può, essere eliminato chirurgicamente, anche se non deve necessariamente in quanto non causa disturbi.

Mentre il teratoma non incrocia dal cervello all’organo, in quanto la lateralità non ha importanza nel tronco cerebrale, dal cervelletto in poi la situazione è diversa. In modo semplificato si può dire: la metà destra del cervelletto e del neoencefalo sono responsabili per il lato sinistro del corpo, la metà sinistra del cervelletto e del neoencefalo per il lato destro del corpo.

La lateralità ha inizio nel cervello, per essere precisi inizia solo con il cervelletto (mesoderma). Dal cervelletto in poi tutto è definito secondo la lateralità, cioè la correlazione dall’organo al cervello e dal cervello all’organo è sempre definita. Solo nella correlazione tra psiche e cervello o tra cervello e psiche è importante se uno è destrimane o mancino, in quanto decide la via tra conflitto e cervello e con ciò quale malattia si può sviluppare e con quale conflitto. La prova dell’applauso (battere le mani) è il metodo più sicuro per definire la lateralità: se la mano destra si trova sopra, si tratta di un destrimane, e se la mano sinistra si trova sopra, si tratta di un mancino.

– Nel caso di una necrosi (interstiziale) dell’ovaio il focolaio di Hamer si trova nella parte occipito-basale della sostanza bianca, in immediata vicinanza del mesencefalo, ma appartiene però ad un altro foglietto embrionale. Tutti gli organi governati dalla sostanza bianca del cervello creano in caso di conflitto necrosi, cioè una diminuzione cellulare.

Nella necrosi dell’ovaio esistono due aspetti di conflitto:

1. conflitto di perdita (figlio, moglie, marito, genitori, amici, animale) per morte o allontanamento.

2. conflitto brutto, semigenitale con un uomo o con una donna mascolina.

Semigenitale significa che il punto chiave del contenuto di conflitto non gravita solo sulla zona genitale in senso stretto (reale o in senso lato), ma che la tematica genitale si presenta come “musica di sottofondo”, e con questo si differenzia nettamente dal conflitto sessuale.

Esempio: La matrigna un molto mascolina di una giovane ragazza ha strappato tutti i fiori nel giardino ed anche sulla tomba della madre morta.

Nella fase di conflitto attivo non si notano le necrosi, se non capita per sbaglio un ovaio rimpicciolito sotto il microscopio di un’istologo. In questo caso le necrosi sono il “vero” cancro delle ovaie. Esse causano una diminuzione della produzione di estrogeni che può comportare un’amenorrea.

Nella fase di guarigione le necrosi vengono riempite con nuove cellule, esattamente come negli altri organi governati dal mesoderma e dal neoencefalo. E poiché non esiste una capsula delle ovaie, si formano cisti ovariche (che contengono liquido all’interno) di grandezza variabile che prima sono liquide e si induriscono (solidificano) più tardi, cioè si riempiono di tessuto interstiziale mesodermale. Queste cisti indurite di tessuto interstiziale sono erroneamente state chiamate “cancro” delle ovaie, perfino “cancro delle ovaie a rapida crescita, poiché le cellule di tessuto interstiziale si sono moltiplicate nella ciste che prima conteneva liquido.

All’inizio della fase di guarigione la ciste si aggrappa dappertutto agli organi interni, perciò si deduceva erroneamente una “crescita invasiva”. La causa era però la necessità della ciste di fornirsi di sangue dalla zona circostante, infatti, nell’arco di 9 mesi, lei forma un vero sistema sanguigno con arterie e vene, che diventa autonomo.

Non appena si è assicurata il rifornimento sanguigno autonomo (arterie e vene della ciste ovarica), le aderenze si staccano da sole. Adesso la ciste forma una capsula grossolana di circa 1 cm di spessore, in modo che può essere asportata chirurgicamente con facilità, se disturba meccanicamente. La ciste ovarica originaria ormai indurita produce più tardi tanto estrogeno che la donna appare di 10 – 20 anni più giovane.

Il senso biologico sta nell’aumento della produzione di estrogeno, che fa apparire la donna più giovane, che aumenta la libidine e esercita una forza di attrazione maggiore sugli uomini. Questo aumenta la possibilità di essere fecondata. Lo “stadio finale” di questo programma speciale è proprio ciò che si dovrebbe augurare ad ogni paziente.

Lo stesso processo vediamo nell’uomo nel caso di una necrosi interstiziale dei testicoli, nei quali il testicolo ingrossato produce tanto testosterone nella fase ca, che l’uomo diventa più mascolino di prima.

Anche nel rene, la ciste renale indurita produce alla fine urina e permette al rene di produrre l’urina meglio di prima della “malattia”, in modo tale che alla fine della fase di guarigione esiste una maggiorazione della funzionalità organica. Questo è il senso biologico che, per gli organi governati dalla sostanza bianca del cervello, si trova sempre alla fine della fase di guarigione.

Nei casi delle cisti oraviche o delle cisti renali, che si evolvono all’incirca con il ritmo di una gravidanza e impiegano nove mesi per indurirsi (solidificarsi) per prendere la funzione a loro destinata dall’organismo, non si deve operare prima del termine dei nove mesi. Nei casi di questi interventi precipitosi fino ad oggi si toglievano nella medicina ufficiale sempre anche tutti gli organi “infiltrati” (in quanto, come descritto sopra, in quel periodo di tempo la ciste aderiva agli altri organi del ventre per formarsi il proprio sistema sanguigno). Con un tale maxi-intervento l’addome molte volte restava molto mutilato.

Non vogliamo neanche parlare dei conflitti che la paziente subiva di conseguenza. Se invece si aspetta lo scadere dei nove mesi, in caso di cisti piccole fino ad 12 cm si evita preferibilmente di operare, in quanto le cisti compiono la funzione di produzione ormonale o nel caso della ciste renale (cosiddetto tumore di Wilms, chiamato nefroblastoma nella sua forma indurita) la secrezione d’urina, come è previsto dall’organismo.

Solo in casi estremi, quando le cisti creano forti problemi meccanici, per esempio quando sono molto grandi (6-8 kg), è indicato un intervento dopo lo scadere dei nove mesi, dopo l’indurimento della ciste.

Allora l’intervento è diventato tecnicamente facile, poiché nel frattempo si sono distaccate tutte le aderenze e la ciste è circondata da una capsula grossolana.

Questo processo biologico è stato mal compreso come “crescita tumorale maligna infiltrante”. L’errore si mostra subito per quello che era veramente: se colavano “parti tumorali” durante l’intervento da una ciste solo parzialmente indurita, loro crescevano per un tempo residuo di nove mesi e dovevano essere operate di nuovo. Venivano valutati come particolarmente maligni. Era un grosso errore, in quanto queste presunte “metastasi” producevano estrogeni esattamente come la “ciste madre”.

Nei casi dei tumori governati dal cervello antico abbiamo attualmente ancora bisogno dei chirurgi (come abbiamo bisogno dei cacciatori nelle foreste, da quando non ci sono più i lupi), in quanto abbiamo eliminato la tubercolosi, la quale eliminerebbe “chirurgicamente” i tumori del cervello antico (vedi 4° legge della natura).

Tutta la prognosi della medicina ufficiale era azzeccata solo apparentemente, come vediamo adesso, grazie al panico che creava, che causava nel paziente una nuova DHS e i conflitti che seguivano (cosiddette “metastasi”, che non esistono neanche in quel senso). In realtà era completamente sbagliata. In casi estremamente rari, animali sviluppano cosiddette metastasi, cioè carcinomi successivi e in gran parte sopravvivono. La piccola percentuale, che raggiunge nella medicina ufficiale la cosiddetta soglia dei cinque anni, sono coloro che hanno trovato la via d’uscita dal panico e hanno naturalmente risolto il loro conflitto.

Mentre nei casi dei tumori delle ovaie, governati dal cervello antico, il tumore, che non è più utile mentre prima lo era, viene demolito nella fase di guarigione, se al momento della DHS erano già presenti dei micobatteri (il senso biologico si trova in questo caso nella fase ca), nei casi delle necrosi delle ovaie governate dalla sostanza bianca del cervello la ciste si forma solo nella fase di guarigione, che poi si indurisce nel arco di nove mesi e produce estrogeno. Il senso biologico in questo caso sta nella fase pcl.

Qui si vede quanto necessita un dicitura nuova, quando la comprensione dei processi finora chiamati “malattia” sarà cambiata.

 Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio

Cosa erano allora le nostre cosiddette malattie? Solamente i sintomi che conoscevamo restano. Li dobbiamo considerare e valutare in modo completamente nuovo in quanto abbiamo raggiunto una nuova comprensione.

Guardando la 2° legge biologica della natura, la legge della bifasicità di tutte le cosiddette malattie, in caso di soluzione del conflitto, dobbiamo costatare, che pensavamo di conoscere molto più “malattie” di quanto esistono programmi speciali, in quanto avevamo considerato ognuna delle due fasi come una malattia a sé.

http://www.warmfit.com/wp-content/uploads/2016/01/presentazione20NMG.pdf

 

 

Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  Hamer: Carcinoma delle ovaie – teratoma e necrosi dell’ovaio  

Jun
1
Fabio, Sport Masseur
Hamer: Carcinoma dei testicoli
dottor g. r. Hamer - official group
0

Hamer: Carcinoma dei testicoli;

Programmi speciali biologici sensati

Secondo la conoscenza della Nuova Medicina Germanica® del Dr. med. Ryke Geerd Hamer

Il Carcinoma dei testicoli

La scoperta della Nuova Medicina Germanica® ebbe inizio con la morte di mio figlio Dirk, che all’alba del 18 agosto 1978 fu colpito a morte dal principe ereditario italiano davanti all’isola mediterranea di Cavallo vicino alla Corsica, e morì fra le mie braccia 3 mesi più tardi, il 7 dicembre 1978, in circostanze terribili nella clinica universitaria di Heidelberg.

Hamer: Carcinoma dei testicoli

Io subii con questo evento scioccante un conflitto biologico, un cosiddetto conflitto di perdita con cancro ai testicoli. In quelle circostanze cominciai a pensare, in quanto non ero mai stato seriamente ammalato in precedenza, che questo cancro ai testicoli probabilmente aveva da fare con la morte di mio figlio.

Hamer: Carcinoma dei testicoli

Contro il consiglio dei professori di Tuebingen insistetti allora, che il testicolo gonfio venisse operato. All’esame istologico risultava un carcinoma del tipo teratoma.

Dopo la guarigione decisi di approfondire questa mia supposizione non appena mi si offrisse l’occasione. Questa arrivò nel 1981 quando lavoravo come primario di medicina interna in una clinica oncologica. Da allora cominciai a chiamare quell’evento scioccante DHS (sindrome di Dirk Hamer), in memoria di mio figlio morto Dirk. La DHS nel frattempo è diventata punto chiave dell’intera Nuova Medicina Germanica®.

Questa DHS contiene non solo uno choc conflittuale acuto drammatico, che ci ha colto sul piede sbagliato, ma anche il contenuto del conflitto, che determina la localizzazione del cosiddetto focolaio di Hamer nel cervello e la localizzazione dei tumori o della necrosi nell’organo.

Esattamente con la DHS il paziente ha una cosiddetta simpaticotonia permanente, uno stress permanente; cioè ha mani e piedi freddi, non ha più appetito, perde peso, non riesce più a dormire di notte, pensa quasi sempre giorno e notte al suo conflitto e questo cambia solamente quando il paziente risolve questo conflitto. È sempre un evento conflittuale, non un colpo del destino o un avvenimento, che il paziente non avrebbe potuto cambiare comunque. Perfino la morte di qualcuno, anche di una persona amata, è conflittuale solo se ci si fanno degli rimproveri per questo.

Personalmente ho risolto il mio conflitto di perdita, il quale contenuto conflittuale consisteva nel fatto che mi facevo gravissimi rimproveri di non aver tolto mio figlio Dirk, quando c’era ancora tempo, dalla clinica universitaria di Heidelberg, parlando intensamente con mia moglie, che era un medico con esperienza e di buon cuore; questo lo so oggi. Allora sono stato operato, oggi non mi farei operare di sicuro, alla luce della conoscenza della regola ferrea del cancro. Con l’applicazione della regola ferrea del cancro l’intera medicina e anche la biologia trovano una sistemazione automatica.

La regola ferrea del cancro, scoperta nell’estate del 1981, sembrava essere valida inizialmente solo per i cancri del tipo ginecologico. Ma in fretta si è visto che poteva essere applicata a tutti i tipi di cancro. Alla fine ho costatato che in fondo tutte le cosiddette malattie erano o cancro o oncoequivalenti, cioè qualcosa di simile al cancro.

Perciò era soltanto logico che la regola ferrea del cancro dovesse trovare applicazione in tutte le malattie dell’intera medicina.

La scoperta delle correlazioni è talmente drammatica come solo la vita può scrivere. Senza la morte di mio figlio Dirk e la mia successiva malattia di cancro probabilmente le correlazioni del cancro non sarebbero ancora state scoperte per molti decenni, in quanto la medicina tradizionale o cosiddetta medicina ufficiale si muoveva allontanandosi dal “segreto”.

La Nuova Medicina Germanica® include non solo la relazione tra psiche, cervello ed organi ma fornisce anche spiegazioni embriologiche ontogenetiche per la sua comprensione, perché i singoli relè sono localizzati esattamente nelle zone dove ne troviamo le corrispondenze . Ad ogni contesto d’immaginazione appartiene uno specifico relè nel cervello, che in caso di malattia chiamiamo focolaio di Hamer (HH). Questo HH segna nel secondo stesso della DHS la zona, l’area, la regione o il punto nel cervello, dove ha colpito la DHS, cioè che l’individuo associa in quel momento al contenuto del conflitto.

La Nuova Medicina Germanica® spiega in modo esemplare anche le correlazioni tra i vari foglietti embrionali e le varie formazioni istologiche dei tumori da loro provenienti, come anche dei tessuti normali. In ogni zona del cancro troviamo disegni istologici di tessuto che devono trovarsi lì per motivi embriologici. Perciò tutto il tessuto derivante dal foglietto embrionale interno è tessuto adenoidale, che crea in caso di una malattia di cancro un adenocarcinoma, mentre tutto il tessuto derivante dal foglietto embrionale esterno (con eccezione del cervello, che non può creare tumori cerebrali) crea come cancro tipico un carcinoma di epitelio pavimentoso, in quanto il tessuto originale ha epitelio pavimentoso.

Tra questi due si trova il tessuto del foglietto embrionale medio che crea un “calo” nella fase di conflitto attivo, cioè osteolisi, necrosi del tessuto connettivo, depressione dell’ematopoiesi, ecc., e nella fase di guarigione crea eccesso di cicatrizzazione nei tessuti ossei e connettivi, che viene poi denominato insensatamente “sarcoma”, nonostante sia in fondo completamente innocuo.

Esistono due tipi di carcinomi dei testicoli, che derivano da diversi foglietti embrionali: il teratoma e la necrosi interstiziale dei testicoli.

Il teratoma, situato nella parte craniale del mesencefalo (eccezione), crea nella fase di conflitto attivo (fase ca) tumori compatti.

Se il conflitto perdura anche il focolaio di Hamer nel cervello aumenta, cioè l’area si ingrandisce o si altera più intensamente, contemporaneamente anche il tumore nell’organo va avanti, cioè il tumore aumenta di massa grazie ad una mitosi cellulare vera. La causa è sempre un grave conflitto di perdita, quasi sempre la morte di una persona amata, il figlio, il migliore amico ma anche un animale.

Nella fase di conflitto risolto, la crescita del cancro si ferma, anche se solo lentamente, in quanto ogni tessuto embrionale possiede una “spinta di crescita embrionale” (eccezione).

Il senso biologico del teratoma è la capacità arcaica dell’essere umano di partenogenesi (gemmazione di un individuo da un altro) in caso di emergenza biologica, cioè l’organismo tenta in caso di una perdita di un parente stretto di innescare questo programma biologico arcaico.

Il carcinoma interstiziale del testicolo è in realtà una necrosi del tessuto dei testicoli, il suo relè si trova nella sostanza bianca cerebrale. Può avere oltre al conflitto di perdita per una persona, che muore o sene va, anche un aspetto brutto, semigenitale, riguardo ad una donna, anche se questo viene osservato più di rado.

Nella fase di conflitto attivo si formano necrosi, cioè deficit di tessuto nei testicoli. Tranne la sensazione di sentire “tirare” leggermente, non si osservano sintomi esterni.

Nella fase di guarigione, cioè dopo la soluzione del conflitto, si forma una ciste testicolare, un aumento del tessuto interstiziale del testicolo, che produce ormoni. Il senso biologico si trova nella fase di guarigione, in quanto la ciste indurita del testicolo produce notevolmente più ormoni sessuali maschili (testosterone), e con ciò stimola la capacità e la voglia di procreare nel maschio per poter in quel modo sostituire la perdita del figlio o del partner.

Si contrappone a questo l’idrocele, che è causato quasi sempre dal peritoneo: o dal peritoneo addominale in caso di ascite con il canale inguinale aperto, o dal peritoneo proprio del testicolo, preceduto da un conflitto di attacco contro il testicolo.

Visto che il testicolo è migrato tardi, dal punto di vista evolutivo, nella borsa scrotale e appartiene in fondo ai segmenti superiori della colonna vertebrale lombare, in passato si trovavano spesso più tardi dei linfonodi ingrossati a livello di L1 o L2, che si credevano cellule metastatiche migrate. In realtà il paziente subisce di frequente un conflitto di crollo dell’autostima a causa del testicolo mancante, che si manifesta a livello L1, L2. Ma anche l’annuncio di un intervento può causare un conflitto d’attacco nel paziente e comportare un mesotelioma nel peritoneo, come è successo a me, e del quale sono quasi morto, cioè per una peritonite purulenta (fase pcl dopo un conflitto di attacco al ventre).

Sono possibili anche altre combinazioni: per esempio teratoma e necrosi del testicolo, o a causa di due conflitti di perdita (per es. moglie e figlio) una necrosi in entrambi i testicoli. In questo caso il paziente avrebbe una costellazione schizofrenica della sostanza bianca con un sensazione di super valutazione sessuale maniacale. Possiamo anche dire: mania di grandezza sessuale, con contemporanea diminuzione di capacità procreativa.

La visita al bordello il più delle volte non è altro che il seguire istintivamente i programmi speciali biologici arcaici e le combinazioni speciali di madre natura, per tentare di ripristinare il branco perduto. Naturalmente non è accettabile per il moralista cristiano, che non dovrebbe essere “peccaminoso” e cattivo.

Un tale evento drammatico, come un conflitto di perdita, può comprendere le persone intorno a noi come un evento scioccante. Ma la maggior parte di questi o simili eventi scioccanti avvengono, senza essere notati dal circondario, nell’intimità del paziente. Non per questo è meno drammatico o meno efficace sull’organismo del paziente; importa unicamente come il paziente sente o ha sentito. Di solito non riesce a parlarne con nessuno, nonostante che lo farebbe più che volentieri, vorrebbe liberarsi l’anima parlandone.

Da allora la storia dell’evoluzione mi è rimasta come consigliere fidato. Credo che non si può comprendere profondamente niente nella medicina, se non ci si mette davanti agli occhi sempre di nuovo la storia evolutiva dell’essere umano e dell’animale. Solo se si guarda con curiosità sopra la spalla del grande maestro del creato, si comincia a comprendere, non solo cosa c’è, ma anche perché è cosi.

http://www.warmfit.com/wp-content/uploads/2016/01/presentazione20NMG.pdf

Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  Hamer: Carcinoma dei testicoli  

Jun
1
Fabio, Sport Masseur
Hamer: carcinoma della prostata
dottor g. r. Hamer - official group
0

Hamer: carcinoma della prostata;

Programmi speciali biologici sensati

Secondo la conoscenza della Nuova Medicina Germanica® del Dr. med. Ryke Geerd Hamer

 

Carcinoma della prostata – un tumore compatto adenoidale

 

Hamer: carcinoma della prostata

 

La causa di ogni cosiddetta malattia è sempre un conflitto biologico, un evento estremamente drammatico scioccante, chiamato DHS. Nel secondo stesso della DHS viene marcato un relè competente nel cervello, una cosiddetta configurazione a bersaglio (focolaio di Hamer = HH), che corrisponde ad un organo ben preciso. Più è esteso il focolaio di Hamer, più è esteso anche il tumore, o la necrosi od il cambiamento delle cellule nell’organo.

 

Il DHS è il fondamento della regola ferrea del cancro, la base di una comprensione rivoluzionaria dell’intera medicina. La maggior parte dei pazienti sanno indicare con precisione il momento della DHS, in quanto è sempre stato un momento molto drammatico.

 

Nella Nuova Medicina Germanica® ogni cosiddetta malattia è composta di due fasi: una prima fase fredda ed una seconda fase calda, se il conflitto viene risolto. Se il conflitto non può essere risolto, la malattia rimane nella prima fase, cioè l’individuo rimane nella fase di conflitto attivo, dimagrisce sempre di più e può alla fine morire per esaurimento di forze o cachessia. Fino ad oggi avevamo sempre dimenticato di vedere la parte complementare di ogni malattia, perciò l’intera medicina era sbagliata dalla base.

 

Secondo il sistema ontogenetico dei tumori e delle malattie oncoequivalenti esistono due tipi di aumento cellulare. Il primo tipo crea aumento di cellule nella fase di conflitto attivo, la fase di simpaticotonia; l’altro tipo fa aumento di cellule nella fase vagotonica di guarigione, cioè nel caso delle malattie che fanno diminuzione di cellule, buchi, necrosi o ulcere, nella fase di conflitto attivo. Tutti i tumori, che si formano con aumento di cellule in fase di conflitto attivo, hanno i loro relè vicini, appartengono dal punto di vista evolutivo allo stesso foglietto embrionale ed hanno oltre a questo anche un particolare senso biologico. Ad ogni foglietto embrionale appartiene una parte specifica del cervello, un contenuto di conflitto particolare, una particolare forma istologica di cellula ed anche specifici microbi. Questo schema fondamentale è valido per tutti e tre i foglietti embrionali o per le cosiddette malattie degli organi a loro appartenenti. Tutte le malattie di cancro, che fanno aumento di cellule nella fase di conflitto attivo, hanno i loro relè, dai quali vengono governati, nel tronco cerebrale e nel cervelletto, cioè nel cervello antico.

Hamer: carcinoma della prostata

 

La prostata appartiene agli organi governati dal tronco cerebrale e perciò crea nella fase di conflitto attivo tumori compatti di cellule adenoidali.

 

Il contenuto del conflitto è sempre un conflitto brutto, semigenitale; semigenitale significa che il punto chiave del contenuto di conflitto non gravita solo sulla zona genitale in senso stretto (reale o in senso lato), ma che la tematica genitale si presenta come “musica di sottofondo”, e con questo si differenzia nettamente dal conflitto sessuale.

 

 

Alcuni esempi tipici dei contenuti conflittuali della prostata:

– La figlia preferita fa causa a suo padre per essere mantenuta o per ricevere in anticipo la sua parte di eredità.

– L’uomo sorprende sua moglie/amante in flagrante con un amante più giovane.

– Durante un divorzio affiorano delle storie molto brutte.

– Un uomo, avanti con gli anni, viene abbandonato dalla sua partner più giovane a favore di un uomo più giovane.

 

Nella fase di conflitto attivo cresce una tumore compatto di cellule adenoidali. Nello stesso ritmo si moltiplicano, come in tutti i tumori degli organi governati dal cervello antico, anche i micobatteri (se sono presenti), nonostante si attiveranno i loro compiti solo nella fase di conflitto risolto.

 

Più è forte il conflitto più rapidamente cresce il tumore, e più a lungo dura il conflitto più grande diventa il tumore. Oltre i parametri vegetativi come insonnia, inappetenza, perdita di peso ecc. il paziente non ha altri disturbi o dolori, tranne in quei casi (circa 10%) dove il carcinoma della prostata preme casualmente sull’uretra. In quel caso si osserva un deflusso di urina ostacolato (getto d’urina più debole).

 

Il carcinoma della prostata non crea dolori né nella fase ca né nella fase pcl (fase di guarigione).

 

Se viene risolto il conflitto, tutto cambia: il paziente dorme di nuovo, mangia di nuovo, aumenta di peso. Adesso si attivano i micobatteri, che si sono moltiplicati nella fase di conflitto attivo, e demoliscono il tumore. Questa è la chirurgia della natura.

 

L’urina è maleodorante, torbida (tubercolotica), a volte mescolata a sangue.

 

Il paziente suda di notte, è molto stanco. Ha febbre, non di rado fino a 40°C, ma tutto ciò non è pericoloso. Il paziente deve solo nutrirsi bene, con abbondanza di proteine. Durante la fase di guarigione l’uretra può essere compressa in modo passeggero a causa dell’edema. In questo caso si dovrebbe mettere un catetere permanente per un mese o due, fino a quando il tumore è tubercoloticamente demolito e l’ostruzione del deflusso d’urina risolto. Dopo tutto funziona come prima.

 

La guarigione tubercolotica della prostata (eventualmente con un catetere permanente per un periodo circoscritto) è senza nessun pericolo e anche indolore, fino a quando è assicurato il deflusso dell’urina. Non può nemmeno risultare un’impotenza. È pericoloso invece il cosiddetto “piallare” la prostata attraverso l’uretra, in quanto il paziente diventa di solito impotente a causa della lesione dei nervi.

 

Anche nel caso di assenza di micobatteri nel 90% dei casi non succede niente di importante, tranne che può essere rallentato il deflusso d’urina a causa di un’edema generale della prostata. Anche in questo caso quando alla fine si è sgonfiato, tutto torna alla normalità.

 

In quei casi (10%) nei quali l’aumento di cellule aveva causato pressione sull’uretra, e che adesso non può essere demolito perché mancano i micobatteri, si deve eventualmente valutare un intervento. Alla fine però sono solo circa 5% dei casi, nei quali deve essere preso in considerazione un intervento e questo solo perché si tratta di un decorso non biologico, cioè in assenza di micobatteri durante la fase di conflitto attivo.

 

I microbi, che avevamo considerati come “nemici cattivi”, un’armata di “avversari virulenti” che ci volevano annientare e perciò volevamo estirpare, si scoprono adesso come i nostri migliori amici ed aiutanti, quasi spazzini buoni e restauratori del nostro organismo. Loro lavorano diligentemente e lo fanno solo quando il nostro organismo ha dato loro un ordine esplicito da parte del cervello, sempre precisamente all’inizio della fase di guarigione, cioè quando l’organismo cambia da simpaticotonia permanente a vagotonia (di guarigione) permanente.

 

Nella medicina ufficiale l’unica terapia, alla quale si mirava, era di eliminare il tumore o ciò che veniva considerato tale, indipendentemente se era cresciuto nella fase di conflitto attivo o se si trattava di una crescita di cellule in fase di guarigione: tutto veniva tagliato via. Si partiva sempre dal presupposto che l’escrescenza cancerogena fosse partita da una cellula impazzita, che poi nuotava attraverso il sangue arterioso verso altri organi per causare nuovi cancri, le cosiddette metastasi. Se delle cellule cancerogene però, fossero in grado di nuotare verso organi lontani, questo dovrebbe avvenire per forza attraverso il sangue arterioso in quanto il sistema venoso ed anche i vasi linfatici portano solo verso il centro, cioè verso il cuore. Ma mai un ricercatore ha potuto trovare una cellula cancerogena nel sangue arterioso.

 

Quando troviamo allora una diagnosi che dice: “metastasi”, è implicita un’ipotesi non dimostrata, addirittura falsa, che questi sarebbero un qualche carcinoma secondario, i cosiddetti tumori figli del carcinoma primario. Non si nega il fatto che esistano un secondo o magari perfino terzo carcinoma, ma si discute sul significato del fatto in se e sulle sue implicazioni. Come potrebbe per esempio un carcinoma della prostata, che crea tumori compatti nella fase di conflitto attivo, migrare nell’osso e lì creare diminuzione di cellule?

 

La Nuova Medicina Germanica® non è una medicina di ipotesi ma si basa solamente su 5 leggi biologiche della natura ed è ogni volta senza eccezione dimostrabile con precisione e severamente riproducibile su tutti e tre i livelli (psiche, cervello ed organo).

 

A causa delle nuove conoscenze della Nuova Medicina Germanica® dobbiamo riflettere attentamente:

– è proprio necessario fare qualcosa?

– cosa è sensato?

– che cosa non dobbiamo più fare?

 

Il senso biologico nel carcinoma della prostata si trova nella fase ca ed è il seguente:

 

Con diminuzione di sperma, per compensare si produce più secreto di prostata. Dopo la soluzione del conflitto, che consiste per esempio nel fatto che il paziente riconquista la sua giovane amica o compensa la perdita con la nuova conquista di una donna (giovane), l’eiaculato torna a livello di prima, poiché adesso è sufficiente la stessa quantità di sperma di prima. La formazione maggiorata di cellule (cosiddetto tumore della prostata = ipertrofia prostatica = ingrossamento della prostata) è diventata superflua e può essere di nuovo demolita tubercoloticamente.

http://www.warmfit.com/wp-content/uploads/2016/01/presentazione20NMG.pdf

Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  Hamer: carcinoma della prostata  

Jun
1
Fabio, Sport Masseur
Hamer: Alterazioni della cute
dottor g. r. Hamer - official group
0

Hamer: Alterazioni della cute;

· Il melanoma

· Il neo

· La tubercolosi cutanea

· L’acne

· La dermatite atopica

· L’eczema / l’esantema

· La vitiligine

· Il basalioma

· La neurofibromatosi

· Il noduli di Recklinghausen

 

Secondo le conoscenze della Nuova Medicina Germanica®, che si fonda sul sistema ontogenetico dei tumori e delle malattie oncoequivalenti, esistono due tipi di cute, che poggiano l’uno sull’altro, ma sono di formazione istologica differente.

In origine avevano ed in parte ancora oggi hanno scopi molto differenti e sono governati da differenti zone cerebrali.

 Hamer: Alterazioni della cute

 

Il cosiddetto corion o derma:

Anche chiamato sottocute, è governato dal cervelletto.

Una delle appendici del corion è per esempio il seno femminile, in principio era tutta la cosiddetta plica mammaria, come si forma negli animali in due file dal petto fino all’inguine.

Il melanoma / il melanoma amelanotico

In caso di una DHS con uno choc conflittuale biologico di sentirsi insudiciato o di sentirsi menomato, il corion forma un melanoma o un melanoma amelanotico nella zona, dove l’individuo si sente insudiciato o menomato.

Melanomi che non contengono pigmento sono chiamati melanomi amelanotici. Il cancro adenoidale del seno femminile lo possiamo anche chiamare melanoma amelanotico.

Sono chiamati semplicemente melanomi quando contengono un pigmento che li rende neri o blu.

In origine il melanoma aveva il senso e il compito contemporaneamente di delimitare l’integrità individuale nei confronti degli altri ma anche di far comunicare con gli altri (figlio o partner). (“In origine” si riferisce evolutivamente ai nostri avi, quando non avevano oltre al corion nessun altra cute.)

Se l’integrità dell’individuo veniva sminuita con un attacco od una menomazione in modo talmente forte di causare un conflitto biologico, l’individuo formava in quel punto, dove era stato attaccato, una specie di “muro di protezione” (carcinoma adenoidale = governato dal cervello antico). E’ come se rinforzasse il muro verso l’esterno.

Questo muro di protezione locale l’abbiamo chiamato fino ad ora melanoma o melanoma amelanotico. I melanomi si formano quando per caso nella localizzazione del sentirsi menomato è inserito un neo.

I nei sono isole residue della nostra cute che contengono melanofori, che in tempi arcaici coprivano tutto il corpo con un pigmento contro l’eccesso di esposizione al sole. Questo è il caso che vediamo ancora oggi nelle persone di colore, le quali rispecchiano senz’altro meglio quel che era lo stato arcaico umano di quanto non faccia il cosiddetto uomo bianco o senza pigmenti. Secondo queste conoscenze la patria dell’umanità si sarebbe dovuta trovare in un clima subtropicale dove non necessitavano vestiti.

I melanomi crescono, come già detto, con aumento di cellule nella fase di conflitto attivo. Nella fase di conflitto risolto, di guarigione, normalmente vengono demoliti ed assorbiti attraverso caseificazione con l’aiuto di funghi o batteri fungiformi.

Tubercolosi cutanea

Abbiamo per esempio una cosiddetta tubercolosi cutanea, cioè la caseificazione di un melanoma in fase di guarigione, quando l’epidermide esterna non mostra alcun segno, resta intatta ed il melanoma si scioglie da sotto.

Questo significa che la tubercolosi cutanea è una tubercolosi esclusivamente del corion.

L’acne

Succede anche che per esempio una persona durante la pubertà si senta insudiciata, specialmente nel viso, e subisce cosi un’acne: piccole isole di melanomi del corion, che può spremere verso l’esterno.

La medicina ufficiale non aveva notato che il corion e l’epidermide si comportano in modo opposto riguardo all’aumento di cellule ed alla loro diminuzione a seconda se si trovino nella fase di conflitto attivo o di conflitto risolto.

A causa della mancanza di comprensione delle correlazioni, descritte solo dalla Nuova Medicina Germanica®, un dermatologo non poteva fare altro che vedere il comportamento sintomatico. Perciò anche la sua terapia era solamente sintomatica, cioè prevedeva pomate, polveri, tinture o nel peggior caso di operare fino abbondantemente ai tessuti sani.

L’epidermide

L’epidermide ha un lato superiore ed uno inferiore. Il lato inferiore confina con il corion. Il lato superiore è ciò che possiamo palpare come cute esterna. Questa cute esterna consiste di cellule di epitelio pavimentoso e viene governata dalla nostra corteccia cerebrale.

La dermatite atopica

Come conseguenza ad uno choc conflittuale di venir separati dal figlio o dal partner possiamo osservare delle ulcere nella cute, che si possono vedere di solito solo sotto microscopio.

Tuttavia questa situazione la possiamo palpare: in quelle zone la cute non è più morbida e vellutata ma ruvida. Questa malattia viene chiamata dermatite atopica (conflitto attivo!).

L’eczema / l’esantema

Nella fase di guarigione, dopo la soluzione del conflitto biologico di separazione, la cute si gonfia con formazione di edema, e le ulcere si riempiano di nuovo partendo lentamente dal fondo con nuove cellule di epitelio pavimentoso. Questo è ciò che chiamiamo esantema.

La vitiligine

Lo stesso processo osservato verso l’esterno possiamo trovarlo anche verso l’interno, cioè verso il corion: quando troviamo in questo strato delle ulcere, cioè lesioni della cute, esse si manifestano sempre come cosiddetta vitiligine, in quanto lì viene smantellato l’epitelio pavimentoso contenente i pigmenti con delle ulcere quasi invisibili e ciò causa la formazione delle macchie bianche. In altre parole abbiamo uno strato di melanofori con forte contenuto di pigmenti nel corion e uno strato di melanofori con poco pigmento nel lato inferiore dell’epitelio pavimentoso.

Il conflitto biologico della vitiligine è sempre una separazione brutale da una persona, con la quale si aveva un legame emozionale molto forte, e la separazione avviene in un modo molto brutto, per esempio quando si dice ad una ragazza giovane che suo padre ha avuto un incidente in moto ed il suo cervello è stato trovato per strada.

Hamer: Alterazioni della cute

Entrambi i tipi di ulcere hanno come cause di conflitto biologico un conflitto di separazione. Nel mondo animale la separazione ha un forte impatto, perfino nel cervello umano copre un’area 4-5 volte maggiore della zona della motricità, in quanto regola l’intero comportamento sociale degli individui.

Varie zone della cute:

La localizzazione delle ulcere è determinata dal tipo di conflitto o dal contenuto del conflitto: per esempio quasi tutti i nostri poppanti sono vestiti praticamente in tutto il corpo e reagiscono quasi tutti con una dermatite atopica delle guance, perché si interrompe in quella zona il contatto con la madre quando si presenta un conflitto biologico di separazione.

L’alopecia

I capelli sono quasi epitelio pavimentoso elaborato della cute. Esempio: Una persona giovane, alla quale la nonna passava sempre con la mano sopra i capelli, reagì, quando la nonna morì improvvisamente, con una alopecia aretata, cioè con la formazione di una calvizie rotonda al centro della testa. Solo quando ha potuto risolvere il conflitto i capelli hanno ripreso a spuntare.

La neurofibromatosi / i noduli di Recklinghausen

Oltre il conflitto di separazione esiste nell’essere umano un altro conflitto inerente al contatto: il non voler essere toccato da qualcuno. In quel caso reagiamo con una cosiddetta neurofibromatosi, cioè con dei noduli sotto la cute. In questo caso nessuno sa con precisione se si tratta all’origine di un aumento del epitelio pavimentoso o di un cosiddetto neurinoma (tumore delle cellule di Schwann), cioè un aumento di cellule della guaina mielinica dei nervi. Questo quadro viene definito dagli istopatologi come neurofibromatosi.

Il senso biologico: Il corpo vorrebbe quasi inghiottire il contatto fisico non desiderato e non condurlo neanche fino al cervello.

Esempio: Un padre, che aveva abusato di sua figlia per anni, la toccava sempre con una mano sulla parte posteriore della testa con l’altra sulla coscia. Esattamente in questi punti si sono manifestati dei noduli di neurofibromatosi (chiamati anche noduli di Recklinghausen).

Il basalioma

Il basalioma è un cosiddetto carcinoma corneificato dell’epitelio pavimentoso. Secondo la nostra nomenclatura lo definiremo come una guarigione pendente di un processo ulceroso circoscritto.

Definiamo come guarigione pendente un processo che viene risolto, ma non riesce mai a terminare la guarigione, in quanto prima della fine avviene sempre una piccola recidiva del conflitto, per esempio in forma di un sogno ricorrente. Con ciò rimane presente una certa spinta di guarigione con neoformazione di cellule di epitelio pavimentoso corneificate. Un tale processo lo chiamiamo basalioma della cute, il che, è evidente, non ha niente a che vedere con irradiazioni solari o alimentazioni errate.

Un esempio particolare era sempre il basalioma del fumatore di pipa. Il nonno per esempio veniva sempre continuamente separato dalla sua pipa, quando la dimenticava da qualche parte, e cosi sviluppò questo basalioma.

Intanto si può dire: l’intera dermatologia deve orientarsi diversamente visto che non possedeva una base scientifica fino ad oggi, ma era una specialità orientata solo più o meno secondo i sintomi. In questo modo perfino i sintomi venivano considerati in modo errato, in quanto la guarigione o il fiorire dell’esantema, dell’eczema o della dermatite atopica erano sempre considerati una malattia a se od un peggioramento di una malattia, mentre si credeva di vedere un miglioramento in caso di un conflitto attivo con ulcere; è vero invece l’esatto contrario.

Secondo la Nuova Medicina Germanica® tutto si riordina in un modo molto sensato e logico, in quanto possiamo comprendere e curare adesso le “malattie” orientate secondo la loro causa, imparando contemporaneamente a comprendere l’intero percorso sistematicamente.

http://www.warmfit.com/wp-content/uploads/2016/01/presentazione20NMG.pdf

 

Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   Hamer: Alterazioni della cute   

May
31
Fabio, Sport Masseur
Hamer: Carcinoma del polmone
dottor g. r. Hamer - official group
0

Hamer: Carcinoma del polmone;  La 3° legge della Nuova Medicina Germanica®, il sistema ontogenetico dei tumori e delle malattie oncoequivalenti, cataloga tutte le cosiddette malattie secondo la loro appartenenza ai foglietti embrionali:

I foglietti embrionali interno, medio ed esterno, si distinguono già all’inizio dello sviluppo dell’embrione. Non solo ogni cellula ed ogni organo si possono associare ad uno di questi foglietti embrionali, ma appartengono ad essi per motivi evolutivi anche le relative formazioni istologiche ed anche determinate zone del cervello. Inoltre gli organi governati dal neoencefalo e gli organi governati dal cervello antico si comportano, per quanto riguarda l’aumento e la diminuzione di cellule nella fase di conflitto attivo e di conflitto risolto, in modo diametralmente opposto.

Le cellule o gli organi che si sviluppano dal foglietto embrionale interno hanno il loro relè nel tronco cerebrale e fanno in caso di cancro aumento di cellule con tumori compatti di cellule adenoidali.

Le cellule o gli organi che si sviluppano dal foglietto embrionale esterno fanno in caso di cancro diminuzione di cellule in forma di tumori o ulcere o un deficit funzionale a livello organico, per esempio diabete o paralisi.

Nel foglietto embrionale medio distinguiamo un gruppo più antico ed uno più giovane:

Hamer: Carcinoma del polmone

 

Le cellule e gli organi che appartengono al gruppo più antico del foglietto embrionale medio hanno i loro relè nel cervelletto, cioè appartengono ancora al cervello antico e perciò fanno in caso di cancro tumori compatti del tipo adenoidale in fase di conflitto attivo.

Le cellule e gli organi che appartengono al gruppo più giovane del foglietto embrionale medio hanno il loro relè nella sostanza bianca cerebrale e fanno in caso di cancro necrosi o buchi nei tessuti o diminuzione di cellule in fase di conflitto attivo.

Questo dimostra chiaramente che il cancro non è un processo insensato di cellule che sono impazzite per caso, ma un processo ben comprensibile ed anche prevedibile, che si attiene con precisione ai dettami ontogenetici.

Il carcinoma intrabronchiale dell’epitelio pavimentoso, in breve anche chiamato carcinoma bronchiale, appartiene al foglietto embrionale esterno e viene governato dal neoencefalo.

Perciò il carcinoma bronchiale è un processo ulceroso, cioè nella fase di conflitto attivo non forma un tumore ma un’ulcera nella mucosa bronchiale.

Nella fase di guarigione il bronco viene chiuso dall’edema della mucosa. Questo causa un’atelettasia, cioè una diminuzione di ventilazione di solito passeggera, che causa una forte tosse.

È tragico che di solito la maggior parte dei carcinomi bronchiali venga scoperto in questa fase (di guarigione!). Se i pazienti sapessero della Nuova Medicina Germanica® prima della diagnosi infausta e della prognosi della medicina ufficiale, circa il 95% di questi pazienti, che si trovano già nella fase di guarigione, potrebbero sopravvivere.

A partire dal cervelletto è di fondamentale importanza la lateralità, per constatare su quale lato del cervello il paziente lavora. Perciò è valida la regola che tutti i relè del cervelletto e dell’intero neoencefalo lavorano incrociati dal cervello all’organo. Ma cervelletto e neoencefalo si differenziano ulteriormente, in quanto il lati del cervelletto sono sempre legati alla tematica conflittuale.

Il conflitto è sempre un conflitto di paura per il territorio. Si può manifestare in due modalità: nella modalità motoria o sensoria. La paura sensoria per il territorio mostra nella fase di guarigione una polmonite e viene chiamata lisi. Il conflitto biologico motorio della muscolatura bronchiale viene chiamato asma, quando si tratta di una costellazione schizofrenica. Anche dell’asma abbiamo due diversi tipi, che non possiamo discutere in questa sede.

La paura per il territorio si può trovare solo negli uomini o in donne mascoline dopo la menopausa. Il cancro bronchiale invece lo possono sviluppare anche giovani donne mancine in caso di un conflitto di paura/panico, insieme ad una depressione. Eccezioni formano anche qui le costellazioni schizofreniche o cambiamenti ormonali (per es. la pillola anticoncezionale).

Secondo la 4° legge della Nuova Medicina Germanica®, cioè il sistema dei microbi condizionato ontogeneticamente, gli organi governati dal cervello antico demoliscono i loro tumori con l’aiuto di microbi speciali, mentre gli organi governati dal neoencefalo riempiono buchi ed ulcere, durante la fase edematosa, con l’aiuto di virus e batteri nella fase di guarigione.

L’ adenocarcinoma degli alveoli, anche chiamato tumore polmonare a focolai rotondi, appartiene al foglietto embrionale interno che è governato dal tronco cerebrale; il contenuto del conflitto è sempre inerente alla paura di morire. Il carcinoma cresce nella fase di conflitto attivo e viene demolito nella fase di guarigione da micobatteri, batteri della tubercolosi se sono presenti, e viene caseificato ed espulso tossendo. Rimangono delle caverne, che migliorano la ventilazione del polmone rispetto a quando si era in presenza dei tumori compatti a focolai rotondi.

In passato i microbi erano intesi come fonte delle cosiddette malattie infettive, e questa convinzione sembrava logica, in quanto nelle malattie infettive si trovavano sempre anche dei microbi.

Solo che questa era una visuale parziale, poiché alla presunta malattia infettiva precedeva sempre una fase di conflitto attivo. Solo dopo la soluzione del conflitto (cioè nella fase di guarigione) i microbi possono diventare attivi, ed è il cervello ad dirigerli ed attivarli. Loro ci aiutano nel senso che demoliscono i tumori, diventati superflui, che non servono più dopo aver assolto il loro compito; o, quando si tratta di zone governate dal neoencefalo, virus e batteri aiutano a ripristinare le zone di necrosi e le diminuzioni tissutali. Loro sono i nostri fedeli aiutanti, i nostri ospiti lavoratori.

L’idea del sistema immunitario come armata, che lotta contro i cattivi microbi, era semplicemente sbagliata.

Se però mancano in questa fase di guarigione i batteri fungiformi dei tubercoli, i focolai rotondi rimangono. Ci sono molti pazienti che hanno un piccolo o anche più grande focolaio rotondo come stato residuo, che esprime la paura di morire per esempio per un membro infortunato della famiglia (anche un animale).

Questi focolai rotondi solitari si scoprono spesso per caso dopo anni durante un esame di routine. Ma i pazienti non sono per niente ammalati. Mancava loro solamente la tubercolosi durante la fase di guarigione, altrimenti avrebbero avuto una caverna e nessuno avrebbe parlato di tumore.

Nei tempi recenti sempre più focolai rotondi polmonari sono stati diagnosticati come cancro ai polmoni, mentre in precedenza venivano diagnosticati solo nella fase di guarigione come tubercolosi polmonare. Cosi è diminuita la tubercolosi ed è aumentato il cancro ai polmoni. Strano, che nessuno l’abbia notato.

Se nella cosiddetta medicina ufficiale si comunica ad un paziente la diagnosi di “cancro”, quasi tutti lo vivono come uno choc stremante, che può causare immediatamente conflitti di panico e con ciò nuovi cancri, che vengono poi considerati come “metastasi”.

Ciò che veniva considerato in passato dai medici come metastasi, erano cancri nuovi partiti dai nuovi choc conflittuali, erano iatrogeni, causati dai medici con lo choc da diagnosi e prognosi. La fiaba delle metastasi era una fiaba di ipotesi non dimostrate e non dimostrabili. Mai un ricercatore ha potuto trovare una cellula cancerogena nel sangue arterioso di un cosiddetto paziente affetto da cancro. Si dovrebbero trovare lì, se si muovessero verso la periferia del corpo.

Hamer: Carcinoma del polmone

Grazie al sistema ontogenetico è definitivamente dimostrato, per esempio, che nessuna cellula che prima era governata dal cervello antico e faceva tumori compatti, abbandona all’improvviso il suo relè cerebrale, si aggancia ad un relè del neoencefalo per produrre improvvisamente una diminuzione di cellule.

Non di rado i pazienti vivono la diagnosi di “cancro al seno” o di “cancro ai polmoni” come attacco (conflitto) contro il torace e con ciò sviluppano un altro cancro alla pleura, un cosiddetto carcinoma pleurico.

Questo carcinoma appartiene al foglietto embrionale medio, al cervelletto mesodermale, e perciò crea aumento di cellule adenoidali nella fase di conflitto attivo. L’organismo cerca di proteggersi contro l’attacco, questo è il senso biologico, e costruisce un rinforzo all’interno della pleura, un mesotelioma a forma di prato.

Il mesotelioma pleurico viene notato di solito solo quando è avvenuta la soluzione del conflitto, poiché tutti i tumori governati dal cervelletto formano liquido nella fase di guarigione.

Nel caso della pleura parliamo di versamento pleurico (nel peritoneo = ascite, nel pericardio = versamento pericardico).

Nella medicina ufficiale il paziente cade dalla padella alla brace. La diagnosi “carcinoma pleurico” (secondo la medicina ufficiale: metastasi) causa di regola un nuovo choc, per esempio un conflitto di paura del cancro o di paura frontale. Nella fase di conflitto attivo si formano ulcere negli antichi dotti degli archi branchiali ormai in disuso, che sono coperti di epitelio pavimentoso. Anche questi si notano di solito nella fase di guarigione, in quanto la mucosa intorno alle ulcere all’interno dei dotti degli archi branchiali si gonfia. Questo porta ad una formazione di cisti, che contengono liquido serioso all’interno. Nella medicina ufficiale queste cisti vengono chiamati erroneamente “linfoma centrocistico centroblastico Non Hodgkin“.Dopo diverse recidive: indurimento del cosiddetto linfoma Non Hodgkin. Questi possono trovarsi nel mediastino fino al diaframma. Anche qui la diagnosi avviene esclusivamente nella fase di guarigione nei pazienti con disturbi o dopo la fase di guarigione nei pazienti senza disturbi, cioè il conflitto deve essere stato risolto già prima.

Tragicamente in questa fase vengono diagnosticati come “carcinomi bronchiali a cellule piccole“.

Sicuramente non è difficile immaginare perché la maggior parte dei pazienti muore nell’arco di poche settimane o di pochi mesi a causa del panico e i loro conflitti che ne seguono. È probabile che circa l’80% dei cancri secondari e terziari vengano causati dalla diagnosi della medicina ufficiale e dalla pseudo terapia del momento.

<><><><><><><><><>

“Il cancro ai polmoni deriva dal fumo”.

In un esperimento su vasta scala migliaia di criceti sono stati sottoposti a fumo di sigarette per diversi anni, per la durata della loro vita, mentre animali di controllo vivevano senza fumo.

È stato verificato che neanche uno degli animali in questione ha sviluppato una carcinoma bronchiale dell’epitelio pavimentoso, neanche un carcinoma polmonare a focolaio rotondo. Si era infatti dimenticato che i criceti non temono il fumo, perché vivono sotto terra. Perciò non hanno un codice nel cervello, nessuna spia luminosa che preveda di reagire contro il fumo.

Nei topi di casa invece non è così. Con il minimo svilupparsi di fumo si lasciano prendere del panico di morire e fuggono. Nel medioevo, quando si vedeva un gran numero di topi scappare da una casa, si sapeva, che da qualche parte c’era un incendio. In un certo numero di topi si può allora effettivamente provocare un cancro polmonare a focolaio rotondo, causato dal conflitto di paura di morire, esponendoli a fumo.

Questi esempi dovrebbero bastare per rendere evidente che quasi tutti gli esperimenti su animali, che si fanno oggi, sono una tortura insensata, in quanto in tutti questi esperimenti l’anima dell’animale viene considerata inesistente.

Perciò mi permetto la prognosi, che gli esperimenti sugli animali saranno considerati una vergogna per l’intera nostra era e testimonianza della nostra innominabile ignoranza.

In breve, non esiste nessuna prova che sostanze cancerogene agiscano direttamente sull’organo, aggirando il cervello.

La medicina ufficiale ha raccolto molti dati importanti. La maggior parte di questi dati non viene messa in discussione dalla Nuova Medicina Germanica®, però i dati vanno valutati e correlati!

http://www.warmfit.com/wp-content/uploads/2016/01/presentazione20NMG.pdf

 

Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  Hamer: Carcinoma del polmone  

May
31
Fabio, Sport Masseur
Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso
dottor g. r. Hamer - official group
0

Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso;  Gli embriologi dividono generalmente lo sviluppo embrionale in tre foglietti embrionali: l’endoderma (interno), il mesoderma (medio) e l’ectoderma (foglietto esterno).

Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso

Nei libri didattici del futuro non si troveranno più le malattie secondo le specialità mediche ma secondo l’appartenenza al foglietto embrionale. Questo è l’ordine biologico naturale delle cosiddette malattie o meglio dire dei programmi speciali della natura. Nella medicina ufficiale nessuno si era più interessato ai foglietti embrionali. Nessuno aveva intuito quanto erano importanti. Questo è la causa principale del fatto che nessuno fosse mai riuscito a trovare un sistema nella formazione delle malattie cancerose.

Adoperando un sistema come nella nostra tabella psiche – cervello – organo, si nota che le malattie, che appartengono allo stesso foglietto embrionale, mostrano anche altre particolarità in comune, come similitudini istologiche, localizzazioni attigue nel cervello, similitudini di conflitto. Per ciò che riguarda il foglietto embrionale medio, differenziamo inoltre ciò che appartiene al mesoderma governato dal cervelletto da ciò che è governato dalla sostanza bianca cerebrale. Inoltre appartengono ad ogni gruppo di organi, imparentati per foglietto embrionale, specifici microbi che appartengono al foglietto embrionale stesso, i quali diventano attivi esclusivamente nella fase di guarigione.

Guardando le malattie inerenti al foglietto embrionale interno possiamo costatare che tutte sono governate dal tronco cerebrale ed hanno in esso una localizzazione sistematica cerebrale che inizia dorsalmente a destra con le malattie della bocca, della cavità naso faringea e si sistemano in senso antiorario seguendo lo svilupparsi del tratto digerente per finire con il sigma e la vescica.

Possiamo vedere che i conflitti in questione sono simili, cioè si tratta sempre di ottenere un boccone, di inghiottire un boccone, di inoltrare un boccone, di digerirlo ed infine di espellerlo.

Questi carcinomi sono senza eccezione tutti adenocarcinomi! Perciò crescono tutti nella fase di conflitto attivo con aumento di cellule e vengono demoliti nella fase di guarigione con l’aiuto di funghi e batteri fungiformi.

Dal momento della soluzione del conflitto i micobatteri possono lavorare ed eliminano solo le cellule in eccesso, cioè demoliscono il tumore. Loro ricevono il comando dal cervello ma sanno anche, dall’esperienza di milioni di anni, quale delle cellule devono demolire caseificando e quale no. Tutto questo avviene con forte sudorazione notturna, tipica verso il mattino e leggero rialso febbrile, anche se inizialmente la temperatura è elevata. I microbi allora non sono la causa delle malattie ma ottimizzano la fase di guarigione.

Grazie alle conoscenze ottenute dalla Nuova Medicina Germanica® riguardanti la demolizione naturale e spontanea di tutti questi tipi di carcinomi durante la fase di guarigione, in quasi tutti i carcinomi un intervento chirurgico diventa superfluo, se avviene la soluzione del conflitto e se il paziente possiede funghi o batteri fungiformi, cioè tubercoli = bastoncelli acidoresistenti.

La diagnostica e l’intera terapia cambiano profondamente. Nonostante i fatti siano quelli di prima cambia la comprensione della loro correlazione sensata e ciò porta a risultati differenti. La decisione odierna degli istopatologi su “se un tumore sia benigno o maligno” diventa completamente superflua.

Per sintonizzarsi sui conflitti arcaici e comprenderli bisogna seguirli a ritroso, insieme alla manifestazione organica, nella loro storia evolutiva.

Per esempio: se un paziente credeva di aver vinto alla lotteria ma poi scopre che non riesce ad ottener la vincita, bisogna immaginare che questa vincita sia quasi un “boccone”, che il paziente aveva già preso in bocca ma che poi non ha potuto inghiottire. Di conseguenza si ammala di un adenocarcinoma al palato.

Naturalmente un animale si ammalerebbe solo in caso di un boccone reale. Ma non ci vuole poi tanta fantasia per immaginare questa vincita come boccone; l’essere umano reagisce esattamente così.

o  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso

Adenocarcinoma con crescita a cavolfiore.

Quando un paziente ha un conflitto indigeribile, ha quasi mandato giù un boccone ma poi non riesce a digerirlo; per es. ha già comprato una casa per poi rendersi conto che il contratto di vendita non è valido, è stato truffato e perde di nuovo la casa. Allora può sviluppare un carcinoma allo stomaco, cioè un enorme aumento di cellule nello stomaco, un adenocarcinoma con crescita a cavolfiore.

Il conflitto di un boccone indigeribile nell’essere umano non è di solito un boccone di cibo ma un “boccone indigeribile” in senso lato, cioè una macchina, una casa, un’eredità, un affare andato a monte o un processo perso. Reagiamo ancora in modo biologico arcaico come se fosse una boccone di cibo indigeribile ad aver causato questo conflitto.

Se il boccone, mandato giù con troppa ingordigia, per non lasciarlo al concorrente, si blocca nell’intestino perché troppo grande, allora l’individuo subisce una colica. Insieme alla colica, che è anche la DHS, si avvia adesso un programma speciale biologico sensato (SBS). Cresce adesso in direzione prossimale, verso la bocca (nel caso di un fiume si direbbe controcorrente) un cancro all’intestino. Questo significa un rapido aumento di cellule (secondo la medicina ufficiale: crescita fortemente mitotica, estremamente maligno). Contemporaneamente si moltiplicano altrettanto rapidamente i micobatteri (se l’individuo ne possedeva almeno uno solo).

Il senso biologico: il cancro dell’intestino è costituito da milioni di cellule “usa e getta” che producono, in modo particolarmente marcato, succhi digestivi. Letteralmente producono succhi digestivi a litri per demolire, rimpicciolire, il boccone troppo grande, che ad un certo punto diventerà sufficientemente piccolo per poter scivolare giù. Allora questa sarebbe la conflittolisi.

Il paziente deve imparare a trovare il momento cruciale della DHS ed il suo contenuto conflittuale. Allora può riconoscere con sorpresa gioiosa che alla base si trova evidentemente un sistema che toglie ogni motivo di panico, in quanto ormai può comprendere la causa ed osservare l’intero percorso su se stesso.

Il provocare panico iatrogeno davanti ad un processo naturale come il cancro corrisponde oggi esattamente a ciò che era provocare panico nel medioevo davanti al diavolo: una chimera degli inquisitori.

Esempio: un paziente doveva essere operato 35 anni fa allo stomaco per un gigantesco cancro che riempiva lo stomaco completamente. I medici lo aprirono, guardarono e lo richiusero. Gli è stata assegnata una pensione senza dirgli la verità. Il conflitto alla base si è risolto quando si è separato dalla moglie. Il “cancro allo stomaco” persiste ancora. Nonostante tutto l’uomo oggi è sano come un pesce, dimostra 60 anni e non sa ancora che deve aver avuto “qualcosa di così grave come un cancro”. Solo la sua seconda moglie ha guardato bene i documenti e dice: “Occhio non vede, cuore non duole”.

Tumori gastrici e duodenali

Esistono però anche degli organi, che si compongono in senso funzionale, di parti di foglietti embrionali differenti, come per esempio: la zona della testa e dei polmoni con la zona del cuore, lo stomaco, il fegato, il pancreas, il duodeno, come anche la zona della vescica, della vagina, dell’ano, incluso il bacinetto renale.

Alcuni di questi organi che più tardi si sono ricomposti a livello funzionale e che siamo abituati a considerare come un singolo organo, hanno zone che appartengono al foglietto embrionale esterno ed hanno i loro relè nella corteccia cerebrale, la parte più giovane del cervello. In caso di cancro tutti loro fanno diminuzione di cellule in forma di buchi o ulcere o anche di deficit funzionale a livello organico, per esempio un diabete o una paralisi. Nella fase di guarigione questi buchi o ulcere vengono di nuovo riempiti con l’aiuto di virus, comportando gonfiori.

I virus non sono esseri viventi autonomi come i batteri, ma molecole proteiche complicate appartenenti all’organismo, che si moltiplicano, esclusivamente nella fase di guarigione dopo la soluzione del conflitto, ed aiutano al ripristino delle ulcere della cute e delle mucose. Cute e mucose significa in questo caso esclusivamente cute e mucose di epitelio pavimentoso del foglietto embrionale esterno.

Il fatto che nello stomaco possono presentarsi due tipi di cancro, un cancro ulcerativo e un cancro a crescita di cavolfiore, solo al primo sguardo sembra difficile da comprendere.

Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso

Nella medicina ufficiale non si capivano le correlazioni, non si sapeva neanche differenziare tra conflitto attivo e fase di guarigione, ogni aumento di cellule ed ogni cambiamento di tessuto venivano semplicemente considerati maligni. Le ulcere invece, che in fase di conflitto attivo danno diminuzione di cellule, venivano considerate benigne. Questo non corrisponde a realtà.

Già in tempi antichi gli esseri umani avevano la sensazione che ci fosse un collegamento tra conflitti psichici, emozioni ed eventi significativi, scosse nella vita umana, come la morte del partner o del figlio ecc. e le malattie.

Nessuno mette più in discussione che i tumori dello stomaco e del duodeno siano correlati a conflitti.

In passato molti autori di libri di testo medici credevano che l’acido gastrico causasse l’ulcera gastrica. Ma la grande curvatura dello stomaco, dove si trova la maggior parte dell’acido, non ha mai un’ulcera. I tumori gastrici si trovano sempre negli stessi posti: al piloro e nella piccola curvatura, mai nel fundus o nella grande curvatura.

Ma i tumori gastrici e duodenali hanno un’altra particolarità:

Visto che il relè si trova nella corteccia cerebrale avviene un’epilessia gastrica dopo l’edema della conflittolisi. Poiché il conflitto gastro–cerebrale è strettamente imparentato con il conflitto di territorio e si presenta di frequente contemporaneamente con esso, non di rado il quadro di un infarto cardiaco veniva offuscato dal quadro clinico di una colica gastrica. Inoltre il carcinoma duodenale ulceroso ed il carcinoma gastrico ulceroso hanno il loro relè e con ciò il loro focolaio di Hamer quasi nello stesso posto. I contenuti di conflitto sono sempre in relazione con il territorio e sono un attributo tipicamente maschile di comportamento = conflitto di disputa di territorio.

Senza definire la lateralità non si può lavorare nella Nuova Medicina Germanica®. Fa parte dell’anamnesi come l’età del paziente, il sesso, gli interventi chirurgici, la situazione ormonale particolare, come per esempio se prende la pillola, ha fatto radiazione delle ovaie, prende ormoni, è in menopausa, ecc..

L’uomo mancino per esempio sviluppa con lo stesso evento conflittuale (disputa di territorio) un carcinoma del retto e non un carcinoma gastrico ulceroso.

Una donna mancina subisce però un conflitto d’identità, e il focolaio di Hamer si manifesta nell’emisfero destro del cervello (temporale) ed a livello organico diventa un carcinoma ulceroso gastrico o dei dotti biliari.

È un dato di fatto che mai un carcinoma in queste zone si espande sull’organo più vicino superando il confine organico. Mai si vede un carcinoma del retto espandersi al sigma, un carcinoma della cervice uterina estendersi al corpo dell’utero, o un carcinoma del bacinetto renale espandersi ai tubuli collettori (endodermali).

Molti carcinomi si mostrano sotto una luce diversa guardando la loro appartenenza ai tre foglietti embrionali. Da quando non vediamo più ogni aumento di cellule come un tumore, si aprono nuove dimensioni per la prognosi. Sembra particolarmente strano, che queste “cellule cancerogene maligne”, nel posto dove si crede siano migrate, sviluppano esattamente quel tipo di cancro e quella struttura istologica, che è richiesta in quella zona.

E quando con bella regolarità troviamo sempre il focolaio di Hamer per l’ulcera gastrica con crescita a cavolfiore nel tronco cerebrale (ponte) e per il carcinoma gastrico ulceroso nel lobo parietale destro, dorsalmente all’insula corticale, alla base del centro sensibile, deve esistere un motivo ben preciso.

La Nuova Medicina Germanica® non comprende solo la relazione tra psiche, cervello e organo ma fornisce anche le spiegazioni embriologiche ontogenetiche per comprendere perché i singoli relè si trovano esattamente in quelle zone del cervello. Si tratta di un sistema così ampio e logico che tutte le malattie trovano il loro posto come in un puzzle.

http://www.warmfit.com/wp-content/uploads/2016/01/presentazione20NMG.pdf

 

Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  Hamer: Carcinomi dello stomaco a forma di cavolfiore ed ulceroso  

May
30
Fabio, Sport Masseur
Hamer: Il carcinoma al fegato
dottor g. r. Hamer - official group
0

Hamer: Il carcinoma al fegato;   La Nuova Medicina Germanica® si basa su 5 leggi biologiche.

La terza legge, “il sistema ontogenetico dei tumori e dei oncoequivalenti” dice che tutti gli organi governati dal cervello antico danno aumento di cellule in fase di conflitto attivo, mentre tutti gli organi governati dal neoencefalo fanno diminuzione di cellule, cioè necrosi, buchi ecc. in fase di conflitto attivo. Questo è la divisione secondo la storia evolutiva o embriologica! Se differenziamo tutte le escrescenze ed i gonfiori secondo i criteri della storia evolutiva, secondo i vari foglietti embrionali, tutto trova la sua collocazione logica da sé.

Nel fegato troviamo due tipi di tumori: un tipo con calo di sostanza, che si trova nei dotti biliari, dove arrivano le fibre (sensibili) del neoencefalo; l’altro tipo si trova più in periferia e fa noduli grossi, gibbosi in vicinanza della capsula epatica che spesso sono perfino ben palpabili. Essi appartengono al tronco encefalico, cioè al foglietto embrionale interno e perciò fanno tumori compatti di tipo adenoidale nella fase di conflitto attivo. Il contenuto del conflitto di un carcinoma delle cellule epatiche a livello psichico corrisponde sempre al conflitto biologico di “paura di morire di fame”. Non è da meravigliarsi allora che in zone segnate da disordini politici e carestie il cancro al fegato è 35 volte più frequente che in zone in cui la sopravvivenza è ordinata e assicurata.

Hamer: Il carcinoma al fegato

Il punto centrale della DHS (choc conflittuale) non include solamente lo choc conflittuale acuto drammatico che ci ha colto sul piede sbagliato ma anche il contenuto del conflitto che determina la localizzazione del focolaio di Hamer nel cervello e la localizzazione del tumore o della necrosi nell’organo. Dal momento della DHS vediamo nella TAC cerebrale, nel relè appartenente al conflitto ed all’organo, la configurazione a bersaglio con anelli ben marcati, simili agli anelli concentrici di un bersaglio. I processi che vediamo nel cervello li vediamo anche nell’organo, cioè sono concomitanti. La cosa eccitante è che il cervello e l’organo vibrano praticamente allo stesso ritmo nella forma a bersaglio. Possiamo immaginarci l’organo con i suoi nuclei cellulari, che sono tutti collegati fra di loro, quasi come un secondo cervello. Il cervello della testa ed il cervello dell’organo vibrano con stessa fase nello stesso modo, come dimostrano le configurazioni a bersaglio. A volte il cervello della testa manda comandi al cervello dell’organo, per esempio la motricità, a volte il cervello dell’organo manda informazioni al cervello della testa, per esempio la sensibilità. In parte queste cose erano risapute dalla neurologia, ma non ci portavano avanti, in quanto non si sapevano il collegamenti della Nuova Medicina Germanica®.

Col procedere del conflitto anche il HH nel cervello va avanti, cioè l’area colpita si allarga sempre di più o l’area colpita si altera più intensamente. Contemporaneamente anche il cancro nell’organo va avanti, cioè il tumore aumenta di massa a causa di un reale aumento di cellule. I conflitti biologici si comprendono, solamente guardando la storia evolutiva, come conflitti arcaici, che sono analoghi nell’umano e nell’animale. L’animale sente quasi tutti i conflitti biologici ancora come reali mente l’umano li vive spesso in senso lato. Per l’animale il boccone è realmente un pezzo di cibo che non riesce ad ottenere, per l’umano si può trattare anche di un biglietto da mille euro o di un affare andato a monte. Quando per esempio un uomo d’affari ha grosse difficoltà economiche perché forse la concorrenza è diventata troppo forte o perché la banca ha bloccato i soldi, può formarsi, in caso di una DHS corrispondente, un carcinoma epatico.

Una ragazzina subì un conflitto di paura di morire di fame quando avevano aperto un supermercato accanto al negozio del padre. Il padre continuava a lamentarsi. “Oddio, moriremo di fame”, e la ragazzina di 5 anni l’ha preso per una realtà incombente.

Oppure un paziente di 19 anni ha subito un conflitto di paura di morire di fame quando la sua ragazza è rimasta incinta, allora pensava: “Oddio, entrambi non abbiamo di che vivere, come possiamo far crescere il bambino.”

Un’altra ragazza, la cui madre voleva tornare a lavorare e quindi la ragazza in futuro avrebbe dovuto andare a mangiare dalla nonna dove non le piaceva il cibo, ha subito un conflitto di paura di morire di fame con un carcinoma epatico.

Con la DHS tutto è stabilito: il contenuto di conflitto psichico-biologico, la localizzazione nel cervello e la localizzazione del cancro o dell’oncoequivalente nell’organo. Ma si stabilizza un’altra cosa molto importante: i cosiddetti “binari”. Tutto ciò che l’individuo assorbe nell’istante della DHS, visivamente, acusticamente, con l’olfatto o con il tatto, compresi i differenti “aspetti” del conflitto, si fissano nel momento del conflitto stesso. Se si ripresenta anche solo un singolo aspetto, l’intero conflitto può manifestarsi di nuovo come recidiva. Questo significa che da un tale binario laterale si viene condotti sempre sul binario principale. Perciò il nome binario. Tutte le allergie, che possiamo dimostrare con i nostri test allergici, sono sempre binari secondari in correlazione con una DHS.

Quando per esempio si dice ad un paziente di avere un carcinoma intestinale, egli subisce di solito due nuovi conflitti:

1. un attacco mentale contro il ventre, che deve essere aperto. Un tale conflitto biologico causa un carcinoma peritoneale e cresce durante la fase di conflitto attivo.

2. un carcinoma epatico solitario sempre a destra dorsalmente. Questo esprime la paura biologica arcaica che il cibo non passerà più attraverso l’intestino in quanto dovrebbe essere bloccato da un carcinoma. Questo significa che il paziente ha letteralmente una paura arcaica di morire di fame, o di sviluppare un ileo e morire di fame perché si immagina che il cibo non riesca più a passare.

Se passa un po’ di tempo dalla diagnosi al momento dell’intervento, di regola 3-4 settimane, il chirurgo trova di solito le cosiddette “metastasi” puntiformi sul peritoneo, e, se fa fare una TAC del fegato poco prima o dopo l’intervento, trova anche questo focolaio epatico rotondo solitario dorsalmente a destra. È superfluo dire che un tale paziente viene dichiarato di solito non operabile, incurabile, cioè considerato come un caso disperato, mentre noi possiamo seguire con la logica, sistematicamente e biologicamente, che il paziente ha subito in modo iatrogeno, cioè a causa della diagnosi e dell’annuncio dell’intervento, i conflitti biologici consecutivi e le relative malattie. Inutile anche descrivere che forse adesso il chirurgo, per ignoranza delle correlazioni, estirpa anche questo focolaio epatico rotondo solitario e il più possibile anche le “metastasi peritoneali”, come vediamo di frequente. Superfluo anche descrivere che il paziente crede dopo l’intervento “di essersi liberato dal male” e come segno di soluzione del conflitto dell’attacco contro il ventre sviluppa adesso un’ascite (liquido nello spazio addominale) come segno di guarigione, che da parte dell’operatore e dell’oncologo viene considerata l’inizio della fine, poiché entrambi non conoscono il contesto biologico. Allora il circolo vizioso si chiude poiché in futuro tutto ciò che ha a che fare con l’intestino farà una recidiva del carcinoma epatico. Se per esempio il paziente ha paura di avere aderenze come conseguenza dell’intervento e magari è solo un po’ stitico e teme di sviluppare un ileo, subirà sempre di nuovo una recidiva del carcinoma epatico solitario.

Anche la fase di guarigione, cioè l’ascite, può innestare un altro circolo vizioso e collegarsi al primo conflitto, dove dovevano togliere qualcosa con un intervento. Ogni volta quando il paziente arriva nella fase di guarigione, cioè ha un’ascite, si lascia prendere dal panico e con questo (conflitto attivo) l’ascite regredisce. Passa il panico, l’ascite torna come segno di guarigione. Andando avanti in questo modo c’è il rischio dell’escalation.

Nella Nuova Medicina Germanica® il paziente andrebbe esaminato con cura in senso clinico, psichico e cerebrale. Con molto meno dispendio si farebbe la stessa diagnosi, ma la si comunicherebbe con cautela al paziente, spiegandogli che ciò non porterebbe poi a grandi rischi. Se il conflitto non è ancora risolto si cercherebbe insieme al paziente una possibile soluzione. In questo modo il paziente non svilupperebbe né un carcinoma peritoneale né uno epatico. La prognosi sarebbe sempre poco drammatica, poiché si tratta sempre di un singolo carcinoma senza altre complicazioni, escludendo quei pochi casi dove si rischia veramente un ileo e dove naturalmente si dovrebbe intervenire chirurgicamente in modo profilattico.

Dopo la soluzione del conflitto secondo la 4° legge, il “sistema ontogenetico dei microbi”, si inizia subito con la riparazione, cioè il tumore viene caseificato e demolito con l’aiuto dei batteri fungiformi dei tubercoli (se sono presenti nell’organismo). Il carcinoma epatico solitario può di nuovo sparire solo se ci sono micobatteri (Tbc) nella fase di guarigione. Tutti i microbi conosciuti lavorano esclusivamente nella fase di guarigione, né prima né dopo, cioè se ci mancavano i microbi adatti durante la fase di guarigione, il tumore rimane, senza essere caseificato e senza essere demolito. Di solito le restanti caverne epatiche collassano e si induriscono come cosiddetta cirrosi epatica solitaria (in fondo lo stesso processo come nei focolai rotondi caseificanti e cavernizzanti della zona alveolare dopo il conflitto di paura di morire). In zone dove non c’è più possibilità momentanea o definitiva di rigenerazione può subentrare il tessuto connettivo ed incapsulare o perfino calcificare il tumore.

In questa fase di guarigione il fegato si gonfia, il paziente è stanco e spossato, dorme molto e bene, ma quasi sempre solo dalle 3 di mattino, interrotto da forte sudorazione notturna (come in tutti i tumori governati dal cervello antico con Tbc) e temperature subfebbrili. Il fegato è un po’ più piccolo ma alla fine della fase di guarigione ricostruisce di nuovo tessuto epatico normale per compensare.

Fondamentalmente bisogna sempre valutare i sintomi organici con tutta cautela, poiché si può sempre trattare di carcinomi vecchi, che non sono stati caseificati e demoliti nella fase di guarigione avvenuta, e perciò sono stati scoperti solo per caso.

Esistono anche organi che si compongono funzionalmente come parti diverse di foglietti embrionali diversi. Fanno parte di questo gruppo anche il fegato, lo stomaco ed il pancreas. Mentre gli organi governati dal cervello antico fanno aumento di cellule nella fase di conflitto attivo, gli organi governati dal neoencefalo fanno diminuzione di cellule nella fase di conflitto attivo.

Il cancro dei dotti biliari appartiene al neoencefalo, al foglietto embrionale esterno.

Nella fase di conflitto attivo si forma un’ulcera dell’epitelio pavimentoso nei dotti biliari.

Mentre nel tronco encefalico la lateralità è quasi senza importanza nelle zone governate dal neoencefalo invece è di importanza decisiva. Dall’organo al cervello o dal cervello all’organo la correlazione è sempre chiara. Solo nella correlazione tra psiche e cervello o tra cervello e psiche la lateralità prende importanza.

Esempio: Una donna destrimane subisce in caso di un conflitto di identità un carcinoma rettale, una donna mancina invece con lo stesso conflitto un carcinoma ulceroso dello stomaco o dei dotti biliari. Un uomo destrimane subisce in caso di conflitto di disputa del territorio un carcinoma ulceroso del dotto biliare o dello stomaco, l’uomo mancino invece con lo stesso conflitto un carcinoma rettale.

Nella fase di conflitto risolto questa ulcera viene ricostruita con nuove cellule con l’aiuto di virus, un processo che comporta sempre un forte edema e può eventualmente creare occlusioni momentanee.

In passato non sapevamo di questi meccanismi e consideravamo queste neoformazioni di cellule, che nella fase di guarigione fanno un vero aumento cellulare (per riempire l’ulcera), come tumori a volte molto maligni.

I virus lavorano invece secondo i programmi nella fase di guarigione, però con forte edema occludendo i dotti biliari intraepatici, cosa che fino ad ora era chiamata “epatite (virale)”. Non sono i virus a causare l’epatite, ma il nostro organismo si serve di loro, se sono presenti, per ottimizzare il percorso di guarigione. Se non sono presenti “microbi speciali”, le ulcere dei dotti biliari intraepatici guariscono anche senza di loro dopo la soluzione del conflitto (epatite virale non A, non B). Il percorso in caso di presenza dei cosiddetti virus di epatite A o B è più intenso ma più breve, ed offre ovviamente in senso biologico una possibilità maggiore di sopravvivenza che senza virus. La differenziazione “itterico” o “anitterico” (colorazione gialla o non colorazione) si orienta solamente a seconda di quanti dotti biliari intraepatici sono occlusi o se eventualmente è occluso il dotto principale (coledoco) a causa dell’edema.

Alla conclusione del processo dell’epatite si può formare anche in questo caso una cirrosi epatica. Essa consiste in parte di epitelio pavimentoso ed in parte di stenosi connettivali dei dotti biliari intraepatici (corrispondenti alle atelettasie bronchiali e le stenosi delle coronarie). In passato si era convinti che la cirrosi epatica derivasse dall’alcol. In realtà appartiene alla maggior parte degli alcolisti degli strati sociali inferiori. E lì l’esposizione a conflitti è molto maggiore che non negli strati medio borghesi. Non è il cancro che deriva dall’alcol, mal alcol e cancro derivano da preoccupazioni e dispute. È sempre solo questione di tempo fino a quando colpisce una DHS.

 Hamer: Il carcinoma al fegato

Il punto più critico nel percorso della guarigione dell’epatite non sono per niente il valori epatici al di sopra della norma (specialmente le gamma-GT, le fosfatasi alcaline ed eventualmente la bilirubina nel percorso itterico), ma la crisi epilettoide che si verifica quando il valori epatici cominciano a calare. Attenzione al coma epatico! In realtà si tratta di un coma cerebrale, immediatamente dopo la crisi epilettoide. La crisi epilettoide ha il senso biologico di spremere l’edema dal cervello e dall’organo, che si era accumulata per guarire, a partire dalla conflittolisi. La crisi epilettoide è per così dire il punto di svolta della fase pcl (fase di guarigione). In fondo è un processo molto sensato.

In questa fase avvengono coliche biliari, anche coliche biliari intraepatiche, in quanto le fibre del neoencefalo hanno innervazione sensibile. I dolori di guarigione che in fondo sono positivi si possono affrontare in modo sensato solo rendendoli comprensibili al paziente, che si prepara come per un vero grande lavoro che deve completare. Naturalmente esistono possibilità per rendere i dolori più supportabili con farmaci o applicazioni esterne. In fondo però i dolori hanno un senso biologico: fermare l’organismo per completare la guarigione in modo ottimale.

Nella Nuova Medicina Germanica® non esistono i termini maligno e benigno o metastasi, solo carcinomi secondari o terziari. Non esistono più neanche i “tumori cerebrali” ma solo i focolai di Hamer con configurazione a bersaglio, con edema cerebrale o accumulo di tessuto di glia dopo la soluzione del conflitto. Non esistono più neanche “malattie infettive” ma solo fasi di guarigione dopo una fase di conflitto attivo con corrispondente localizzazione nel cervello e manifestazione organica di un cancro o di una malattia oncoequivalente con coinvolgimento dei microbi obbligatori.

Tutte le malattie che esistono si evolvono secondo le leggi della Nuova Medicina Germanica®!

http://www.warmfit.com/wp-content/uploads/2016/01/presentazione20NMG.pdf

 

Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  Hamer: Il carcinoma al fegato  

May
27
Fabio, Sport Masseur
Hamer: Il carcinoma osseo
dottor g. r. Hamer - official group
0

Hamer: Il carcinoma osseo;

L’ 0 S S 0

Programmi speciali

biologici sensati

secondo la conoscenza della Nuova Medicina Germanica® del Dr. med. Ryke Geerd Hamer

Il carcinoma osseo: i dolori ossei sono segno sicuro di guarigione.

 

Hamer: Il carcinoma osseo

In origine per cancro si intendeva un tumore vero con forte aumento di cellule. Si supponeva che le cellule del tumore potessero navigare e causare escrescenze, figliare in altre parti del corpo, le cosiddette metastasi, che in realtà non esistono. Quando si veniva sempre più spesso a confronto con le cosiddette metastasi ossee, che presentavano un quadro opposto all’aumento cellulare, cioè dei buchi nell’osso, nessuno sapeva più cosa fosse realmente il “cancro”. Prima del 1981 (l’anno della scoperta della regola ferrea del cancro) c’erano molte teorie sull’origine del cancro. Ma che si potesse sviluppare un cancro a causa di un conflitto drammatico, altamente acuto, che dia isolamento psichico, che ci colga, per cosi dire, sul piede sbagliato, quasi nessuno lo riteneva possibile.

 Hamer: Il carcinoma osseo

La DHS (lo choc conflittuale biologico) è si un “essere colto sul piede sbagliato” ma anche l’aprirsi di una grande possibilità di rimediare a questo guasto. Con questa si inizia un “programma speciale biologico sensato” (SBS), cioè la possibilità benevola di madre natura, di riequilibrare la disattenzione. Questo conflitto biologico determina al momento della DHS sia la localizzazione del SBS nel cervello del cosiddetto “focolaio di Hamer” (HH), come anche la localizzazione nell’organo del cancro o degli oncoequivalenti (malattia simile al cancro, cioè diminuzione di cellule o deficit funzionale). Ogni malattia dimostra 2 fasi differenti, una fase di conflitto attivo ed una fase di guarigione, se avviene la soluzione del conflitto.

Il contenuto del conflitto in caso di “cancro osseo” è sempre un conflitto di perdita della stima di se, cioè un cosiddetto conflitto di crollo dell’autostima (SWE), che può essere sentito in modi differenti. Come, dove e cosa si sente viene definito sempre nel momento della DHS, per esempio:

Intellettualmente–moralmente = osteolisi della calotta e della colonna cervicale

In relazione a madre/bambino, padre/bambino, marito/moglie = osteolisi della spalla o dell’altra (a seconda della lateralità)

SWE delle capacità manuali, della destrezza = osteolisi delle braccia, mani

SWE centrale della personalità = osteolisi della colonna dorsale, lombare

SWE della sportività = osteolisi delle ossa delle gambe, delle ginocchia

Nella fase di conflitto attivo si formano necrosi, cioè osteolisi del sistema scheletrico, cioè si demoliscono cellule ossee o in casi più leggeri del sistema linfatico, con depressione contemporanea della ematopoiesi, delle cellule rosse e bianche del sangue, cioè una diminuzione della formazione di sangue = anemia. In caso di conflitti di SWE che durano a lungo, si possono formare grandi osteolisi del sistema scheletrico che poi presentano il pericolo di fratture sponatanee in questa fase di conflitto attivo.

Dopo la soluzione del conflitto (CL) succede il contrario, comincia un crescita selvaggia, ma ben organizzata di cellule di callo osseo. In questa fase intanto l’osso è ancora al massimo pericolo di crollare fin quando non si è ancora depositato callo a sufficienza. Le osteolisi ricalcificano sempre con forte gonfiore del tessuto osseo e forti dolori a causa della tensione del periostio. Contemporaneamente si vede adesso nel HH del cervello una colorazione scura (edema nella sostanza bianca del cervello) corrispondente alla parte scheletrica interessata che regredisce con l’aumento della ricalcificazione.

Più il paziente si prepara a questi attesi “dolori da guarigione ossea”, meglio sopporterà questi dolori. I dolori diventeranno insopportabili solo se il paziente viene preso dal panico. Questi dolori, che si presentano regolarmente nella fase di guarigione quando l’osso crea edema, sono un buon segno ed un processo importante nella guarigione biologica dell’osso, in quanto i dolori costringono l’individuo di tener ferma la parte scheletrica interessata, la quale rischierebbe di fratturarsi con carico o strapazzo funzionale. Normalmente il paziente dovrebbe stare a letto e non dovrebbe caricare il corpo vertebrale (in caso di interessamento della colonna vertebrale). La guarigione può essere controllata facilmente con esami radiografici dell’osso nella sua progressiva ricalcificazione. Si vede non solo più tessuto osseo di prima, ma addirittura più che nelle vicinanze, cioè maggiore densità.

Queste zone rotonde bianche e addensate sulla radiografia, che prima erano necrosi ossee, venivano ora chiamate “metastasi osteoblastiche” (che formano osso). Le necrosi ossee venivano chiamate “metastasi osteoclastiche” (che distruggono l’osso). Le necrosi ossee erano chiamate “metastasi osteoblastiche” (che distruggono l’osso). Come potevano queste necrosi spedire in giro delle “cellule cancerogene maligne”, visto che nella diminuzione di cellule non se ne trovavano neanche di cellule. Come può evolversi una osteolisi “benigna” in un osteosarcoma “maligno”? La “metastasi osteoblastica” non è nient’altro che la guarigione del buco nell’osso, in fondo la stessa cosa di un osteosarcoma. Si parla di osteosarcoma solamente quando è stato aperto il periostio, per esempio con la cosiddetta “biopsia”. Facendo ciò il liquido del callo sotto pressione, che si era formato nel buco osseo a causa della guarigione e che aveva dato pressione all’interno dell’osso spingendo il periostio in fuori, trova la sua strada attraverso il periostio perforato nel tessuto circostante, ingrossa ed indurisce il tessuto di cellule di callo e causa un cosiddetto “sarcoma”, un “mezzo osso”, chiamato anche osteosarcoma. Senza aver fatto una biopsia il tessuto circostante sarebbe solo gonfio. Il liquido fuoriesce dal periostio non però le cellule del callo. Secondo la comprensione della Nuova Medicina Germanica® si trova sempre lo stesso tipo di formazione istologica nella stessa zona organica anche in caso di cancro, sapendo ciò biopsie o prelievi di liquidi sono quasi sempre superflui. Secondo le nostre esperienze sappiamo che la TAC cerebrale può dare un’informazione più sicura della formazione istologica che una biopsia.

Troviamo lo stesso processo anche in un reumatismo articolare acuto, per esempio nel ginocchio, che equivale alla fase di guarigione dopo un conflitto di non sportività e che dopo un certo periodo regredisce spontaneamente. A causa del forte gonfiore e la deformazione dell’articolazione, che fondamentalmente sono passeggeri, può avvenire un recidiva del conflitto di non sportività, perché adesso il paziente non è per niente in grado di camminare spedito. Esistono questi circoli viziosi che si formano a causa dell’incomprensione o anche a causa del reale handicap durante la fase di guarigione. Un tale circolo vizioso lo troviamo per esempio nella poliartrite cronica primaria, che si basa sul seguente meccanismo: il paziente subisce un SWE di essere maldestro riguardo alle dita o allo scheletro della mano, commettendo un atto grossolano e maldestro. Quando risolve il conflitto il periostio si gonfia, e poiché si tratta spesso di osteolisi in vicinanza di articolazioni, l’edema preme in direzione della minor resistenza, cioè nell’articolazione delle dita o del polso. A causa del gonfiore il paziente si sente ancora più impacciato di prima e subisce adesso una recidiva dell’ormai risolto conflitto. La recidiva causa una regressione del gonfiore delle articolazioni, non perché sono guarite ma perché fanno nuove osteolisi nella nuova fase ca invece di continuare la ricalcificazione. Quando il gonfiore regredisce il paziente si sente più agile con le mani e può di nuovo giungere ad una soluzione del conflitto. La soluzione causa di nuovo un gonfiore delle articolazioni delle dita. Questo processo può andare avanti ad ondate anche per molti anni, fino a quando si giunge ad una deformazione permanente delle mani, che cementano rendendo maldestri permanenti.

Pazienti che in passato ottenevano la diagnosi di reumatismo articolare acuto, per esempio del ginocchio, finiscono adesso in oncologia e vengono trattati come osteosarcomi. La mortalità del osteosarcoma del ginocchio è molto alta. Non si era capito fino ad ora che si tratta dello stesso identico problema, perché non potevamo capire la differenza tra una frattura e la fase di guarigione di una osteolisi causata biologicamente da un conflitto. La differenza tra una osteolisi, causata da un conflitto biologico di SWE, ed una frattura normale, che è avvenuta senza un tale conflitto di SWE, si trova nella formazione di callo, che nella frattura normale avviene senza formazione di edemi imponenti. L’osso alla fine della guarigione di un SWE contiene più calcio di prima ed è più forte. Questo è il senso biologico.

Se il paziente aveva una diagnosi “maligna” il medico poteva dare morfina al minimo segno di dolore. Con leggerezza si accettavano gli effetti collaterali della morfina come dipendenza, soppressione respiratoria, paralisi intestinale ecc..

Visto che il dolore è una sensazione soggettiva, i pazienti sentono il dolore intensificato di molto con il diminuire dell’effetto della morfina. È noto che le dosi di morfina devono essere sempre aumentate. Perciò la somministrazione di morfina era sempre una strada a senso unico, un assassinio a rate. Con la Nuova Medicina Germanica® possiamo differenziare con esattezza a quale fase della malattia appartiene il dolore, di quale qualità è, quanto tempo durerà ecc..

È importante che il paziente comprenda: il dolore osseo è buono, è un segno sicuro di guarigione!

Farmaci citostatici invece impediscono la guarigione, la bloccano.

Nei casi dei cancri governati dal neoencefalo si possono ottenere successi apparenti nella fase di guarigione, in quanto ogni processo di guarigione può essere immediatamente bloccato con farmaci citostatici (chemio). Di massima si possono indurre allo sgonfiamento ogni foruncolo, ogni ascesso, perfino ogni puntura d’ape con l’uso di citostatici, ma si impedisce sempre in questo modo la guarigione e con ciò anche per esempio il lavoro necessario dei microbi.

Seguendo il sistema ontogenetico dei microbi si dimostra che i microbi si inseriscono in modo sensato e comprensibile dal punto di vista evolutivo nel processo biologico degli SBS. In fondo essi sono cresciuti insieme a noi e per noi. Loro sono un anello della catena di un circuito regolatore della natura, solo che noi non lo sapevamo. Perciò avevamo tentato con impegno cieco di distruggere questi piccoli aiutanti utili con i cosiddetti antibiotici o sulfamidici.

I batteri collaborano sia in parte negli organi governati dal cervelletto appartenenti al foglietto embrionale medio, dove demoliscono le cellule, sia anche nelle necrosi degli organi governati dalla sostanza bianca del cervello appartenenti al foglietto embrionale medio, dove aiutano a costruire cellule, come per esempio nell’osso. I chirurgi utilizzano questa conoscenza già da 50 anni, quando per esempio nel caso di una frattura comminuta la aprono e la tengono aperta con una perforazione con una serie di chiodi passeggeri, poiché una frattura aperta accessibile ai batteri guarisce molto più veloce di una frattura che resta chiusa. I batteri facilitano la costruzione ma demoliscono anche frammenti d’osso sparsi o superflui.

Non siamo morti a causa dei microbi, ma al massimo a causa dell’enorme edema nel nostro cervello durante la fase di guarigione, quando il conflitto era durato troppo a lungo. Ma si aggiunge un altro fattore. Le cellule staminali del midollo osseo si sono trovate in una depressione ematopoietica durante la fase ca a causa della simpaticotonia, ed alla fine producevano pocchissime cellule ematiche o addirittura non ne producevano più, per esempio in caso di conflitti di durata molto lunga. Si chiamapanmieloftisi. Con l’inizio della fase di guarigione però si sciolgono i freni e con una forte spinta il midollo osseo riprende la produzione. Inizialmente si producono leucociti in eccesso ed in parte inutilizzabili (per esempi blasti). Dopo l’usuale ritardo di 4-6 settimane riprende in ugual misura anche la produzione di eritrociti e trombociti, anche qui inizialmente con un gran numero di cellule di qualità inferiore, per esempio eritrociti con una capacità ridotta di trasportare ossigeno. Con ciò risulta “un’anemia ritardata con contemporanea leucemia”.

La leucemia è praticamente una specie di esubero di cellule del sangue simile al sarcoma, solo con la differenza che le cellule in esubero e di qualità inferiore vengono smaltite dall’organismo già dopo pochi giorni. La differenza tra leucemia acuta e cronica si può comprendere solo guardano ogni volta la specifica situazione di conflitto. Una leucemia acuta risulta da un conflitto di crollo di stima di se acuto e drammatico, quasi sempre una faccenda unica, mentre la leucemia cronica risulta da conflitti, che scompaiono in certi momenti del tutto, per poi ripresentarsi periodicamente con acutezza.

Perciò è molto importante da sapere: non esiste una leucemia senza precedente cancro osseo attivo.

Ma già la diagnosi annientante “leucemia” distrugge con forza inaudita la stima di se che si trova a mala pena in guarigione e molte volte è la causa di recidive o nuovi choc conflittuali, cioè di metastasi. Il paziente durante questa fase di guarigione leucemica è una pianticella delicata, che non può ancora essere esposta all’aria ruvida della concorrenza della stima di se.

Cancro osseo, anemia, leucemia, osteolisi, sarcoma, dolori ossei, colpo della strega, scoliosi, ernia del disco, reumatismo articolare, plasmocitoma, artrosi, morbo di Bechterew, poliartrite, Hodgkin ecc. sono fondamentalmente la stessa cosa solo in fasi differenti del processo.

http://www.warmfit.com/wp-content/uploads/2016/01/presentazione20NMG.pdf

 

Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   Hamer: Il carcinoma osseo   

May
25
Fabio, Sport Masseur
Hamer: La fortuna della leucemia
dottor g. r. Hamer - official group
0

Hamer: La fortuna della leucemia; Nella Nuova Medicina Germanica® la leucemia non è una malattia ma una fase di guarigione dopo una malattia del midollo osseo il quale è responsabile per la formazione del sangue. Fondamentalmente esistono due tipi iatrogeni (dovuti a fattori esterni) di danno del midollo osseo: uno è del tipo generalmente tossico e l’altro per esempio a causa di irradiazioni radioattive (Tschernobyl). La reazione di guarigione del midollo osseo si chiama reazione leucemica, nella quale il midollo osseo produce molte cellule immature sia della linea rossa che di quella biancha, cioè eritrociti e leucociti immaturi. I leucociti più immaturi sono chiamati (leuco-)blasti.

Nella medicina ufficiale aveva preso piede la mania che questi blasti fossero maligni, in quanto vengono prodotti in grande numero. Ma essi non sono per niente maligni e nessuno ha mai osservato che si possono dividere, al contrario dopo pochi giorni vengono demoliti (nel fegato), sono quasi come “macchine del lunedì”, che vengono tolte dal traffico in modo da non poter recare danno.

In passato si pensava erroneamente che questi blasti, che sono più grandi degli eritrociti, avrebbero potuto ostruire i vasi sanguigni. Ma questa è un’opinione errata in quanto durante la fase di guarigione leucemica (vagotonica) i vasi sanguigni sono mediamente dilatati tre o quattro volte del lume normale (diametro dei vasi), tanto che non esiste nessun pericolo. Nessun istopatologo ha mai potuto osservare al microscopio una tale ostruzione causata da blasti.

Hamer: La fortuna della leucemia

Anche l’opinione, secondo cui nella fase leucemica no si trovano sufficientemente leucociti, non è azzeccata: indipendentemente da quanti leucociti normali immaturi o blasti si trovano, il paziente ha sempre da 5 a 10.000 leucociti “normali”, il che è più che sufficiente rispetto alla diluizione.

Nella fase di guarigione dopo esposizione tossica o radioattiva il numero di leucociti, che può superare anche un milione, si regola da se dopo un certo lasso di tempo a seconda del grado di danneggiamento.

Questo tipo di danneggiamento non si osserva praticamente mai in biologia. Ma essa non si differenzia nell’ematogramma dal quadro che vogliamo spiegare adesso: causato da un conflitto biologico del crollo dell’autostima.

Anche qui la fase leucemica è la fase di guarigione. La fase che causa il danno è la precedente fase di conflitto attivo.

La fase di conflitto attivo è la fase di cancro. Durante la fase di conflitto attivo si formano osteolisi, cioè buchi nel tessuto osseo causati dalla diminuzione di cellule ossee. In questa fase il corpo produce sempre meno globuli rossi e bianchi del sangue. Lo chiamiamo anemia. Anemia (carenza di sangue), cancro osseo e fase di conflitto attivo di un crollo biologico di stima di se sono di regola la stessa cosa.

Nel cervello troviamo nella fase di conflitto attivo, nella zona appartenente della sostanza bianca dell’encefalo, una cosiddetta “configurazione a bersaglio”.

Una parte di questi crolli dell’autostima, che forse sono i più frequenti nel mondo umano che in quello animale, non possono essere risolti in realtà. L’individuo muore di anemia o diminuzione di cellule ossee.

Se il conflitto è durato a lungo ma alla fine viene risolto, la fase leucemica si distingue con un numero alto di leucociti. L’edema di guarigione nel cervello in questo caso è relativamente grande e può causare complicazioni (pericolo di coma cerebrale), se non si presta attenzione, come quasi sempre nella medicina ufficiale, e non si contrasta con l’aiuto di farmaci.

I sintomi della leucemia sono tipici, come tutte le fasi di guarigione dopo una malattia di cancro: il paziente è stanco e affaticato, spesso ha febbre, ha fame e nella prima fase della guarigione una diminuzione numerica degli eritrociti e dei leucociti a causa della dilatazione dei vasi (tipica per la fase di guarigione vagotonica) e della diluizione del sangue attraverso il siero. Contemporaneamente il paziente ha spesso forti dolori a causa dello stiramento del periostio in quella zona dove sotto il periostio si erano formate osteolisi, le quali cominciano adesso a ricalcificare.

Con la fase della stanchezza e dei dolori madre natura ha voluto causare qualcosa di sensato: l’individuo, uomo o animale, dovrebbe riposare il più possibile e star fermo, poiché a causa del distacco del periostio dall’osso (causato dall’edema nell’osso) in questa fase l’osso a volte non ha più stabilità, mentre prima la funzione del raggrinzire del periostio garantiva stabilità maggiore all’osso.

Perciò in questa fase: attenzione alle fratture ossee, specialmente nell’adulto e specialmente nel caso di osteolisi del collo del femore!

Quando si tratta di bambini piccoli la decalcificazione ossea è di solito generalizzata in quanto avevano subito un crollo generale dell’autostima (“mamma non mi vuole più bene, presta attenzione solo al fratellino”). Perciò il pericolo di frattura non esiste quasi mai nei bambini piccoli.

La medicina ufficiale non presta attenzione né al cervello né alla psiche dei suoi pazienti (professore pediatra Niethammer: ” Bambini, specialmente poppanti, non hanno ancora conflitti”). Loro partono con la follia di dover normalizzare artificialmente il numero aumentato dei leucociti, e questo subito, una cosa che fa anche madre natura ma solo quando le osteolisi si sono di nuovo calcificate, cioè quando sono guarite. Naturalmente si intende che nel mentre guariscono anche la psiche ed il cervello.

Se i medici della medicina ufficiale trovano una osteolisi, che si trova in guarigione con la fase leucemica, allora parlano di osteosarcoma. Praticamente ogni fase di guarigione leucemica corrisponde ad un osteosarcoma più o meno grande o ad osteosarcomi multipli. Questi per la fortuna del paziente non vengono quasi mai diagnosticati.

I vari tipi di leucemia:

Leucemia mieloide, linfatica e leucemia monocitica. In passato venivano rigorosamente differenziate. Da quando sappiamo che durante la stessa fase di guarigione molte volte la leucemia cambia da un tipo all’altro, e non si da più la stessa importanza alla differenziazione.

In passato la cosiddetta leucemia cronica o della vecchiaia e la leucemia linfatica nei bambini piccoli erano considerate particolarmente insignificante. Entrambe di solito non venivano considerate come leucemie vere. In questo grande errore però si trovavano due piccole scintille di verità.

Tragicamente oggi si diagnosticano 30 o 40 volte più leucemie che in passato (in realtà sarebbero ancora molte di più). Fondamentalmente ogni lombaggine (colpo della strega) è una piccola leucemia.

In passato nessun pediatra avrebbe avuto l’idea di fare un prelievo di midollo osseo in una leucemia linfatica infantile. Si controllava dopo 3 e 6 mesi e si costatava che si era risolta.

Leucemie acute e croniche si differenziano per il fatto che il percorso del conflitto si presenta per la prima volta o si ripresenta per l’ennesima volta.

Sapendo tutte queste cose nessuno dovrebbe più morire di leucemia, tanto meno un bambino.

Parliamo, anche se il paziente è momentaneamente stanco ed affaticato e sente dolori, della “fortuna della leucemia”.

Sia la chemio che anche la morfina contro i dolori ossei sono un follia assurda che si contrappongono a tutto quello che madre natura ha inventato con questi sintomi sensati.

La stupidità della medicina ufficiale del momento si trova nel fatto, che si danneggia ulteriormente il midollo osseo, che è già danneggiato e sta riprendendosi in quel momento, e spesso in modo definitivo, in modo che non riesce più a riprendersi.

La coronazione della follia è il cosiddetto trapianto del midollo:

con esso il midollo osseo del paziente viene completamente distrutto con chemioterapia e radiazioni. Poi gli vengono iniettati cellule di midollo osseo di un donatore estraneo (a volte anche del proprio midollo osseo prese nella cosiddetta fase di remissione piena) nel circuito sanguigno con la speranza che le cellule attecchiscano come ravanelli in terra nel midollo osseo di prima, ormai distrutto.

Nessun ricercatore ha mai potuto osservare, che una cellula di midollo osseo marcata con radioattività sia migrata dal sangue nel midollo osseo per attecchire lì. Le cellule estranee vengono al contrario demolite rapidamente ed in breve non sono più rintracciabili.

Solo una piccolissima percentuale di questi pazienti sopravvive, quella in cui la radiazione non è stata completa per un qualsiasi motivo, tanto che il proprio midollo osseo abbia potuto rigenerarsi.

Hamer: La fortuna della leucemia

Se avete compreso la portanza di queste cose, sapete il perché nessun professore osi confrontarsi con Hamer e quasi nessun professore adopererebbe questo non-senso sui propri famigliari.

Tono originale della medicina ufficiale, professor Winkler del centro per la leucemia in Muenster: Già dopo quattro settimane di cura di chemio non si rintracciano più cellule cancerogene al microscopio. “Ciò nonostante dobbiamo praticare altri 5 mesi di terrore in volo cieco”, dice l’oncologo Winkler. A questo trattamento intensivo segue una fase di 18 mesi di pastiglie (Spiegel (rivista tedesca) , 47/1991, pagina 336).

Aiutate a finire questa follia!

http://www.warmfit.com/wp-content/uploads/2016/01/presentazione20NMG.pdf

 

Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia  Hamer: La fortuna della leucemia

May
25
Fabio, Sport Masseur
Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?
dottor g. r. Hamer - official group
0

Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?    Nella medicina ufficiale che regna, la “malattia” in generale viene considerata un “errore della natura”, come un crollo del cosiddetto “sistema immunitario”, come qualcosa di “maligno”, che cerca di distruggere l’organismo e perciò deve essere combattuto ed eliminato con tutti i mezzi a disposizione di una strategia medica militare. E così si era creduto che nella formazione del cancro il sistema immunitario, – qualsiasi cosa ci si immaginasse, comunque una specie di armata a difesa del corpo, – fosse indebolito, tanto che le piccole cellule maligne del cancro o dei microbi potessero trovare una breccia, invadere il tessuto ed espandersi. E perciò era importante mobilitare la nostra armata di difesa del corpo, il cosiddetto “sistema immunitario”, contro l’armata maligna degli aggressori, dei microbi o anche delle cellule cancerogene, che volevano distruggerci.

Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?

La Nuova Medicina Germanica® invece ha scoperto che non si tratta di “malattie” nel senso che si credeva fino ad ora, ma che i sintomi, che avevamo chiamato “malattie”, sono “programmi speciali biologici sensati” della natura bifasici, nei quali la presunta malattia rappresenta solo una delle due fasi.

In passato nella nostra ignoranza abbiamo visto grossolanamente circa 1.000 malattie. 500 di esse erano malattie fredde, nelle quali il paziente aveva i vasi sanguigni cutanei ristretti, era pallido, e perdeva peso. Le altre erano circa 500 malattie calde, con febbre, vasi sanguigni dilatati, buon appetito, ma grande stanchezza. Tutte queste presunte malattie erano considerate malattie a se stanti. Erano descritte nei nostri testi di studio e le dovevamo imparare a memoria per l’esame di stato. Adesso sappiamo che non era corretto così. Si trattava ogni volta solo di metà di una malattia e di conseguenza conosciamo adesso grossolanamente all’incirca 500 programmi speciali biologici sensati (SBS) che sono bifasici: la 1° fase è sempre la fase fredda, di conflitto attivo, simpaticotonica, di stress. La 2° fase è, se avviene la soluzione del conflitto, sempre una fase di guarigione, calda, di conflitto risolto, vagotonica.

La 4° legge della natura riordina tutte le cosiddette malattie secondo la loro appartenenza ai foglietti embrionali, che si formano fin dall’inizio dello sviluppo dell’embrione: il foglietto embrionale interno, quello medio e quello esterno. Non solo si possono associare ogni cellula od ogni organo del corpo ad uno di questi foglietti embrionali, ma oltre a ciò, ad ognuno di questi foglietti embrionali appartiene anche, secondo l’evoluzione, una specifica parte del cervello, un determinato tipo di contenuto conflittuale, una determinata localizzazione nel cervello, una determinata istologia e specifici microbi a seconda del foglietto embrionale. Oltre a questo ogni SBS ha anche un senso biologico specifico.

 Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?

I microbi, li avevamo intesi fino ad ora come se causassero le cosiddette malattie infettive, e sembrava sensato in quanto nelle cosiddette malattie infettive si trovavano sempre questi microbi. Ma in queste presunte malattie infettive avevamo solo dimenticato o non osservato la prima fase del processo. A queste presunte malattie infettive precedeva sempre una fase di conflitto attivo. Solo con la soluzione del conflitto questi microbi possono diventare attivi. Allora non sono nostri nemici ma ci aiutano, lavorano su nostro comando, su comando del nostro organismo, diretti dal nostro cervello.

Cerchiamo di immaginarci i microbi come tre tipi di lavoratori:

1. Quelli che devono eliminare le immondizie (spazzini), i micobatteri tubercolotici, che per esempio eliminano i tumori intestinali (del foglietto embrionale interno) nella fase di guarigione (solo diminuzione di cellule!). Vogliamo subito menzionare che i micobatteri, allo stesso ritmo dei tumori degli organi governati dal cervello antico dell’endoderma e (della parte antica) del mesoderma, si moltiplicano durante la fase di conflitto attivo, ma diventano attivi ed eseguono il loro lavoro solo nella fase di conflitto risolto.

2. Quelli che devono risistemare un cratere provocato da una bomba (lavoratori di terreno), i virus che riempiono le ulcere, cioè le ri–elevano a livello del tessuto circostante (ricostruzione di cellule). I virus si trovano sempre solo in fase di guarigione e solo negli organi governati dalla corteccia cerebrale appartenenti al foglietto embrionale esterno. I sintomi concomitanti sono: vagotonia, di solito febbre, edemi dell’epidermide o della mucosa, però solo della mucosa di epitelio pavimentoso.

3. Quelli che elaborano solo i difetti (osteolisi, necrosi) degli organi del foglietto embrionale medio, i batteri, che sono da paragonare a degli scavatori, che puliscono il campo dalle macerie per poterci costruire una nuova casa, cioè per permettere all’organismo di riempire il difetto come si deve (demolizione e ricostruzione di cellule!). Anche qui avviene la moltiplicazione delle cellule esclusivamente nella fase di guarigione o dopo lesioni, dove sono presenti batteri.

Se non sono presenti “microbi specifici” la fase di guarigione si svolge naturalmente lo stesso, ma non in modo biologicamente ottimale, per esempio: epatite non A, non B, non C. I dotti epatici, che sono coperti di epitelio pavimentoso e che si alterano ulcerandosi in caso di conflitto biologico di disputa di territorio, per migliorare il deflusso di bile con un lume maggiorato (= senso biologico), si chiudono a causa dell’edema. Conseguenza: la bile ristagna, non riesce a defluire. Se sono coinvolti contemporaneamente molti dotti epatici il paziente diventa giallo: ittero, urina scura, feci giallo chiare a causa della mancanza della sostanza che colora la bile. Ma non sono i virus a causare l’epatite, come credevamo noi medici intelligenti nella nostra ingenuità, piuttosto, il nostro organismo si serve di loro, se sono presenti, per ottimizzare il percorso di guarigione. Comunque decide sempre il nostro cervello su quale tipo di microbo, in quale tipo di lavoro e quando ci debba aiutare; solo un determinato tipo, che il nostro cervello lascia lavorare a seconda del caso. Lo stesso su comando del nostro cervello, i presunti microbi patogeni si trasformano di nuovo in microbi benigni, apatogeni, e si ritirano in qualche parte del nostro organismo dove non disturbano, ma da dove possono sempre essere riattivati quando necessitano di nuovo. Visto che non lo sapevamo in passato, non solo avevamo male interpretato tutte le presunte malattie (SBS), ma non abbiamo neanche potuto trattare un solo paziente in modo corretto, secondo le cause.

Ma se i microbi non erano armate di nemici ma armate di amici, controllati e governati in modo sensato dall’organismo come simbionti, che cosa era allora il cosiddetto “sistema immunitario”? un’armata di cellule assassine, fagociti, linfociti T ecc., aiutato da uno squadrone di reazioni del siero? In altre parole: cosa resta del cosiddetto “sistema immunitario”?

Risposta: solo i fatti, non il presunto sistema, in quanto il “sistema immunitario” non esiste come concetto indefinito, spugnoso, che viene utilizzato indistintamente nella fase di conflitto attivo come nella fase di conflitto risolto, nel cancro, nei sarcomi, nella leucemia o nell’AIDS, attraverso tutte le cosiddette “malattie infettive”.

Anche nella cosiddetta “malattia da immunodeficienza AIDS” dicono siano coinvolti virus e linfociti T. I virus dell’HIV però non vengono mai trovati nei pazienti con AIDS. Nessuno ha mai osservato una sintomatologia precisa dopo una cosiddetta infezione con HIV, come si è abituati per esempio con la rosolia o con il morbillo. Pure è molto strano che l’”AIDS”, come presunta malattia virale, si comporti in modo del tutto differente dalle altre malattie virali, le quali vengono considerate superate quando il test degli anticorpi risulta positivo, cioè quando la “malattia” è superata. Che tali sintomi eclatanti comportino senza eccezione una serie di reazioni del sangue e del siero dovrebbe essere sottinteso. Ma dato che non esiste una specifica sintomatologia per l’”AIDS” si aprono le porte ad atti medici e diagnostici arbitrari.

Se una persona ha il test dell’HIV negativo e si ammala per esempio di cancro, reumatismo articolare, sarcoma, polmonite, diarrea, demenza, micosi, tubercolosi, febbre, herpes o tutti i possibili sintomi neurologici o di deficit, allora si tratta di normali “malattie” nel senso comune del termine, secondo la comprensione del passato. Se la stessa persona però ha il test dell’HIV positivo, subito tutti questi sintomi sono sintomi maligni dell’AIDS, viene quasi da dire metastasi dell’AIDS, che segnano già l’imminente e penosa morte del paziente di AIDS da compatire.

Per virus HIV, che non esiste (il presunto scopritore del AIDS, il Signor Montagnier, ha dichiarato in un’intervista ad un giornale spagnolo nel 1995 di non aver mai visto il virus HIV!), si intendeva fondamentalmente che il colpito “dall’epidemia mortale di AIDS” moriva infine di cachessia e panmieloftisi, cioè era incapace di produrre sangue.

Lo stesso processo lo troviamo anche in caso di cancro osseo o meglio dire in caso di cancro con diminuzione ossea, cioè osteolisi del sistema scheletrico, che comporta sempre una panmieloftisi (anemia) ed il conflitto correlato, secondo la locazione della parte scheletrica colpita, è sempre uno specifico conflitto di crollo dell’autostima. La guarigione di un tale conflitto di crollo dell’autostima sarebbe la formazione di callo osseo dell’osteolisi (ricalcificazione), con il segno della leucemia. Si ammala di “AIDS” solo chi sa o chi crede di essere HIV positivo!

Strano che nessuno abbia mai notato questo strano fenomeno. Tutta questa faccenda deve avere a che fare con la psiche. Per essere più precisi: se le persone si ammalano gravemente solo quando viene loro detto che sono HIV positivi, è urgente immaginare cosa succeda nella psiche di un tali pazienti ai quali viene comunicata una diagnosi annientante con la prognosi del 50% di mortalità!

Esattamente come ci fanno sempre paura con il cancro, in quanto è maligno, anche con i microbi maligni ci facevano paura.

Anche se la paura in caso di epidemie non è del tutto infondata, questo non è colpa dei microbi ma della civiltà, ed anche qui, dei molteplici errori della civiltà.

In fondo esistono solo due possibilità riguardo ai microbi: o i microbi sono endemici (per una zona), cioè tutti li hanno, quindi nessuno può avere “nuovi” microbi, in quanto ha tutti quelli che si possono avere in quella zona. O si impedisce con “l’igiene”, separazione e vaccini, che le persone entrino in contatto coi microbi o le loro conseguenze, come le tossine. La nostra civiltà tenta quest’iltima strada. Nella natura, negli animali e nei popoli naturali questo non esiste.

Per quanto riguarda il “pericolo di infezione”, specialmente con i microbi esotici, possiamo dire: esattamente come il nostro organismo o il nostro cervello computer non ha un programma per automobili, aerei o televisione, il nostro computer cervello non è neanche predisposto ad una cambiamento di territorio di migliaia di chilometri in poche ore, tanto meno in altre zone climatiche con altri microbi. Ciò che è del tutto normale per gli abitanti che vivono lì, poiché sono nati e cresciuti lì e si sono adattati, non è per niente normale per il visitatore. Un esempio è il morbillo per noi innocuo che superiamo di solito da bambini. Quando si è importato il morbillo in America, morirono molte migliaia di indiani adulti miseramente, ma non un singolo bambino. Ogni medico in Europa sa che anche da noi un’infezione primaria con il morbillo nell’adulto può essere mortale. Nel bambino invece è sempre innocuo. Si trasmette si il virus, ma si ammala solo colui o il bambino che ha vissuto precedentemente il conflitto correlato e si trova al momento in fase di guarigione. Nel caso del morbillo si tratta di un conflitto che ha da fare con il cavo orale o con i seni paranasali (per esempio “questa cosa mi puzza”).

Il cosiddetto sistema immunitario, che avevamo immaginato come una specie di armata del nostro organismo, che annientava cellule cancerogene maligne o microbi maligni come in una grande battaglia, non esiste in questo senso. Corrisponde alla precedente completa ignoranza sulla tipologia della “malattie” e la completa incapacità di valutare e classificare gli innumerevoli fatti e sintomi della sierologia e dell’ematologia.

La nostra odierna medicina ufficiale con le sue innumerevoli ipotesi non dimostrate e non dimostrabili è un errore continuo e brutale. Avevamo trovato fatti veri da esami nella medicina ufficiale, come l’ematogramma, parametri di laboratorio o cambiamenti nella ematopoiesi ecc. o immagini di TAC, ma le conclusioni che avevamo tratte e la terapia che ne risultava erano completamente sbagliate. Di conseguenza il tasso di mortalità della terapia nel cancro era del 98% dopo 5 anni. Nella Nuova Medicina Germanica® si verifica il contrario, il tasso di sopravvivenza si trova al 98%.

Una “malattia” in questo senso, come ci è stato insegnato all’università, non esiste in senso stretto. Avevamo presupposto, in ciò che chiamavamo “malattia”, un errore di “madre natura”, cioè che il presunto “sistema immunitario” (pensato come un’armata di difesa del nostro organismo) fosse diventato troppo debole.

“Madre natura” invece non fa errori, magari può apparire un errore a prima vista, ma ha un senso, anche se a volte con sintomi concomitanti negativi per l’individuo, ma sempre a favore del bene del gruppo più grande.

http://www.warmfit.com/wp-content/uploads/2016/01/presentazione20NMG.pdf

 

Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   Hamer, Il sistema immunitario – di cosa si tratta?   

Skip to toolbar